MARINO NIOLA SPIEGA PERCHÉ ROBERTO DE SIMONE, "CHE VIVE IN UN VERGOGNOSO DIMENTICATOIO" È ANCORA L'ANIMA DI NAPOLI – FONDATORE DELLA NUOVA COMPAGNIA DI CANTO POPOLARE, I SUOI SPETTACOLI SONO ORMAI ENTRATI NELLA MITOLOGIA DEL TEATRO ITALIANO (UNO PER TUTTI, LA GATTA CENERENTOLA)- "L'ISOLAMENTO DI DE SIMONE È UN ATTO SPREGEVOLE”, ANCHE RICCARDO MUTI TUONA CONTRO LE ISTITUZIONI DI NAPOLI COLPEVOLI D'INGRATITUDINE E DI IGNORANZA NEI CONFRONTI DI UN...

-

Condividi questo articolo


Marino Niola per “il Venerdì di Repubblica”

 

roberto de simone roberto de simone

«Roberto De Simone. Un genio ignorato dai più». A dirlo nei giorni scorsi è stato il grande Riccardo Muti, sparando ad alzo zero contro le istituzioni di Napoli e non solo, colpevoli d'ingratitudine e di ignoranza nei confronti di un personaggio che il mondo ci invidia.

 

«Musicista, compositore, regista immenso, vive in un isolamento che è un atto spregevole», non usa mezze misure il direttore della Chicago Symphony Orchestra.

Non si può che dargli ragione. Visto che De Simone, fondatore della Nuova Compagnia di Canto Popolare, è un artista di fama mondiale.

 

MARINO NIOLA MARINO NIOLA

I suoi spettacoli sono ormai entrati nella mitologia del teatro italiano. Uno per tutti, La gatta cenerentola, che dal debutto, avvenuto il 26 luglio 1976 al Festival dei due mondi di Spoleto, ha girato il mondo per venticinque anni. In un Paese meno sciamannato e volubile del nostro sarebbe sempre in cartellone. Come succede a Broadway con West Side Story, My Fair Lady, Jesus Christ Superstar, A Chorus Line, alcuni dei quali hanno avuto qualcosa come settemila repliche e in certi casi vanno ancora in scena. In questa opera-fiaba gli aspetti più profondamente locali della cultura napoletana venivano resi universalmente comunicabili, tradotti in linguaggi alti e internazionali. Non a caso lo spettacolo è considerato un classico.

 

Come le commedie di Eduardo. E in certe università americane è materia di studio. Perché metteva a tacere il rumore fastidioso della napoletaneria più ruffiana. Per discendere verso le sorgenti poetiche di Partenope, verso quella profondità che fa della città una regione dell'anima che, come tale, appartiene al mondo.

RICCARDO MUTI E ORCHESTRA CHERUBINI RICCARDO MUTI E ORCHESTRA CHERUBINI

 

E adesso il Maestro, alle soglie dei novant' anni, vive in un vergognoso dimenticatoio. E per il suo immenso patrimonio, fatto di libri, testimonianze, oggetti d'arte non si trova nemmeno un posto.

Roberto De Simone Roberto De Simone roberto de simone roberto de simone Trianon Opera - Roberto De Simone Trianon Opera - Roberto De Simone roberto de simone roberto de simone Trianon Opera - Roberto De Simone Trianon Opera - Roberto De Simone roberto de simone roberto de simone MARINO NIOLA 2 MARINO NIOLA 2 roberto de simone 2 roberto de simone 2 ROBERTO DE SIMONE hqdefault ROBERTO DE SIMONE hqdefault Roberto De Simone Roberto De Simone roberto de simone roberto de simone

Speriamo che la politica e la cultura provino almeno un po' di vergogna.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"