E’ MORTO NATALE TULLI, IL CARATTERISTA PIU’ CARATTERISTA DEL CINEMA ITALIANO - NON ERA UN ATTORE: LAVORAVA AL MINISTERO DI GRAZIA E GIUSTIZIA - QUANDO FELLINI O MARCO RISI LO VOLEVANO SUL SET, PRENDEVA LE FERIE E “ANNAVA A FA LE POSE” - LA VIDEO INTERVISTA A “STRACULT” - - -

Non era un attore, era una quercia, una pietra, trasudava romanità purissima - Corbucci lo vuole fisso nelle sue commedie a episodi come “Rimini Rimini”. Per Marco Risi, da “Il branco” in poi è stato una specie di attore feticcio, fino al gran numero nella banda di Ricky Memphis e Giorgio Tirabassi in “L’ultimo capodanno”…

Condividi questo articolo

L’intervista di Stracult:

 

 

Marco Giusti per Dagospia 

 

NATALE TULLI E MARCO GIUSTI NATALE TULLI E MARCO GIUSTI

Non c’è mai stato un caratterista più caratterista di Natale Tulli, scomparso pochi giorni fa a Roma. Non era un attore, era una quercia, una pietra, trasudava romanità purissima e antica potenza da cinema italiano quando compariva nei film di Federico Fellini, da “Satyricon” a “Roma”, di Ettore Scola, dove fa il maggiordomo Giulio Cesare, di Dino e Marco Risi, che gli fece interpretare l’indimenticabile monologo dell’olivetta ascolana ne “L’ultimo capodano”,  nei peplum come “Romolo e Remo” o nelle commedie di Steno e Sergio Corbucci. Non faceva l’attore di professione, malgrado avesse questo fisico imponente e questo volto roccioso immediatamente riconoscibile. Lavorava al Ministero di Grazia e Giustizia, quando lo volevano Fellini o Marco Risi prendeva le ferie e se ne “annava a fa le pose”.

 

NATALE TULLI NATALE TULLI

Così si era costruito anche una bella casetta vicino al mare, dove sono andato a intervistarlo per Stracult. Sempre gentile e sempre disponibile, anche quando gli ho fatto interpretare degli sketch come “Natale all’Acquedotto Felice”, “Natale all’Acqua Cetosa”, “Natale a Portonaccio”, spacciandoli come nuovi “film di Natale”. Aveva iniziato, come tutti i caratteristi e gli stuntmen romani con “Cleopatra”.

 

L’ho cercato, ma non l’ho riconosciuto tra migliaia di volti di pretoriani e popolani. In “Barabba”, dove è uno dei gladiatori. Ma si vede? “Avoja, più di una volta!”. In “Romoloe  Remo” fa il boia che tortura sulla ruota il povero Steve Reeves. Era anche presente a Manziano quando Steve Reeves dette un pugno a Godron Scott: “Questo Gordon Scott ciaveva la denteira, poraccio, e Steve Reeves gliel’ha spaccata”.

 

Lo troviamo controfigura di Burt Lancaster in “Il gattopardo” di Luchino Visconti. “Una somiglianza streordinaria!”. Ma è con Fellini nel “Satyricon” e nelle commedie degli anni ’80 che è più in luce. Gina Rovere tradisce Marcello Mastroianni per mettersi con lui in “i soliti ignoti vent’anni dopo”.

 

NATALE TULLI NATALE TULLI

 Corbucci lo vuole fisso nelle sue commedie a episodi come “Rimini Rimini”. Per Marco Risi, da “Il branco” in poi è stato una specie di attore feticcio, fino al gran numero nella banda di Ricky Memphis e Giorgio Tirabassi in “L’ultimo capodanno”. Tirabassi lo vorrà come protagonista del suo corto “Il gatto”, dove si dimostra pure un buon attore. Volto incredibile di un cinema che fu.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."