MOLTO FRACASSO PER NULLA! QUANDO IL DIRETTORE HA PAURA, FA SOLO CASINO E RUMORE. IL "DON CARLO" DI CHAILLY È PAURA (SUA) E FRACASSO – IL DAGOREPORT SULLA PRIMA DELLA SCALA - "LO SPETTACOLO NON HA UNA DIREZIONE, NON RESTERÀ NELLA MEMORIA. TENERE VERDI IN UNA VISIONE UNITARIA, (DON CARLO, PIÙ DI OGNI ALTRO TITOLO), È IMPRESA TITANICA. IL TRIO LESCANO, MELI, PERTUSI, SALSI LE PRENDE DI SANTA RAGIONE DALLE DUE STRANIERE NETREBKO E GARANCA. DEI MASCHIETTI LO SVOCIATO PERTUSI È DI GRAN LUNGA È IL MIGLIORE, GLI ALTRI DUE HANNO LA PATATA IN BOCCA. PER UCCIDERE IL RITO, PRIMA DELL'INNO E DELL'OPERA È USCITO UN OMINO, IL SOPRINTENDENTE DOMINIQUE MEYER, CHE HA ROTTO LA SACRALITÀ DEL 7 DICEMBRE PER NON DIRE NULLA SE NON UNA… - VIDEO

Condividi questo articolo


 

Dagoreport by Makropulos

 

riccardo chailly riccardo chailly

Va in scena l'Opera delle Opere, la Regina del 7 Dicembre che oggi supera Macbeth e raggiunge quota 5! Dopo Abbado (2 volte), Muti, Gatti, anche Chailly si cimenta con l'opera più 'complessa' del campione assoluto scaligero: Giuseppe Verdi.

 

Iniziamo dagli OCCHI: la staticità dello spettacolo e forse,la mancanza di idee drammaturgiche, emergono fin dai primi momenti, sembra di assistere ad una 'prova all'italiana' in cui dietro accadono delle cose, nel senso che dietro si muove una parete, il senso registico ancora è incomprensibile. Lo spettacolo scappa da tutte le parti, tenere Verdi in una visione unitaria, Don Carlo, più di ogni altro titolo, è impresa titanica. Lo spettacolo non ha una direzione, una via, non resterà nella memoria.

 

dominique meyer dominique meyer

Passiamo alle VOCI: il Trio Lescano, Meli, Pertusi, Salsi le prende di santa ragione dalle due straniere Netrebko e Garanca. Dei maschietti lo svociato è di gran lunga è il migliore :Pertusi che fa Filippo II. Meli e Salsi non hanno finito di mangiare le patate della mensa, hanno la patata in bocca. Patata e paura.

 

DIF: Dulcis in fundo, LA DIREZIONE:

Chailly soffre, soffre per definizione, l'insicurezza alla Scala uccide chiunque, se non sei un Muti, un Abbado, un Gavazzeni, un De Sabata, un Barenboim, un Toscanini, finisci per esser solo uno Chailly. Molto fracasso per Nulla!

 

E quando il direttore ha paura e non sa, fa solo casino e rumore. Fa fracasso. Un Fracasso inconcepibile. Verdi è cesello, equilibrio, finezza, genio. Il Don Carlo di Chailly è paura (sua) e fracasso.

anna netrebko anna netrebko

 

Purtroppo anche il Coro, punta di diamante del Teatro non ha la giustezza e precisione dei tempi del maestro Casoni. Manca compattezza, mancano idee. Manca cultura verdiana.

 

Le Suore vanno sempre in discoteca!

Perché??

Perché c'è Fra Casso!!!

 

PS. Per uccidere il rito, prima dell'inno e dell'opera è uscito un omino, dicesi soprintendente Dominique Meyer, che ha rotto la sacralità del 7 dicembre per nulla dire se non una 'captatio' alla lingua italiana rivolta a La Russa, Salvini, Sangiuliano. I pensierini prima del Rito.

don carlo prima della scala don carlo prima della scala michele pertusi michele pertusi IGNAZIO LA RUSSA - PRIMA DELLA SCALA 2023 IGNAZIO LA RUSSA - PRIMA DELLA SCALA 2023 Dominique Meyer - ROBERTO BOLLE - PRIMA DELLA SCALA 2023 Dominique Meyer - ROBERTO BOLLE - PRIMA DELLA SCALA 2023 FRANCESCA VERDINI - MATTEO SALVINI PRIMA DELLA SCALA 2023 FRANCESCA VERDINI - MATTEO SALVINI PRIMA DELLA SCALA 2023 ornella vanoni prima della scala 2023 ornella vanoni prima della scala 2023 LILIANA SEGRE ORNELLA VANONI - PRIMA DELLA SCALA 2023 LILIANA SEGRE ORNELLA VANONI - PRIMA DELLA SCALA 2023 DOMINIQUE MEYER - LILIANA SEGRE - PRIMA DELLA SCALA 2023 DOMINIQUE MEYER - LILIANA SEGRE - PRIMA DELLA SCALA 2023 roberto bolle prima della scala 2023 roberto bolle prima della scala 2023 maria elisabetta alberti casellati prima della scala 2023 maria elisabetta alberti casellati prima della scala 2023 mario monti prima della scala 2023 mario monti prima della scala 2023 stefano boeri prima della scala 2023 stefano boeri prima della scala 2023 FRANCESCA VERDINI - MATTEO SALVINI - PRIMA DELLA SCALA 2023 FRANCESCA VERDINI - MATTEO SALVINI - PRIMA DELLA SCALA 2023 roberto dagostino patti smith anna federici roberto dagostino patti smith anna federici pedro almodovar pedro almodovar ignazio la russa matteo salvini beppe sala gennaro sangiuliano palco reale della scala ignazio la russa matteo salvini beppe sala gennaro sangiuliano palco reale della scala laura ravetto prima della scala 2023 laura ravetto prima della scala 2023 attilio fontana prima della scala 2023 attilio fontana prima della scala 2023 enzo miccio prima della scala 2023 enzo miccio prima della scala 2023 melania rizzoli fedele confalonieri melania rizzoli fedele confalonieri

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP