DA MANCHESTER CON AMORE- LA 'ROYAL AIR FORCE' BRITANNICA SCRIVE 'LOVE FROM MANCHESTER' SUL MISSILE DESTINATO ALL'ISIS IN SIRIA, CONSOLIDANDO UNA TRADIZIONE MESSAGGISTICA MILITARE  CHE VA AVANTI DALLA SECONDA GUERRA MONDIALE

-

Condividi questo articolo


da manchester con amore da manchester con amore

Thomas Burrows per “Mail On Line

 

"Love from Manchester", da Manchester, con amore. C’è scritto così, con tanto di cuoricino disegnato con un pennarello, su uno dei missili montati a bordo degli aerei della ‘Royal Air Force’ britannica, destinato all’Isis in Siria.

 

E’ la risposta all’attentato che lunedì ha ucciso 22 persone, per lo più minorenni, durante il concerto di Ariana Grande. Improbabile che chi ha messo la scritta sul missile venga punito, perché, viste le circostanze, un sentimento simile è comprensibile. E poi i messaggi sui missili della RAF sono consuetudine, hanno una lunga storia, praticamente esistono in ogni conflitto, e sono stati usati spesso durante la seconda guerra mondiale.

dai russi in memoria di parigi dai russi in memoria di parigi

 

Una pratica non solo britannica. Nel 2015, dopo la strage di Parigi in cui morirono 130 persone, sulle bombe americane in Medio Oriente è apparso ‘Da Parigi con amore’, sui missili russi ‘Questo è per Parigi’. Britannici e americani hanno dato avvio alla tradizione scrivendo sugli esplosivi messaggi per Hitler: ’Buona Pasqua, Adolph’, ‘Corri Rommel corri!’. Contro il Giappone: "Non dimentichiamo Pearl Harbor"

buona pasqua adolph hitler buona pasqua adolph hitler

 

Lo stesso è accaduto per Osama Bin laden e Saddam Hussein: “Caro Osama, pacco speciale dalle cheerleader americane’, "Saddam, questo è per te”.

bomba post 11 settembre bomba post 11 settembre bomba per il vietnam bomba per il vietnam da parigi con amore da parigi con amore missile per il giappone missile per il giappone missile per rommel missile per rommel bombe per saddam e obama bombe per saddam e obama

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA