IL NECROLOGIO DEI GIUSTI - NON SI PUÒ CERTO DIRE CHE TANYA ROBERTS FOSSE UNA GRANDE ATTRICE, MA CON UN GRAN FISICO E I CAPELLI ROSSO FUOCO FECE GRANDE COLPO SIA COME BOND-GIRL CHE SULLE COPERTINE DI “PLAYBOY” PER IL LANCIO DI “SHEENA REGINA DELLA GIUNGLA” – E’ LA TIPICA BELLONA AMERICANA DA COPERTINA PATINATA, RAFFORZATA DALLA QUALIFICA DI BOND GIRL. COSÌ VIENE IMPACCHETTATA PER L’ITALIA DOVE SARÀ ANGELICA NEL CURIOSO “I PALADINI” - VIDEO + FOTOGALLERY SELVATICA

-

Condividi questo articolo



 

 

Marco Giusti per Dagospia

 

tanya roberts 2 tanya roberts 2

Primo morto del 2021 è la bellissima Tanya Roberts, 65 anni, che fu sia Bond-Girl in “007 – Bersaglio mobile” di John Glen con Roger Moore, sia una delle protagoniste dell’ultima stagione delle “Charlie’s Angels”, ma anche Tarzan in gonnella in “Sheena regina della giungla” di John Guillermin e voluttuosa e un po’ troppo americana Angelica nel film di Giacomo Battiato “I paladini” accanto a star come Zeudy Araya, Ron Moss e Barbara De Rossi.

 

Non si può certo dire che Tanya Roberts fosse una grande attrice, ma con un gran fisico e i capelli rosso fuoco fece grande colpo sia come Bond-Girl che sulle copertine di “Playboy” per il lancio di Sheena.

 

Nata nel Bronx come Victoria Leigh Blum nel 1955 da madre inglese di Manchester e da padre di origini austro-ungariche-ebree che si erano conosciuti e sposati alla fine della guerra, scappò presto di casa lasciando scuola e famiglia a quindici anni.

tanya roberts e barry roberts tanya roberts e barry roberts

 

A New York incontrò un giovane studente, Barry Roberts e lo sposò. Iniziò quindi a studiare recitazione con Lee Strasberg e Uta Hagen, ma non rimediò che qualche particina a teatro nell’off-Broadway. Funzionò meglio come modella, vista la bellezza esplosiva, e come attrice nelle pubblicità di dentifrici e saponi, Ultra Brait, Clairol, anche occhiali da sole Cool Ray.

 

A metà degli anni ’70 si sposta col marito, diventato sceneggiatore, a Hollywood. Il suo esordio da protagonista è nel 1976 in “Un’ombra nel buio” di Jim Sotos, ma la troviamo anche in “The Yum Yum Girls”, nel curioso “The Privates Files of J. Edgar Hoover” di Larry Cohen, nel bellissimo “Rapsodia per un killer” di James Toback, dove ha una particina, in “Horror Puppet” di David Schmoeller.

tanya roberts 6 tanya roberts 6

 

Arriva al successo solo nei primi anni ’80 ottenendo il ruolo di Julie Rogers nell’ultima stagione delle “Charlie’s Angels”, che la porterà a quello di Tarzan in gonnella in “Sheena regina della giungla” e a quello di Stacey Sutton in “007- Bersaglio mobile” di John Glen con Roger Moore, dove viene però in gran parte oscurata dalla presenza di Grace Jones. La troviamo anche nello stracult di Don Coscarelli “Kaan principe guerriero” a fianco di Marc Singer.

tanya roberts 5 tanya roberts 5

 

E’ la tipica bellona americana da copertina patinata, rafforzata dalla qualifica di Bond Girl. Così viene impacchettata per l’Italia dove sarà Angelica nel curioso “I paladini” diretto da Giacomo Battiato e prodotto da Franco Cristaldi con cast di bellezze del tempo, da Ron Moss a Zeudy Araya. Purtroppo già negli anni ’90 la sua carriera non procede benissimo, a qualche ruolo in film di secondo piano. Anche sua sorella, Barbara Chase, moglie per quindici anni del guru dell’LSD Timothy Leary, aveva avuto una breve e meno fortunata carriera cinematografica.

christopher walken grace jone tanya roberts roger moore 007 bersaglio mobile christopher walken grace jone tanya roberts roger moore 007 bersaglio mobile roger moore tanya roberts 007 bersaglio mobile roger moore tanya roberts 007 bersaglio mobile tanya roberts 8 tanya roberts 8 tanya roberts 007 bersaglio mobile tanya roberts 007 bersaglio mobile tanya roberts playboy tanya roberts playboy tanya roberts 4 tanya roberts 4 tanya roberts 1 tanya roberts 1 tanya roberts e barry roberts 1 tanya roberts e barry roberts 1 tanya roberts 10 tanya roberts 10 tanya roberts 7 tanya roberts 7 tanya roberts 9 tanya roberts 9 tanya roberts 3 tanya roberts 3

 

Condividi questo articolo



media e tv

CHRISTIAN RACCONTA VITTORIO DE SICA – “IL GIORNO DEL SUO FUNERALE AL VERANO C’ERA UNA “BUZZICONA”. SI È GIRATA E AVEVA LA MIA FACCIA. MI DISSE CHE ERA LA FIGLIA DI INES, LA SARTA DI MIO PADRE. CHIESI SPIEGAZIONI A MIA MADRE: “E QUESTA CHI È?”. E LEI MI DISSE…” - E POI QUEL “VECCHIO SCEMO” DI CHARLIE CHAPLIN, IL FILM DI ANDY WARHOL E QUEI “QUATTRO FROCI AMERICANI” – ROSSELLINI MI DISSE: “MEGLIO CHE CONTINUI A STUDIARE. FARE L’ATTORE È UN MESTIERE DA FANNULLONE” – LO SHOW DA FAZIO – VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute