MA VOI AVEVATE CAPITO IL SIGNIFICATO DI "VATTENE AMORE"? LA SPIEGA AMEDEO MINGHI: "I DUE PROTAGONISTI DICONO DI VOLERSI LASCIARE PRIMA DI ARRIVARE A CHIAMARSI 'TROTTOLINO AMOROSO'. LA GENTE L’HA FRAINTESO, TRASFORMANDOLA IN UN INNO DELLA STUPIDITÀ" - "NEL 1990 LA CANZONE ARRIVO' TERZA A SANREMO: INCREDULITÀ PURA. NESSUNO IMMAGINAVA CHE STESSIMO CANTANDO UNA COSA EPICA..." - POI RIVELA CHE PAPA WOJTYLA SIMPATIZZAVA PER LA ROMA - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

 

Caterina Ruggi d'Aragona per corrierefiorentino.corriere.it - Estratti

 

 

amedeo minghi amedeo minghi

A 4 anni dai suoi ultimi live, Amedeo Minghi torna sui palchi italiani per il 40esimo anniversario di «1950» con una tournée che, dopo l’anteprima ad Aprilia ha come prima tappa il Teatro Verdi di Firenze, martedì (20.45).

 

 

(...)

Perché cantare oggi «1950»?

«È un brano di terribile attualità, che racconta un momento di pace e riscatto alla fine di una guerra terribile. Serenella non è solo una bella ragazza a passeggio per le strade romane; è l’Italia, che prende coscienza di sé e di un progetto possibile. Tutto questo stride con il mondo di oggi, funestato da oltre 70 conflitti, tra cui uno che ci coinvolge fino al collo e l’altro che ci vede alleati di chi difende la guerra. Resta la speranza in chi come me crede che i nipoti possano un giorno vivere in un mondo migliore».

 

La sua fede non ha mai vacillato?

amedeo minghi amedeo minghi

«Vacillo eccome. Non mi spiego perché gli uomini di Chiesa con ruoli importanti non facciano qualcosa di tangibile per fermare la guerra. Giovanni XXIII seppe impedire grandi tragedie. E credo che Giovanni Paolo II sarebbe intervenuto oggi, mentre tutta la società sembra inerte».

 

Cosa l’ha colpita di Papa Wojtyla, al punto da scrivere una canzone su di lui?

«Ci siamo incontrati in diverse occasioni, anche a tu per tu, ma le cose dette al Papa non si riferiscono. Mi sorprese come artista: scriveva commedie e canzoni; cantava con una voce potente, intonata. Quando gli dedicati Un uomo venuto da lontano, in Sala Nervi davanti a 10 mila persone, non gli arrivò bene l’audio. Subito dopo mi chiese di portargli il testo. “Voglio vedere cosa hai detto di me”, disse. Poi gli portammo una pizza giallo-rossa, perché avevamo scoperto che simpatizzava per la Roma, ed era una buona forchetta».

 

MINGHI WOJTYLA MINGHI WOJTYLA

Tra i giovani colleghi chi le piace?

«Elisa, mi piacerebbe duettare con lei. Giovanissimi non ne conosco, perché ascolto poca musica; trovo chi eccelle in ogni genere, pure nella trap; e qualche volta mi faccio dire dall’App del telefono chi è. Ho ricevuto persino un Tapiro d’oro, perché non avevo riconosciuto un famosissimo dj che al Dopo Festival stroncò Cantare è d’amore».

 

Anche «1950» andò malissimo a Sanremo…

«Eliminata in prima serata. L’avevo immaginato: la canzone risentì del taglio da 5 a 3 minuti, che la privò del suo respiro. Si è rifatta poi».

 

Nel 1990 conquistò assieme a Mietta il terzo posto con «Vattene amore».

«Incredulità pura. Nessuno immaginava che stessimo cantando una cosa epica, con un’insidia letteraria: i due protagonisti dicono di volersi lasciare prima di arrivare a chiamarsi trottolino amoroso. La gente l’ha frainteso, trasformandola in un inno della stupidità».

 

amedeo minghi amedeo minghi

Mietta sarà ospite al Verdi di Firenze.

«All’epoca non abbiamo avuto tempo di fare concerti assieme. L’accoglienza del pubblico dell’Arena di Verona, a settembre scorso, ci ha fatto venire voglia di recuperare ora».

 

Quando ha capito che la musica sarebbe stata la sua strada?

«Ho sempre immaginato che avrei fatto il musicista. Per la verità, da ragazzino volevo diventare direttore d’orchestra».

 

I suoi genitori l’hanno sostenuta?

«Mamma Vittoria sì. Papà Arturo, mastro scalpellino, all’inizio mi osteggiò, anche se mi accompagnava ai provini; alla fine è diventato il mio più grande fan. Oggi ci sono i nipoti: un ragazzone 20enne e una meravigliosa peste di 5 anni: gli unici che io ammetta sul palcoscenico».

amedeo minghi amedeo minghi amedeo minghi mietta amedeo minghi mietta amedeo minghi amedeo minghi amedeo minghi amedeo minghi amedeo minghi amedeo minghi amedeo minghi amedeo minghi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE