DI MARE FA COME JE PARE - DIRETTORE DI RAI3 E CONDUTTORE SU RAI1? OF COURSE! STASERA IL DOCUMENTARIO SULLA RAI AL TEMPO DEL CORONAVIRUS, CURATO E PRESENTATO DA FRANCO DI MARE. RACCONTERÀ LE TRASMISSIONI CHE SI SONO FERMATE E QUELLE CHE SI SONO DOVUTE TRASFORMARE PER CONTINUARE AD ANDARE IN ONDA. PIÙ META-TV DI COSÌ…

-

Condividi questo articolo

Massimo Galanto per www.tvblog.it

Franco Di Mare Franco Di Mare

 

Può accadere che il direttore di una rete Rai conduca un programma in onda su un'altra rete Rai? Sì. Succederà [stasera], martedì 30 giugno 2020, quando Rai1 trasmetterà in seconda serata (ore 23.40) il documentario dal titolo La TV ai tempi della pandemia. A curarlo è Franco Di Mare, attuale direttore di Rai3.

 

Per la cronaca, al centro del documentario ci sarà il racconto della Rai di fronte a un'emergenza che l'ha costretta a cambiare in corsa i programmi e il modo di produrli, le regole sulla tutela dei lavoratori e l'offerta televisiva.

 

Franco Di Mare racconterà le trasmissioni che si sono fermate e quelle che si sono dovute trasformare per continuare ad andare in onda, nel rispetto del mandato del servizio pubblico e lo farà raccogliendo le testimonianze di Renzo Arbore, Carlo Conti, Eleonora Daniele, Ambra Angiolini, Lino Guanciale, Alessandra Mastronardi, Patrizio Rispo, Massimo Bernardini e Roberto Poletti. Inoltre, Giovanna Botteri mostrerà il dietro le quinte del suo lavoro mai interrotto, in una Cina paralizzata dal virus e dalla paura.

stefano coletta foto di bacco (2) stefano coletta foto di bacco (2)

 

Saranno coinvolti anche direttori e dirigenti della tv pubblica, da Stefano Coletta (direttore di Rai1) ad Antonio Marano (presidente Rai Pubblicità), da Marcello Ciannamea (Direttore Distribuzione), Alberto Matassino (direttore Generale Corporate), da Antonio Di Bella (direttore Rai News) a Felice Ventura (direttore Risorse Umane e Organizzazione).

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

GAD, CI FAI O CI SEI? - ORA CHE SCRIVE PER “IL FATTO”, LERNER DENUNCIA “L'OMERTÀ” DELLA SINISTRA E DEI GIORNALI DOPO IL CROLLO DEL PONTE MORANDI. MA PERCHÉ NON SE N’E’ ACCORTO QUANDO ERA ANCORA A “REPUBBLICA”, CHE IMPIEGO’ CINQUE GIORNI, COME DEL RESTO IL "CORRIERE", PER SCRIVERE BENETTON ANZICHE' ATLANTIA? - LA SPIEGAZIONE DELL'ANIMA BELLA: “PESAVA IL FATTO CHE I BENETTON ERANO PARTE DEL CAPITALISMO DI RELAZIONE INSEDIATO NELLE PROPRIETÀ DEI GIORNALI”. AH, ECCO. QUANDO IL BORDELLO CHIUDE, BISOGNA FARE LE VERGINELLE....

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute