MUGHINI IN CAMPO – “MI SPIACE DAVVERO CHE CARLO VERDELLI SIA STATO LICENZIATO. BRAVISSIMO NEL COMANDARE I GIORNALISTI, LA SUA “REPUBBLICA” ERA NETTAMENTE PIÙ FIAMMEGGIANTE, DOPO LA MESTA DIREZIONE CALABRESI - E’ FUORI DI DUBBIO CHE VERDELLI SIA IL MIGLIOR DIRETTORE DELLA SUA GENERAZIONE. E’ ALTRETTANTO FUORI DI DUBBIO CHE FOSSE PATOLOGICA LA SUA DEVOZIONE AGLI EX DI “LOTTA CONTINUA” - ADESSO È SENZA LAVORO? SPERO PER IL PIÙ BREVE TEMPO POSSIBILE. FIN DA ORA HA UN INVITO A CENA A CASA MIA”

Condividi questo articolo

MUGHINI MUGHINI

Giampiero Mughini a Dagospia

 

Caro Dago, mi dispiace molto che nel bel mezzo di una chiacchiera amicale fra me e Francesco Merlo in cui Carlo Verdelli la faceva da protagonista, il direttore di “Repubblica” sia stato licenziato. Mi spiace davvero, e ho subito scritto a Merlo di comunicare a Verdelli la mia solidarietà.

 

carlo verdelli carlo verdelli

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

La sua “Repubblica” era nettamente più fiammeggiante di quella precedente. E’ fuori di dubbio che Verdelli sia il miglior direttore della sua generazione. E’ altrettanto fuori di dubbio che fosse patologica la sua devozione agli ex di “Lotta continua” che lui ospitava tutti a primeggiare nel suo giornale, salvo Adriano Sofri, il maggior talento di quel gruppazzo, e sono sicuro che a Verdelli gliene spiacesse di non averlo sulla prima pagina del suo quotidiano.

 

Carlo Verdelli Carlo Verdelli

La mia piena solidarietà a un bravo giornalista cui è stato tolto il bastone del comando. Detto questo, io fossi stato John Elkann avrei fatto lo stesso? Forse sì. Era veramente tanta la sensibilità di Verdelli favorevole agli umori estremi della ultrasinistra italiana, dei pontefici del Bene, di quelli che ogni volta più a sinistra di così non di può, di quelli che dettano una legge morale a tutti 24 ore su 24, non ne parliamo poi quando si avvicina il 25 aprile e si spalanca la diga della retorica “antifascista”, ossia di un ferrovecchio inutilizzabile.

carlo verdelli eugenio scalfari foto di bacco (1) carlo verdelli eugenio scalfari foto di bacco (1)

 

 Vuol dire che tutta la faccenda delle minacce mortali e relativa scorta era una fuffa? Forse sì, e lo sapevo perfettamente quando esprimevo “a voce forte” la mia solidarietà a Verdelli, uno che quando vorrà potrà venire a cena da me e chiacchierare, e ancora meglio se ci sarà il mio vecchio compare Francesco Merlo, che ricordo giovanissimo in una libreria catanese dove eravamo entrambi.

john elkann 3 john elkann 3

 

Detto questo non capisco bene l’uomo e il giornalista Verdelli, se non che è bravissimo nel comandare un giornale e i suoi giornalisti. L’ho visto un attimo quando era al fianco di Nini Briglia alla direzione di “Epoca”, e Nini di tutti gli ex militanti di Lotta continua che mi hanno querelato è stato il primo a ritirare la querela e io lo ricordo come persona dabbene, assolutamente dabbene.

 

ADRIANO SOFRI ADRIANO SOFRI

Poi Verdelli ha diretto un quotidiano sportivo al momento in cui la Juve venne sommersa dalle bombe massmediatiche, Me lo trovai vicino una sera in occasione di un premio giornalistico, lo punzecchiai un paio di volte, lui non aprì bocca. Gli avrei fatto un 6-0, 6-0, 6-0. Prontissimo ad affrontarlo sull’argomento.

 

Poi lui ha fatto benissimo alla direzione di “Vanity Fair”. Adesso ha fatto benissimo a “Repubblica”, che aveva riempito di luce e ce ne voleva dopo la mesta direzione Calabresi. E tuttavia le minacce nei suoi confronti erano puttanate, solo un beota poteva pensare il contrario. Mattia Feltri mi ha scritto che suo padre è sotto scorta da vent’anni e che non se ne vanta.

 

dagospia rivela l arrivo di verdelli a repubblica al posto di calabresi dagospia rivela l arrivo di verdelli a repubblica al posto di calabresi

Adesso Verdelli è senza lavoro? Spero per il più breve tempo possibile. Fin da ora ha un invito a cena a casa mia. Non parleremo della Juve, perché lì non c’è argomento, non c’è contesa possibile, nemmeno un minuto.

 

Magari parleremo dell’assassinio Calabresi, che cosa ne pensa lui di chi e come. O di tutto il resto che vorrà. Il mio numero di telefono è sulle pagine gialle. Si annunci e venga quando vuole. Non invito mai qualcuno perché mi offra una collaborazione al suo giornale. Invito solo persone che mi piacciono.

carlo verdelli carlo verdelli carlo verdelli carlo verdelli francesco merlo foto di bacco francesco merlo foto di bacco carlo verdelli carlo verdelli

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL RESTO? "MANK"! - CHI SCRISSE DAVVERO "QUARTO POTERE", CONSIDERATO IL FILM PIU' BELLO IN ASSOLUTO? – DOMANI SU NETFLIX LO STUPENDO FILM DI DAVID FINCHER SUL COMPLESSO RAPPORTO FRA DUE GENI NELLA HOLLYWOOD DEGLI ANNI '30: ORSON WELLES E LO SCENEGGIATORE HERMAN MANKIEWICZ  – AGLI OSCAR A MANK SAREBBE PIACIUTO RINGRAZIARE COSI': "SONO MOLTO LIETO DI ACCETTARE QUESTO PREMIO IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES, PERCHÉ LA SCENEGGIATURA È STATA SCRITTA IN ASSENZA DEL SIGNOR WELLES" – VIDEO

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

business

cronache

sport

DIEGO, MI MANCHI - FAUSTO LEALI RACCONTA L'AMICIZIA CON MARADONA E IL SUO MATRIMONIO DA FAVOLA: "IO E CALIFANO ERAVAMO GLI UNICI MUSICISTI INVITATI. TUTTA BUENOS AIRES ERA PER STRADA PER SALUTARE DIEGO, IN CHIESA CI TROVAMMO IMMERSI NEL LUSSO PIÙ SFRENATO. 200 MUSICISTI E 200 CORISTI A SUONARE LA NONA DI BEETHOVEN, CLAUDIA VESTITA DAI MIGLIORI STILISTI DEL MONDO. E IL PRANZO SUCCESSIVO… - MARADONA IMPAZZIVA PER ME. IN ARGENTINA GUARDAVA UNA TELENOVELA SOLO PERCHE’ LA SIGLA ERA MIA. POI VENNE IN ITALIA E…"

cafonal

viaggi

salute