MAURIZIO COSTANZO, UNO DI NOI: "HO SOFFERTO PIU' PER LA ROMA CHE PER AMORE" - "LE PARTITE DEI GIALLOROSSI LE VEDO POCO PERCHE' MI INCAZZO. SPALLETTI? NON FACEVA GIOCARE TOTTI, SI VEDE CHE BELLA FINE CHE HA FATTO - MARIA? MI HA INSEGNATO COS'E' IL MATRIMONIO. 'AMICI'? LO SEGUO PERCHE' POI MI INTERROGA. IO GELOSO? LO SAREI MA LEI NON MI DA' MOTIVO - SIMONA IZZO INVECE..."

-

Condividi questo articolo

Da Un Giorno da Pecora

costanzo de filippi costanzo de filippi

“Ho sofferto più per la Roma che per amore. Ma la Roma è una fede”. A parlare è Maurizio Costanzo, giornalista, conduttore e grande tifoso romanista, ai microfoni del programma di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora, condotto da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari. La As Roma la sta facendo ancora soffrire molto? “Porca Miseria, si”. Perché non le piace mister Claudio Ranieri? “Non è quello il problema. Non mi piace che abbiano venduto dei calciatori bravi che avevamo, tipo Nainggolan. E non mi era piaciuto che Spalletti non facesse giocare Totti: si è visto poi che bella fine ha fatto Spalletti, come va bene con l'Inter...” James Pallotta le piace? “Non lo conosco”. Lei diresse anche il quotidiano 'Il Romanista'. “Si, per un paio di anni. Che mal di fegato che avevo quando lo dirigevo...” Guarda tutte le partite dei giallorossi? “No, le guardo poco, perché mi incazzo. Guardo sempre i risultati”. Chi vorrebbe come allenatore della Roma? “Conte”. Ma non viene. Le piacerebbe Totti sulla panchina della Roma? “Non credo che lui ne abbia voglia, mi pare che abbia trovato un suo ruolo da dirigente”, ha concluso Totti a Un Giorno da Pecora.

maurizio costanzo matrimonio con maria de filippi maurizio costanzo matrimonio con maria de filippi

 

 

 

TOTTI COSTANZO TOTTI COSTANZO

Ospite di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1, Maurizio Costanzo ha raccontato l'amore con Maria De Filippi, che dura da molti anni ed è quello che il popolare conduttore aspettava da sempre. Partiamo da uno dei format più fortunati della sua compagna: 'Amici'. Lei lo segue con attenzione? “Si, perché poi vengo interrogato la mattina successiva. Mi piace, lo vedo tutto. E vedo anche 'C'è posta per te' seguo tutto”. Segue anche 'Uomini e Donne'? “No, perché a quell'ora ho da lavorare. Ma fui io ad insistere per fare 'Uomini e Donne Over', pensai che per i non più giovani poteva essere una bella iniezione di vita”. Se dovesse indicare i più grandi errori della sua vita, cosa indicherebbe? “I primi tre matrimoni, prima di arrivare al quarto”. Si dice che la relazione con Simona Izzo finì perché lei era troppo gelosa. “Si, guardava le tasche, guardava i foglietti”. Forse lei aspettava Maria De Filippi da tutta la vita. “Evidentemente sì: c'è sempre un appuntamento ma tu non sai quando sarà. Con lei l'ho riconosciuto perché dopo un po' che eravamo insieme ho capito che quello poteva essere 'IL' matrimonio. Maria mi ha insegnato cos'è il matrimonio, mi ha insegnato il rispetto e l'amicizia”. E' geloso della De Filippi? “Si, ma dato che lei è una donna intelligente non mi ha dato motivo di esserlo. Stiamo per celebrare le nozze d'argento: si può esser gelosi di una donna con cui stai da così tanto tempo”.

maurizio costanzo simona izzo maurizio costanzo simona izzo TOTTI COSTANZO TOTTI COSTANZO maurizio costanzo franesco rutelli maria de filippi maurizio costanzo franesco rutelli maria de filippi costanzo de filippi costanzo de filippi costanzo de filippi 2 costanzo de filippi 2 maurizio costanzo su robbie williams 4 maurizio costanzo su robbie williams 4 maurizio costanzo maria de filippi maurizio costanzo maria de filippi maria de filippi costanzo a l arena maria de filippi costanzo a l arena maurizio costanzo su robbie williams 6 maurizio costanzo su robbie williams 6 maurizio costanzo su robbie williams 9 maurizio costanzo su robbie williams 9 ATTENTATO DI VIA FAURO CONTRO MAURIZIO COSTANZO E MARIA DE FILIPPI ATTENTATO DI VIA FAURO CONTRO MAURIZIO COSTANZO E MARIA DE FILIPPI tatuaggi maria de filippi maurizio costanzo tatuaggi maria de filippi maurizio costanzo TOTTI COSTANZO TOTTI COSTANZO

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

COME CI HA FREGATO MARCHIONNE – RICCARDO RUGGERI ALZA IL SIPARIO SUGLI ULTIMI ANNI DEL GRUPPO FIAT, QUELLI DELLA GESTIONE MARCHIONNE E DELL’OPERAZIONE CHRYSLER: “DETROIT È RIMASTA UNA DELLE CAPITALI DELL’AUTO MONDIALE, TORINO È DIVENTATA CITTÀ DELLA CULTURA. L’ITALIA NON HA PIÙ UN’INDUSTRIA DELL’AUTO, È COME LA SPAGNA” – LE MAGIE DI “MARPIONNE”, CON I FINTI PIANI INDUSTRIALI E LE “FAKE TRUTH”, E IL CAMBIO DI STRATEGIA INIZIATO CON IL TENTATO ACCORDO CON RENAULT

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute