E MENO MALE CHE LA RAI E’ FINITA NELLE MANI DI TELE-MELONI! - IN BARBA AL NUOVO CAPO DEGLI APPROFONDIMENTI RAI, IL DESTRO CORSINI, STASERA A “REPORT” ANDRA' IN ONDA UN SERVIZIO-SILURO CONTRO IL MINISTRO DELLE IMPRESE E DEL MADE IN ITALY, ADOLFO URSO - INCHIESTA-CHOC SULLA STRANA CONSULENZA CHE IL GRUPPO STM HA PAGATO A CARMEN ZIZZA PER POTER INTERAGIRE COL MINISTRO URSO - DA QUANDO UN’AZIENDA PARTECIPATA DALLO STATO (STM) HA BISOGNO DI CONSULENTI PER INTERLOQUIRE CON…LO STATO? - PUR NON AVENDO MAI TIRATO FUORI UNA NOTIZIA NELLA LORO CARRIERA, FAZIO, SERRA, ANNUNZIATA E GRAMELLINI SI AUTOPROMUOVONO A BALUARDO DELLA DEMOCRAZIA E LASCIANO LA RAI, MENTRE "REPORT" DI RANUCCI RESTA A RAI3 E FA MALE...

Condividi questo articolo


ADOLFO URSO ADOLFO URSO

Dagonota

Quanto strepitano a sinistra per la Rai finita nelle mani degli unni meloniani! Aiuto, la censura! La libertà di espressione è in pericolo! Qualcuno salvi la libertà d'informazione e le poltroncine comode dei difensori del pluralismo pettinato col Caschetto! Presto, presto!

 

Anche perché questi barbari di destra, a sentire i sinistrelli, hanno il bavaglio pronto per spegnere le flautate vocine dei dissidenti.

michele serra fabio fazio ultima puntata che tempo che fa michele serra fabio fazio ultima puntata che tempo che fa

 

Eppure, nonostante gli strepiti e le grida di dolore, stasera "Report" manderà in onda un servizio-bomba, dal titolo "I consulenti" (firmata da Luca Chianca, con la collaborazione di Alessia Marzi, Carlo Tecce e Andrea Tornago). E si preannuncia un siluro a testata multipla verso il ministro delle imprese e del Made in Italy, Adolfo Urso. Proprio ora che il nuovo direttore dell’Approfondimento Rai è Paolo Corsini, ultra-destro in quota Fratelli d’Italia.

 

SELFIE DI FABIO FAZIO E MASSIMO GRAMELLINI SELFIE DI FABIO FAZIO E MASSIMO GRAMELLINI

L’inchiesta di “Report” si preannuncia scottante e, in un paese meno distratto e narcolettico del nostro, obbligherebbe il ministro Urso a fornire dettagliate spiegazioni. E

mezz ora in piu 2 mezz ora in piu 2

 

Abbiamo provato a ricordare l’ultima volta che Fabio Fazio, Littizzetto, Annunziata, Gramellini e compagnia abbia tirato fuori una notizia, un'inchiesta, uno scandalo: non l’abbiamo trovata. Solo bla-bla e Littizzetto.

 

SIGFRIDO RANUCCI PER "REPORT", in onda stasera su Rai3

sigfrido ranucci sigfrido ranucci

Il gruppo STM, la cui holding di controllo è partecipata dal Ministero dell’Economia, produce microchip. In un momento in cui c’è carenza, per via del conflitto ucraino, è divenuto ancora più strategico per il paese. Tuttavia il gruppo incontra delle difficoltà a parlare con il ministro Urso, per colpa della burocrazia. Dicono.

 

Per facilitare l’interlocuzione con il Ministero delle imprese, Stm paga una consulenza a Carmen Zizza. Che avrebbe un ruolo di "facilitatrice", come ammette un manager della STM che è consapevole di parlare con un giornalista di “Report” ma non di essere registrato.

 

CARMEN ZIZZA CARMEN ZIZZA

 

 

L’assurdità della vicenda è dovuta al fatto che STM è un’azienda partecipata dal Mef. In un paese normale, il ministro Giorgetti chiamerebbe Urso per dirgli: “Collega, tra un po' ti passa a trovare il manager di una società per discutere di microchip e investimenti strategici per il Paese”.

 

E invece STM passa attraverso la consulenza della signora Zizza e con un contratto, da 6mila euro al mese, finalizzato al "supporto alle relazioni istituzionali con Ministeri ed Autorità Locali" (Che vor di'?)

 

Il ministro Urso, sul ruolo da consulente di Carmen Zizza, scrive a “Report” che "tutti i dati relativi ai portatori di interesse sono resi pubblici in linea con le misure di trasparenza e accountability di cui il ministero si è dotato, e sono consultabili al sito del ministero”. Eppure nonostante le verifiche, la squadra di Sigfrido Ranucci non ha trovato il nome della Zizza.  

Alessandro Daffina Alessandro Daffina

 

Secondo il manager di STM sentito da “Report”, a presentare Carmen Zizza all’azienda sarebbe stato Alessandro Daffina, amministratore delegato di Rothschild Italia. Daffina ha smentito sostenendo che l’ipotesi che si sia adoperato per far gestire alla Zizza i rapporti tra il Ministro Urso e la STM è solo “una illazione”.

GIANCARLO GIORGETTI GIANCARLO GIORGETTI

 

Secondo “Report” quello che Rothschild ha certamente fatto è stato presentare a STM  una due diligence positiva su Carmen Zizza. Solo che anche “Report” ha fatto la sua “due diligence” e ha trovato la denunce per spese pazze della signora quando era Direttore generale nella società che controllava l'autostrada milanese.

 

 

stmicroelectronics stmicroelectronics

Per queste accuse, Zizza è stata condannata in primo grado dal Tribunale civile di Milano a risarcire 73 mila euro. La signora sostiene "che si tratta di una cifra che corrisponde a meno di un quarantesimo di quanto avevano originariamente richiesto”. Inoltre, la Zizza è stata consulente di Rothschild per conto di Vivendi, azionista di riferimento di Tim, seduta al tavolo con Urso e Daffina...

 

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE ANCHE URSULA VON DER LEYEN – LA MELONI È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DALLA REAZIONE DI SALVINI, PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI, E DAL SUO ELETTORATO EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…