MUGHINI - "RESTO DI STUCCO INNANZI ALLA BARBARIE DI CHI STA LANCIANDO GRIDA DI DOLORE PERCHÉ UNA TRASMISSIONE RAI HA OFFERTO DUEMILA EURO A PUNTATA A SEI INTERVENTI DEL PROFESSORE ORSINI, CHE QUALCUNO DEFINISCE “UN PIFFERAIO” DI PUTIN, OSSIA LO INSULTA SELVAGGIAMENTE. STO INTERAMENTE DALLA SUA PARTE. E NON PERCHÉ CONDIVIDA AL CENTO PER CENTO I SUOI ARGOMENTI, AD ESEMPIO NON SONO COSÌ CONVINTO CHE…"- ALDO GRASSO SU "OGGI": "ORSINI HA CONVERTITO IL MARTIRIO IN PROFESSIONE. SPERO SI RENDA CONTO CHE NON E' INVITATO PER LE SUE (POVERE) IDEE MA PERCHE' E' ESCA PER IL FALO' DEL TALK..."
 

Condividi questo articolo


Ucraina: Rai, non si procederà con il contratto di Orsini 

giampiero mughini 3 giampiero mughini 3

(ANSA) - "La direzione di Rai 3, d`intesa con l`amministratore delegato della Rai, ha ritenuto opportuno non dar seguito al contratto originato su iniziativa del programma "Cartabianca" che prevedeva un compenso per la presenza del professor Alessandro Orsini nella trasmissione". Lo annuncia una nota di Viale Mazzini.

 

LA VERSIONE DI MUGHINI

Giampiero Mughini per Dagospia

 

Caro Dago, di mestiere sono uno che legge giornali e libri e che in ciascun campo pregia particolarmente i pareri che in un certo modo vanno controcorrente. E’ la bellezza del vivere in Italia, un Paese dove la discussione e il confronto non comporta stanze chiuse, o confini invalicabili.

orsini cartabianca orsini cartabianca

 

Trattandosi di questa puttanissima guerra in cui un Paese europeo come l’Ucraina è costantemente sotto un diluvio di bombe e di fuoco, figurati se non cerco di capirne di più, di saperne di più, di mettere nel conto ragioni che a prima vista sfuggono ai più.

 

Figurati se non mi ci butto in picchiata nel leggere gli articoli della professoressa Donatella Di Cesare, quelli su “Fatto” dell’ex generale Fabio Mini, oppure le volte che il professore Alessandro Orsini è chiamato in tv a dire la sua, lui che sull’argomento in questione ne sa dieci o quindici volte più della media di quelli che aprono bocca in televisione.

 

Resto perciò di stucco innanzi alla barbarie di chi sta lanciando grida di dolore perché una trasmissione Rai ha offerto duemila euro a puntata a sei interventi del professore Orsini, che qualcuno definisce “un pifferaio” di Putin, ossia lo insulta selvaggiamente. Mi intendo come pochi altri dello stare “in minoranza” su un argomento diffuso, e dunque sto interamente dalla parte del professor Orsini. E non perché condivida al cento per cento i suoi argomenti, ad esempio non sono così convinto ma Putin abbia “già vinto”. Detto questo, guai se lui e gli altri che ho citato non ci fossero. Quanto saremmo più poveri di idee e di intelligenza. 

 

ALESSANDRO ORSINI

Aldo Grasso per Oggi

 

aldo grasso aldo grasso

È il grande momento del prof. Alessandro Orsini, il “ribelle della Luiss”, l’opinionista che ha lasciato un giornale (scusandosi con molta modestia “con tutti coloro che avevano sottoscritto un abbonamento solo per leggere i miei articoli”) per approdare al Fatto Quotidiano (ribattezzato la “Pravda Italiana”). La sua tesi di fondo è che vi sarebbe, sì, una responsabilità militare di Putin nello scoppio del conflitto, ma vi sarebbe una ben più grande responsabilità politica della Nato, nell’aver spinto Putin a confliggere. Motivo per cui è meglio. Lasciare l’Ucraina al suo destino.

 

alessandro orsini alessandro orsini

Tesi oppugnabile, fallace ma ognuno è libero di dire la sua. Ciò che è insopportabile è che gli Orsini si atteggino a intellettuali scomodi, a voci fuori dal coro, perseguitati. Spero che si rendano conto che sono invitati non per le loro (povere) idee ma solo perché sono esca per il falò dei talk, per la rissa e la ressa degli ascolti. Hanno convertito il martirio in professione.

La tv dà alla testa, a chi la frequenta

 

 

 

giampiero mughini 1 giampiero mughini 1 GUERRA RUSSIA UCRAINA GUERRA RUSSIA UCRAINA

GIAMPIERO MUGHINI

alessandro orsini 7 alessandro orsini 7

 

 

giampiero mughini 1 giampiero mughini 1 alessandro orsini 8 alessandro orsini 8 mughini mughini

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)