MARIO BIONDI, PIU’ FIGLI CHE CANZONI! IL CANTANTE A "CIAO MASCHIO" CONFESSA A NUNZIA DE GIROLAMO IL DOLORE PER LA FIGLIA MIA: "LEI È L’UNICA DEI MIEI DIECI FIGLI CHE NON VIVO E NON VEDO. MI MANCA, E’ UNA COSA CHE FA MALE, DIREI INCONCEPIBILE. LA VERITÀ È CHE NON SIAMO PREPARATI AD AVERE DEI FIGLI E POI SEPARARCI PERCHÉ GENITORI SI RIMANE SEMPRE…”

-

Condividi questo articolo


Da iltempo.it

 

mario biondi a ciao maschio mario biondi a ciao maschio

Il cantautore Mario Biondi è famoso per la sua voce calda e profonda e per le hit che hanno fatto il giro del mondo, ma anche per la sua vita privata: l'artista siciliano infatti ha ben dieci figli, avuti con quattro donne diverse. Mario Ranno, questo il suo nome all'anagrafe, ha confessato a Nunzia De Girolamo, ospite di Ciao Maschio, il dolore per la separazione e lontananza da una di loro.

 

"Mi manca una delle mie figlie, Mia, che adesso non vedo più. È una cosa che fa abbastanza male, lei è la settima figlia ed è l’unica dei miei dieci figli che non vivo e non vedo", racconta Biondi nell'intervista contenuta nella puntata di Ciao Maschio che andrà in onda sabato 25 maggio) dalle 23:20 su Rai1.

 

mario biondi mario biondi

"Purtroppo si sono innescati dei meccanismi tali per i quali non riesco a vederla. Questa per me è una roba abbastanza dolorosa, direi inconcepibile per me", è la confessione del cantautore. "La verità  - ha aggiunto Biondi - è che non siamo preparati alle separazioni, non siamo preparati ad avere dei figli e poi separarci perché genitori si rimane sempre. Tra una coppia può anche finire, ma invece genitori si rimane sempre".

mario biondi con i 9 figli mario biondi con i 9 figli

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

I PENTITI E I CONVERTITI DELL’AUTONOMIA – LA LEGA NEL 2001 ERA CONTRARIA ALLA RIFORMA DEL TITOLO V, CHE PERMISE LA NASCITA DEL CONCETTO DI AUTONOMIA E FU VOLUTA DAL CENTROSINISTRA. LO STESSO CHE OGGI SI STRACCIA LE VESTI SULLO “SPACCA-PAESE” – LA PROTESTA È GUIDATA DA ELLY SCHLEIN, CHE DA VICEPRESIDENTE DELL’EMILIA ROMAGNA CHIESE L’ATTUAZIONE DELL’AUTONOMIA PER LA REGIONE – INFINE C’È ROBERTO NAPOLETANO: DA DIRETTORE DEL “QUOTIDIANO DEL SUD” ERA CONTRARISSIMO, ORA, AL “MATTINO”, È DIVENTATO A FAVORE (MIRACOLO DI CALTA…)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

GRILLO VS CONTE: NE RESTERÀ SOLO UNO – BEPPE-MAO CHIEDE UN RITORNO ALLE ORIGINI E RIVENDICA IL LIMITE AI DUE MANDATI, MA PEPPINIELLO APPULO VORREBBE CANCELLARLO PER SEDARE GLI EX BIG M5S FINITI AI MARGINI - CONTE HA CAPITO CHE L’UNICO MODO PER SALVARE LA SUA LEADERSHIP È ANCORARSI AL PD, VISTO CHE GRILLO E RAGGI VOGLIONO UN M5S "NE' DI DESTRA NE' DI SINISTRA" - TRAVAGLIO PROVA A FARE IL PACIERE, MA SI CONTRADDICE: PRIMA DÀ RAGIONE ALL’ELEVATO E ALLA RAGGI SULL’EQUIDISTANZA DEL MOVIMENTO DAI PARTITI. POI RICORDA CHE SENZA ALLEANZE NON CI SAREBBERO STATI REDDITO DI CITTADINANZA E SUPERBONUS – GRILLO E' AVVELENATO: NESSUNO GLI HA MOSTRATO SOLIDARIETÀ PER IL PROCESSO AL FIGLIO CIRO