MOVIMENTO 5 “GEDI” - I GRILLINI CHE HANNO SEMPRE URLATO CONTRO LA “CASTA” DEI GIORNALI FACEVANO INCONTRI SEGRETI CON I VERTICI DELL’ESPRESSO. SECONDO “LA VERITÀ” NEL 2018 CI SAREBBE STATO UN INCONTRO TRA FRANCESCO DINI, CAPO DELLA DIREZIONE AFFARI GENERALI DI “CIR SPA” E L’ALLOA SOTTOSEGRETARIO ALL’EDITORIA VITO CRIMI. L’ARGOMENTOLA POSSIBILITÀ DI RICORRERE ALLE LEGGE SULLO STATO DI CRISI CHE PERMETTE DI ACCEDERE AI PREPENSIONAMENTI (CHE SONO ALL’ORIGINE DELLE INDAGINI DELLA PROCURA DI ROMA PER PRESUNTA TRUFFA)

-

Condividi questo articolo


Fabio Amendolara per “La Verità”

RODOLFO, CARLO, EDOARDO E MARCO DE BENEDETTI RODOLFO, CARLO, EDOARDO E MARCO DE BENEDETTI

 

I furbetti della truffa previdenziale ritenevano di poter contare su una rete di relazioni. A partire dall'ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'editoria Vito Crimi, che poi si è trasformato nel capo politico dei Cinque stelle.

 

Il 2 settembre 2018 Monica Mondardini, ex presidente e ad di Gedi e già presidente del Cda della Manzoni spa, attende notizie da Francesco Dini, capo della direzione Affari generali di Cir spa, che aveva appuntamento con Crimi.

vito crimi vito crimi

 

La conversazione, annotano i magistrati, tocca prima temi di carattere generale legati a finanziamenti per l'editoria. Ma l'argomento che in quel preciso momento sta a cuore a Mondardini è il taglio dei costi. Dini riferisce l'esito dell'incontro e, riferendosi al sottosegretario, sostiene di «averlo convinto a parlare di lavoro, ristrutturazione, ammortizzatori sociali e pubblicità».

 

monica mondardini carlo de benedetti monica mondardini carlo de benedetti

Crimi deve aver mostrato una certa apertura nei confronti degli uomini della struttura del gruppo editoriale che fino a poco tempo prima aveva dedicato paginate alle inchieste giudiziarie sulle sindache pentastellate Chiara Appendino e Virginia Raggi, visto che Dini riferisce che «la cosa è andata straordinariamente».

 

Inoltre, come se i manager facessero parte di una centrale di spionaggio, Dini dice alla collega di ritenere di essersi «organizzato per conto suo», si legge nel decreto firmato dal gip di Roma, «in modo da avere un vantaggio anche competitivo sulle informazioni da ottenere attraverso Marina Macelloni (presidente del cda dell'Inpgi, la cassa di previdenza dei giornalisti), Mimma Iorio (direttore generale dell'Inpgi) e Ferruccio Sepe (capo dipartimento per l'Informazione e l'editoria della presidenza del Consiglio dei ministri, ovvero l'uomo macchina dell'ufficio nel quale passano le istruttorie per i prepensionamenti) «per cercare di capire quando arrivano le risorse in dotazione sulla 416 che secondo me 2019, secondo la Iorio 2020».

carlo de benedetti carlo de benedetti

 

La 416 è la legge del 1981 che prevede la possibilità, per i giornalisti dipendenti di società editoriali in stato di crisi, di accedere al trattamento di pensione anticipata. Gedi con molta probabilità, dopo aver mandato a casa con quelli che la procura definisce «artifizi e raggiri» non pochi manager demansionandoli per finta, puntava al finanziamento della 416 per togliersi davanti, tramite i prepensionamenti, anche un po' di giornalisti.

 

Il gip, infatti, sottolinea: «In proposito, è di rilievo evidenziare che la possibilità per le aziende di accedere ai prepensionamenti nel settore editoria non è assoluta, ma dipende dalla quantità dei fondi stanziati periodicamente dal governo, quantomeno per il personale giornalistico. Da qui la conseguenza che non tutti possono beneficiarne, ma solo le aziende che a tali fondi riescono ad accedere, per il tramite del ministero del Lavoro, che autorizza le istanze».

 

Mondardini e Dini, quindi, secondo l'accusa, «si stavano attivando, attraverso organi istituzionali, al fine di ottenere i fondi necessari per una nuova procedura di prepensionamento da adottare nel gruppo Gedi».

 

romeo marrocchio romeo marrocchio

D'altra parte, la legge permette alle aziende di liberarsi di giornalisti che abbiano almeno 58 anni d'età e 18 anni di contributi. Caratteristiche che avrebbero permesso a Gedi di individuarne un bel fascio. Inoltre, hanno scoperto gli investigatori acquisendo gli elenchi del personale dipendente delle società del gruppo, tra grafici e poligrafici (in alcuni casi ex manager spacciati per tali) sarebbero stati collocati in pensione sfruttando la 416 circa 590 lavoratori tra il 2008 e il 2016.

 

Tra questi sono state individuate 137 posizioni di dipendenti distinte nelle diverse tipologie di comportamenti indicati come «truffaldini», tra demansionamenti, trasferimenti, transiti e riscatti, che, al mese di ottobre 2017, avevano già causato all'Inps un danno di circa 18 milioni di euro.

GEDI - IL DECRETO DI SEQUESTRO DEL GIP DI ROMA GEDI - IL DECRETO DI SEQUESTRO DEL GIP DI ROMA

 

Ma oltre a Crimi il futuro di Gedi, stando a una chiacchierata tra Danilo Di Cesare, ex rappresentante sindacale interno al gruppo Gedi, indagato, e il collega Vincenzo Di Martino, ex dipendente dell'agenzia di stampa Ansa, rappresentante sindacale anche lui, avrebbe destato la curiosità anche di Nicola Morra, altro pentastellato, a capo della commissione parlamentare Antimafia.

 

È il 17 luglio 2018 quando i due sindacalisti fanno riferimento a un incontro «da tenersi al ministero (presumibilmente, stando alle carte dell'inchiesta, il ministero del Lavoro e delle politiche sociali, in quel momento guidato da Luigi Di Maio, ndr)» per trovare una soluzione per i poligrafici.

 

I due usano il termine «sanare», con particolare riferimento a «quelli che j' hanno mandate», da intendersi verosimilmente a coloro i quali l'Inps aveva inviato le lettere di sospensione delle pensioni, per illeciti riscatti contributivi.

 

SEDE GRUPPO GEDI SEDE GRUPPO GEDI

Ed è a questo punto che Di Martino afferma di sapere che di questa faccenda «si stava interessando anche l'onorevole Nicola Morra». E infatti, il 19 luglio 2018, quindi solo due giorni dopo l'ultimo riferimento a un incontro al ministero, quando l'ex sindacalista indagata della Cgil Fidelma Mazzi parla con una certa Paola, le due fanno riferimento a un incontro da tenersi proprio al ministero del Lavoro, definito dalla Mazzi «un po' aumma aumma».

 

roberto moro roberto moro

A settembre, però, Mazzi viene convocata dalla polizia giudiziaria. E al telefono con Di Cesare esprime non poca preoccupazione. I due prima dell'interrogatorio cercano di immaginare cosa possa volere la pg. Di Cesare prova a dare un'interpretazione: «Mi viene in mente 'na cosa del genere, che la signora del ministero veniva a fare le... le, le, le, le, le, le verifiche e poi ce le facevano firmare a noi... e però noi non è che eravamo presenti eh, perché le verifiche le faceva 'sta signora del ministero».

 

Secondo gli investigatori si tratta delle visite ministeriali per verificare lo stato delle procedure di prepensionamento del gruppo Gedi. I due sindacalisti, è annotato negli atti dell'inchiesta, ammettono «che non erano presenti [...] pur avendo sottoscritto i relativi verbali». Fatto sta che in una ulteriore conversazione, tra Di Cesare e Di Martino, torna il tema delle relazioni nei palazzi che contano.

Francesco Dini Carlo De Benedetti Francesco Dini Carlo De Benedetti

 

I due, a proposito dei «riscattati» ai quali è stata sospesa la pensione, fanno riferimento a una possibile soluzione da trovarsi «a livello politico» o per «l'interessamento del boss dell'istituto», ovvero, secondo chi indaga, «il presidente dell'Inps». Ma anche questo appare come un terreno scivoloso. È proprio Di Cesare ad ammettere che «gli interessati», però, «non conoscono il nominativo dell'azienda relativamente alla quale sono stati riscattati i periodi lavorativi». Probabilmente era solo un altro dei tanti trucchetti.

 

 

------------

L’INDAGINE DELLA PROCURA DI ROMA SUI PREPENSIONAMENTI A 'GEDI' TOGLIE IL VELO AL VIZIO DI TUTTI I... LA GOLA PROFONDA CHE HA FATTO NASCERE L’INCHIESTA SUI PREPENSIONAMENTI A GEDI E' ...

LEGGI ANCHE:

'GEDI' E LA CARICA DEI 101 – È IL NUMERO DEGLI INDAGATI NEL DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO DI 38 MI LE INDAGINI SUI PREPENSIONAMENTI A LARGO FOCHETTI, CON SEQUESTRO DI OLTRE 30 MILIONI DI EURO...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

FUORI DAI GEDI: MANAGER CAMUFFATI DA GRAFICI. IL GIOCHINO PER SCARICARE SULLE CASSE DELLO STATO I

 

 

L’AFFARE S’INGROSSA - L’INCHIESTA SUI PREPENSIONAMENTI DEI DIRIGENTI DI ‘GEDI’ SI ALLARGA

 

 

 

GEDI DI PIOMBO - A LARGO FOCHETTI CADONO DAL PERO PER IL SEQUESTRO DI 38 MILIONI DI EURO MA...

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

------------

 

 

 

corrado corradi corrado corradi

 

 

 

 

monica mondardini monica mondardini

 

Mondardini Mondardini Monica Mondardini Monica Mondardini

 

monica mondardini carlo de benedetti monica mondardini carlo de benedetti

 

 

RODOLFO DE BENEDETTI MONICA MONDARDINI JOHN ELKANN RODOLFO DE BENEDETTI MONICA MONDARDINI JOHN ELKANN

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

"LA 'DIVERSITÀ' GRILLINA HA RETTO POCHI ANNI: LA PRESUNZIONE NON FA MENO DANNI ALLA POLITICA DELL’IMMORALITA’" – MICHELE SERRA: “BEPPE GRILLO È SOTTO INCHIESTA. È PURO CINISMO COMPIACERSI DEL FALLIMENTO DEI TENTATIVI DI MORALIZZAZIONE. MA È PURA STUPIDITÀ NON LEGGERE, NEL DISFACIMENTO STRUTTURALE DEL GRILLISMO, LA MERITATA SCONFITTA DELL'IMPROVVISAZIONE E DELLA PRESUNZIONE" – LA PARABOLA DI GRILLO: "DALLO SHOW BUSINESS ALLA FANGOSA ROUTINE GIUDIZIARIA, COME UN SOTTOSEGRETARIO O ASSESSORE, DI QUELLI CHE PIGLIAVA PER I FONDELLI AI TEMPI D'ORO"

business

SIAMO UOMINI O GENERALI?  - ORA CHE CALTAGIRONE E DEL VECCHIO (VIA BARDIN) SI SONO SFILATI DAL CDA, È TUTTO PRONTO PER LA BATTAGLIA FINALE SUL LEONE DI TRIESTE: MA CHI SARANNO I SOLDATI DEI DUE SCHIERAMENTI? DA UN LATO CI SARÀ LA LISTA DEL CDA, CHE RICANDIDERÀ DI CERTO DONNET (GALATERI È IN FORSE) - DALL’ALTRA PARTE CI SONO I “PATTISTI”: IN PISTA PER LA PRESIDENZA LA PRESIDENTE DI MPS PATRIZIA GRIECO E SERGIO BALBINOT. PER IL POSSIBILE AD SI FANNO I NOMI DI TERZIARIOL, DE GIORGI E DELL’AMMINISTRATORE DELEGATO DI POSTE DEL FANTE…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute