IN MORTE DI DETTO MARIANO, COLONNA SONORA DELL'ITALIA QUANTO UN MORRICONE O UN BACALOV, MA SENZA LA LORO NOTORIETÀ. HA FATTO CANTARE PRIMA CELENTANO E POI BATTISTI. SUE ANCHE LE MUSICHE DI 'DRIVE IN' - SI OPPOSE ALL'IDEA DEL 'MOLLEGGIATO' DI INCIDERE SUL TETTO DELLA CASA DISCOGRAFICA, IN PIAZZA CAVOUR A MILANO. ERA IL 1966, IN ANTICIPO DI TRE ANNI SUI BEATLES A SAVILE ROW - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

Luigi Bolognini per “la Repubblica”

 

Ha fatto cantare prima Adriano Celentano ( Il ragazzo della via Gluck) e poi Lucio Battisti per cui arrangiò Mi ritorni in mente, 7 e 40 e Acqua azzurra acqua chiara. Ma ha scritto o arrangiato anche canzonette epocali di Don Backy ( L' immensità, Casa bianca), Equipe 84 ( Tutta mia la città), Bobby Solo ( Zingara, Domenica d' agosto) e Mina ( Insieme).

 

detto mariano detto mariano

Quindi Mariano Detto, in arte Detto Mariano, fece cantare i bambini degli anni 70 e 80 con sigle come Gundam, L' ape Magà, Mazinga Z, Sì buonasera, le musiche di Drive In e di film come Eccezzziunale veramente di Carlo Vanzina e Ratataplan di Nichetti. Insomma, per 60 anni degli 82 che è vissuto (ieri la morte per coronavirus a Milano) è stato colonna sonora dell' Italia quanto un Morricone o un Bacalov, ma senza la loro notorietà. Tuttavia non misconosciuto: Leone d' oro alla carriera a Venezia 2006.

 

Nato nelle Marche, trapiantato in Piemonte nell' Italia che mordeva il boom come una mela, nel 1960 ebbe «la mia "sliding door" - disse - nel giro di uno, massimo due secondi cambiò totalmente la mia vita musicale».

 

Ovvero si trovò commilitone, nel 7° Artiglieria di Torino, di Adriano Celentano che ne fece il capo dei Ribelli, la sua band, dove si integrò col talento e un carattere che Ricky Gianco, musicista storico del Clan di Celentano, definisce «docile e disponibile: era l' amico di tutti. Soprattutto di Adriano, di cui era il primo ad assecondare ogni decisione, ma pure smettere di provare una canzone e andare a giocare a biliardo. Anche se poi Adriano perdeva perché non sapeva usare la stecca. E se io incidevo Pregherò, versione italiana di Stand by me, con un bellissimo arrangiamento di Mariano, poi la canzone passava comunque ad Adriano».

 

detto mariano detto mariano

Non facile, d' altronde, star accanto a un carattere così forte e infatti tanti uscirono dal Clan. Finché Mariano Detto, diventato Detto Mariano per un gioco di parole molto celentanesco, resistette, ecco canzoni come Sei rimasta sola e Il ragazzo della via Gluck. E Mondo in Mi 7, «dove Mariano - ricorda il batterista dei Ribelli Gianni Dall' Aglio, primo a dare la notizia ieri - si oppose all' idea di Adriano: inciderla sul tetto della casa discografica, in piazza Cavour a Milano, coi rumori delle auto in sottofondo. Era il 1966, sarebbe stato in anticipo di tre anni sul concerto dei Beatles a Savile Row». Nel 1967 il divorzio e l' attività da battitore libero, anche per il primo Battisti: «Mogol, suo produttore, mi fece arrangiare Balla Linda, Io vivrò (senza te), Dieci ragazze, Fiori rosa fiori di pesco... Ammappete che bella esperienza!».

 

Ma nel 1971 Mariano incontrò per caso Celentano a Venezia, lo spennò di 1 milione 300mila lire a poker e nacquero la pace e Prisencolinensinainciusol e Yuppi du. E da lì si diede alle colonne sonore, tra cui Ratataplan di Nichetti («bel coraggio - ammette il regista - era un film stralunato di uno sconosciuto, lui ci fece musiche dolci, in contrapposizione alle gag, funzionarono benissimo»). E poi Eccezzziunale veramente con Abatantuono, Il ragazzo di campagna con Pozzetto e tutti i Castellano & Pipolo.

Fino a Tutte le migliori, il disco di Mina e Celentano del 2017.

detto mariano detto mariano

 

«Era uno psicologo - spiega Dall' Aglio - faceva da collante tra l' estro di un artista a volte esuberante, come Battisti o Celentano, e il pubblico.

 

Era un mediatore, e sempre con l' ironia e con gran senso melodico: l' intro di Mi ritorni in mente è così bella che quasi, si fa per dire, rende inutile la canzone». L' interessato però aveva un' altra risposta: «Quando mi sento in difficoltà parlo col mio personale maestro, tale Wolfgang nato a Salisburgo nel 1756: "Ma come cavolo facevi ad essere così profondo e semplice contemporaneamente?". Mozart ogni tanto in sogno me lo dice. Quante volte ci ha azzeccato! Sulla profondità non sono sicuro, ma su semplicità e immediatezza sì».

detto mariano con angela baldassini foto di bacco detto mariano con angela baldassini foto di bacco detto mariano compositore musicale foto di bacco detto mariano compositore musicale foto di bacco detto mariano e maria sorrento foto di bacco detto mariano e maria sorrento foto di bacco sante perticaro e detto mariano foto di bacco sante perticaro e detto mariano foto di bacco giovanni salvini e detto mariano con le mogli giovanni salvini e detto mariano con le mogli detto mariano e clemente mastella foto di bacco detto mariano e clemente mastella foto di bacco gerardo di lella e il compositore detto mariano gerardo di lella e il compositore detto mariano detto mariano maria sorrento clemente mastella foto di bacco detto mariano maria sorrento clemente mastella foto di bacco

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

FORSE EVITIAMO LA BANCAROTTA - PRESTITI ALLE IMPRESE, L’UE CAMBIA LE REGOLE: “OK A GARANZIE STATALI FINO AL 100%” - GUALTIERI AVEVA ANNUNCIATO GARANZIE DEL 90% SU FINANZIAMENTI FINO AL 25% DEL FATTURATO. MA PROPRIO OGGI POMERIGGIO LA UE HA MODIFICATO LE NORME SUGLI AIUTI DI STATO - PATUANELLI ANNUNCIA CHE L’ITALIA SFRUTTERÀ SUBITO LA NOVITÀ - CON UNA GARANZIA TOTALE DA PARTE DELLO STATO LE PROCEDURE SONO MOLTO PIÙ RAPIDE PERCHÉ SI ELIMINA LA NECESSITÀ DA PARTE DELLE BANCHE DI UNA ANALISI DEL MERITO DI CREDITO DELL’IMPRESA

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute