IL NECROLOGIO DEI GIUSTI - POCHI COME VIERI RAZZINI, SCOMPARSO IERI A ROMA A 82 ANNI, POTEVANO VANTARE UNA CONOSCENZA COSÌ APPASSIONATA DEL GRANDE CINEMA SOFISTICATO AMERICANO DEGLI ANNI 30 E 40. EPPURE VIERI NEL CINEMA AVEVA FATTO UN PO' DI TUTTO. GIALLISTA, SOGGETTISTA E SCENEGGIATORE, CAPO DELLA PROGRAMMAZIONE CINEMA DI RAI TRE, DISTRIBUTORE - AVEVA FATTO CONOSCERE CENTINAIA DI GRANDI TITOLI DI CLASSICI CON UN LAVORO METICOLOSO DI RICERCA ASSOLUTAMENTE ENCOMIABILE. UN PO' L'ALTRA FACCIA DI ENRICO GHEZZI NELLA RAI TRE DI GUGLIELMI… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

 

vieri razzini 5 vieri razzini 5

Pochi come Vieri Razzini, scomparso ieri a Roma a 82 anni, potevano vantare una conoscenza così appassionata del grande cinema sofisticato americano degli anni 30 e 40, Ernst Lubitsch, Mitchell Leisen, Irving Rapper, i copioni di Billy Wilder quando scriveva in coppia con Charles Brackett. Eppure Vieri nel cinema aveva fatto un po' di tutto.

 

GIallista, suo è il romanzo da cui Lucio Fulci trasse "Sette note in nero", cult internazionale. Soggettista e sceneggiatore, sue due serie di successo per la Rai negli anni 70, ""Morte a passo di valzer" con Gianni Garko e  "Una spia del regime" di Alberto Negrin con Vittorio Mezzogiorno. Capo della programmazione cinema di Rai Tre sia con la direzione di Giuseppe Rossini che di Angelo Guglielmi.

 

MARCO GIUSTI ENRICO GHEZZI BLOB MARCO GIUSTI ENRICO GHEZZI BLOB

Distributore, assieme al marito Cesare Petrillo aveva fondato, uscendo dalla Rai nel 1996, la Teodora Film, portando in Italia film difficili come "Irina Palm", "Tomboy",  Amour", "Pride", "Il figlio di Saul", aveva coprodotto film di Lucrecia Marcel, "La Nina Santa", "La donna senza testa", di Francois Ozon  Ricky", Alezio Abranches, " Il cuore criminale delle donne".

 

Ma sia in Rai come programmazione cinema che da distributore coi DVD aveva fatto conoscere centinaia di grandi titoli di classici con un lavoro meticoloso di ricerca assolutamente encomiabile. Un po' l'altra faccia di Enrico Ghezzi nella Rai Tre di Guglielmi. Tra i due c'era una forte rivalità. Troppo diversi. Troppo distanti. Troppo primadonna Enrico . Troppo poco duttile Vieri, che era però molto più legato al mondo radical chic della Rai di Guglielmi.

 

 

angelo guglielmi foto di bacco angelo guglielmi foto di bacco

Anche se Enrico era il pupillo del primo direttore comunista della Rai come lo era stato del democristianissimo Rossini. Ricordo che neanche trentenne, arrivato da Genova a Roma, non era facile per me dividere l'ufficio di Vieri (che allora era il capo) e di Enrico, che mi aveva chiamato a lavorare, tenendo un comportamento di affabile neutralità.

 

In anni di grandi fermenti e innovazioni, nel 1987 Vieri dette vita a un incredibile programma dedicato a Luchino Visconti, realizzato assieme a L'officina Filmclub,  Roberto Farina e Caterina D'Amico che poteva vantare un centinaio (avete capito bene) di interviste che andavano da Burt Lancastera Silvana Mangano, da Paolo Stoppa a Rina Morelli, da Piero Notarianni a Delon e Cardinale. Il programma completava la più grande rassegna di film di Visconti che si fosse mai fatta in tv.

vieri razzini 6 vieri razzini 6

 

Qualcosa che andrebbe ritrovato e rimesso in onda perché era un Tutto Visconti di increbile valore perché toccava non solo il cinema ma anche l'Opera, il Teatro e la vita del Duca Rosso.

 

vieri razzini 2 vieri razzini 2

Vieri realizzò per RaiTre anche una grande intervista a Marco Ferreri che andò in onda diluita coi film e una a Rainer W. Fassbinder, che non si è più ritrovata, ma che allora andò in onda. Uscendo dalla Rai alla fine degli anni 90, Vieri riuscì non solo a reinventarsi professionalmente, ma utilizzò tutta la sua conoscenza e cultura cinematografica per puntare sia alla diffusione dei classici del passato che amava, sia per costruire una nuova linea di distribuzione, totalmente originale che spaziava sui nuovi autori nordici come Susanne Bier ai nuovi autori sudamericani come Lucrecia Marcel. Un programma impegnativo che dette però grandi risultati e favori da parte del pubblico. I funerali si svolgeranno sabato mattina alle 11 alla Casa del Cinema di Roma.

angelo guglielmi foto di bacco angelo guglielmi foto di bacco

vieri razzini 7 vieri razzini 7 vieri razzini 1 vieri razzini 1 vieri razzini 4 vieri razzini 4 vieri razzini 3 vieri razzini 3

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE