LA MIA MODA SUONA IL ROCK! DA ELVIS CHE ‘ERA BIONDO E SI TINGEVA’ AGLI ECCESSI BOWIE, IL LIBRO "DAGLI ABBA A ZAPPA. I VESTITI DELLA MUSICA" RACCONTA COME 25 ICONE DEL ROCK E DEL POP ABBIANO INFLUENZATO IL NOSTRO MODO DI VESTIRE - L’AUTORE, MATTEO GUARNACCIA: "DI ITALIANI NON CE NE SONO. L'UNICO CHE AVREI MESSO E' CELENTANO PERCHÉ, ANCORA OGGI, E' TUTT'UNO CON QUELLO CHE INDOSSA. HA INVENTATO IL SOPRABITO, I PANTALONI BICOLORE E GLI STIVALI DI VACCHETTA..."

-

Condividi questo articolo

Fiamma Sanò per “il Messaggero”

 

elvis elvis

Elvis Presley era biondo. E questo è un dato fondamentale per rileggere la storia del rock e della moda così come ha fatto Matteo Guarnaccia nel suo ultimo lavoro: Dagli Abba a Zappa. I vestiti della musica (Centauria). Un'agile enciclopedia che racconta 25 icone del rock e del pop secondo il codice specifico della rivoluzione estetica e culturale. Da attuarsi a mezzo pizzi, merletti e camicette. O tinture per capelli: vedi il finto-moro Elvis, vero «punto di svolta», colui senza il quale non ci sarebbe non solo il legame moda-musica, ma neanche il rock'n'roll.

 

IL METICCIATO

Spiega Guarnaccia: «Il rock nasce come tipologia artistica che esalta il meticciato, in un'epoca in cui le star che si esibivano sui palchi americani - da Duke Ellington a Ella Fitzgerald - non potevano nemmeno usare i bagni del teatro. I neri erano ok se si vestivano bene, facevano i musicisti e i camerieri. Elvis del meticciato ha fatto la sua bandiera. Era biondo, e si tingeva di nero. Ha iniziato solo accentuando: il colletto alzato, i pantaloni più corti che mostravano il calzino, i mocassini. La scelta dei colori: accoppiava il rosa e il nero». Così ha creato il rock'n'roll e distrutto il conformismo.

 

bowie bowie

E come lui tutti gli altri citati nel libro. Tra Abba e Zappa scorrono, uno per ogni lettera, Michael Jackson, Iggy Pop, Nirvana, Madonna e Bob Dylan. Ci si immagina non sia stato facile selezionarli. E invece no perché, dice Guarnaccia, per ogni lettera c'è il suo inevitabile, che ha cioè cambiato davvero lo status quo. Con un'evidente dominanza del glam, del camp, dell'eccesso: Bowie, Elton John, i Kiss «hanno abbattuto la porta di quello che significava farsi accettare dalla buona società iper controllata, affermando che si poteva essere diversi, interpretando un proprio personaggio». Perché l'eccentricità è sempre esistita, sì, ma appannaggio del «gruppo dirigente, che solo ai suoi figli ha sempre permesso di essere grandi eccentrici, da Krupp alla marchesa Casati». Finché la musica «il modo più semplice e profondo di cambiare le cose» non ha messo in atto la sua rivoluzione: «Con l'avvento del jazz anche i giovani della working class hanno potuto mettere in crisi la società».

elvis elvis

 

È per questo che nell'enciclopedia non troverete i Beatles, troppo perbenino per la causa in oggetto. In compenso c'è il singolo John Lennon, «nel momento in cui è diventato un problema per la band, e ha iniziato a usare il suo corpo in maniera psichedelica». A proposito: perché non ci sono i Pink Floyd? E nessuno della cricca della psichedelia, tema peraltro molto caro all'autore? «Ritengo che la rivoluzione sia arrivata prima. Loro si sono limitati ad alzare il volume su temi già affrontati» (E poi la P, spetta di diritto al Re Presley). Per la nuova rivoluzione però manca un messia: «Oggi non è facile trovare un abito di scena adatto. Da una parte è necessario creare il fenomeno, ma dall'altra è indispensabile avere il messaggio. È più difficile che attraverso gli abiti se ne possano mandare di decifrabili e leggibili».

 

elvis presley elvis presley

Cronologicamente allora gli ultimi due generi - e dunque stili - citati sono il grunge e l'hip hop perché tutto il resto, compreso il «gender fluid della moda di oggi», che nel rock arriva da Bowie e dagli abiti floreali da vecchia zia di Kurt Cobain, è già stato detto. Guarnaccia conclude: «Il Gucci di Alessandro Michele è la fine di quel mondo che racconto nel libro. Oltre, si dovrebbe tornare al frac dell'orchestrale: la moda funziona a grandi onde, dopo il caos arriva l'ordine».

abba abba

 

 

IL MOLLEGGIATO

O, per dirla con le parole di Mick Jagger, continua l'autore: «La gente non si veste più come una volta. Dire che mi manca quel modo di vestire normale potrebbe sembrare stupido, proprio perché sono stato io uno dei primi a sfidarlo e rompere le regole. Eppure è così». Un'ultima curiosità: italiani non ce ne sono. Lei chi ci avrebbe messo? Uno solo: «Celentano. Perché ancora oggi è tutt'uno con quello che indossa. Ha davvero inventato il soprabito, la camicia senza collo, i pantaloni bicolore, gli stivali di vacchetta. Ha avuto la capacità di elaborare un messaggio tipicamente americano - ha studiato Elvis, Jerry Lewis - e renderlo coerente in Italia». Però alla C c'era già Cher. Ubi maior, perfino il Molleggiato cessat.

pamela prati celentano pamela prati celentano flora borsi ed elvis flora borsi ed elvis elvis presley elvis presley bowie bowie guarnaccia cover guarnaccia cover elvis presley elvis presley elvis elvis

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


media e tv

politica

IL CONTE DELLA SUPERCAZZOLA - “GIUSEPPI” IN CONFERENZA STAMPA DOPO L’AUDIZIONE AL COPASIR SI ARRAMPICA SUGLI SPECCHI: “SONO STATO QUASI COSTRETTO A RIFERIRE... SULLA VICENDA BARR CI SONO STATE RICOSTRUZIONI FANTASIOSE. TRUMP NON MI HA MAI PARLATO DI QUESTA INCHIESTA” - MA QUANDO CONFERMA I DUE INCONTRI NELLA SEDE DEI SERVIZI, CADE L'ASINO: NON POTEVA ORDINARE AI VERTICI DEI NOSTRI SERVIZI DI INCONTRARE IL MINISTRO DI TRUMP - POI ATTACCA SALVINI PER GLI INCONTRI DEL METROPOL: "SORPRENDE CHE PONTIFICHI" - VIDEO

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute