IL MIRACOLO DI "LILLI BOTOX": RENDERE SIMPATICA ELLY – DAL NAZARENO FANNO SAPERE CHE SCHLEIN “NON AVEVA RICEVUTO MAI COSÌ TANTO AFFETTO” COME DOPO LA PUNTATA DI “OTTO E MEZZO” IN CUI LA GRUBER E GIANNINI LA DEMOLISCONO. IRRISA A SINISTRA, RISCHIA DI PIACERE PURE AGLI ELETTORI DI DESTRA CHE NON AMANO LILLI E I TROMBONI. E LEI DOPO AVER DATO BUCA A MAGGIONI E FAGNANI STASERA SARÀ DA BIANCA BERLINGUER… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Carmelo Caruso per il Foglio

 

Solo la destra non l’ha capito: è da segretaria bastonata che Elly Schlein diventa il bastone della sinistra. Da quando Lilli Gruber e Massimo Giannini l’hanno riempita di “botte”, a Otto e mezzo, da quando Gruber le ripeteva, “ma chi la capisce se lei parla così”, e Giannini suggeriva, come il linguista Tullio De Mauro, “dica una parola chiara”, viene voglia di indossare le Adidas della segretaria, votare Sandro Ruotolo alle europee e urlare che il “Punto” di Paolo Pagliaro è sempre stato una boiata (non è vero!).

 

lilli gruber elly schlein lilli gruber elly schlein

(...) Da quella sera viene osannata, a destra, una giornalista come Gruber che, elegantemente, ha sempre disprezzato la destra e che, oggi, sente, a sinistra, nel Pd, odore di carcassa, di olio esausto. Perfino chi ha scritto di Schlein, con tono ruvido, prova simpatia nel vederla sbranata da Giannini e Gruber, i vendicatori della complessità, i nuovi idoli di Tommaso Foti di FdI, chiamato “Foti dry” (lavorava come dirigente della Martini).

 

Insieme, Gruber e Giannini, spiegavano, che “eh, no, Schlein, così non va bene”, e che “è questo il vero limite della sua segreteria”. Malgrado siano passati giorni, i social media manager di governo insistono, convinti di appannare Schlein, di nascondere Lampedusa, ripulita per la visita di von der Leyen con Meloni. Credono che rimandando fino allo stremo quel video sia possibile trascurare un vicepremier come Tajani che attacca l’altro (Salvini) in aereo, modello pontefice, con tre interviste unificate. Sembra già una legislatura da quando Gruber, Giannini, La Repubblica si contendevano la segretaria a colpi di soffietti. 

lilli gruber lilli gruber

 

(...)

Perfino i cronisti, di sinistra, mandati a seguire la segreteria del Pd, e che attendevano la nota, parlavano “di segreteria fantasma”. Paolo Mieli, su Radio 24, ha iniziato a difendere Schlein, ed è un magnifico sberleffo nei confronti dei colleghi che ora ne scoprono i difetti. Rimasti indietro, cercano infatti di recuperare con podcast, editoriali, scoprono in Zingaretti, il Tiresia del Pd, un eroe.

 

C’è una ragione che nessuno ha finora raccontato e che è il vero motivo per cui questa segretaria viene adesso dileggiata da chi la lodava. Oggi sarà ospite da Bianca Berlinguer, dopo che le aveva dato buca all’esordio. Ma Schlein si è rifiutata di partecipare pure alla prima puntata di “In mezz’ora” di Monica Maggioni. Ha detto “no” al nuovo programma di Francesca Fagnani. Rivela un autore che “è l’unica segretaria del Pd che non si fa mandare le curve di ascolto. Non le interessano né quotidiani né televisione”. Non rilascia interviste ai giornali, se non quando ha voglia lei e con i direttori lascia parlare il suo portavoce. Il giorno dopo le “botte”, da Otto e mezzo, Giannini, come dicono nel Pd, “l’ha intervistata serenamente”, e ha pure chiesto di fare sbobinare il suo colloquio.

elly schlein elly schlein

 

In segreteria dicono che “non avevano ricevuto mai così tanto affetto” come dopo Gruber. Meloni lo sa: si inizia ad avere presa sul paese quando in televisione, e sui giornali, si viene trattati da spaesata. Altre tre notti da bastonata, da Gruber, e per Schlein sarà miracolo: piacerà agli elettori di destra, perché maltrattata dalla sinistra, verrà difesa dagli elettori di sinistra che ritengono di destra gli opinionisti di sinistra.

lilli gruber lilli gruber elly schlein elly schlein lilli gruber lilli gruber

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?