IL NECROLOGIO DEI GIUSTI - SE NE VA UN ALTRO DEI PICCOLI MAESTRI DEL NOSTRO CINEMA DI GENERE, MAURIZIO PRADEAUX, ROMANO, 91 ANNI, AUTORE DI FILM STRACULT COME IL WESTERN “RAMON IL MESSICANO” CON ROBERT HUNDAR, LO SPY “28 MINUTI PER 3 MILIONI DI DOLLARI” E I THRILLER “PASSI DI DANZA SU UNA LAMA DI RASOIO” E “PASSI DI MORTE PERDUTI NEL BUIO”, PRODOTTI DAL MITICO NONNO UGO ROSSETTI DELL’OMONIMO MOBILIFICIO - ULTIMO FILM, USCITO NEL 1989, DOVREBBE ESSERE IL THRILLER EROTICO “THRILLING LOVE – TRADIMENTI A CAPRI” CON TONY KENDALL ALIAS LUCIANO STELLA E LA PORNO STAR SHARON KANE. USCITO IN VERSIONE SOFT E HARD. NEGLI ULTIMI ANNI, PRADEAUX HA SCRITTO ROMANZI SENZA PIÙ TORNARE AL CINEMA - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

 

maurizio pradeaux maurizio pradeaux

Se ne va un altro dei piccoli maestri del nostro cinema di genere, Maurizio Pradeaux, romano, 91 anni, autore di film stracult come il western “Ramon il messicano” con Robert Hundar, lo spy “28 minuti per 3 milioni di dollari” con Richard Harrison, il macaroni war movie “I leopardi di Churchill” con Klaus Kinski e Richard Harrison, i thriller “Passi di danza su una lama di rasoio” e “Passi di morte perduti nel buio”, prodotti dal mitico Nonno Ugo Rossetti dell’omonimo mobilificio.

 

Girò perfino un film di cani, “I figli di Zanna Bianca” e il thriller hard “Thrilling Love” nel 1989. Come molti cinematografari inizia dal basso. Lo troviamo aiuto segretario di produzione su “Canzone d’amore”, assistente di produzione su “La Pica sul Pacifico” del 1959, ma anche su capolavori del tempo prodotti e diretto da Emimmo Salvi come “Vulcano, figlio di Giove”, o “Il ribelle di Castelmonte”, “Una storia di notte” di Luigi Petrini.

 

28 minuti per 3 milioni di dollari 1 28 minuti per 3 milioni di dollari 1

Il suo vero esordio da regista di genere è il western “Ramon il messicano” con Robert Hundar alias Claudio Undari, una delle prime star del genere. E’ un film poverissimo col Messico ricostruito tutto vicino a Roma.

 

Raccontava lo stesso Maurizio Pradeaux (a Gabriel Di Nunzio per TV Trash blog): “Io avevo finito di fare un film che si chiamava "I 4 cantoni" (i 4 cantoni di Via Veneto, a Roma, tra Via Ludovisi e Via Boncompagni), e il produttore, che era di Bologna, Marino Carpano, aveva scritturato un grande cast.

 

 

klaus kinski i leopardi di churchill klaus kinski i leopardi di churchill

C'era Leroy, Scilla Gaber… ma il produttore perse tutti i soldi, e gli dissi che se voleva fare un film commerciale, doveva fare un western. E avevo pronto il soggetto, e gli ho detto, al produttore: ti faccio anche la regia! Avevamo preventivato 100 milioni di lire di costo”.

 

ramon il messicano 1 ramon il messicano 1

Secondo Oberdan Trojani, direttore della fotografia “Maurizio Pradeaux era uno che faceva l’autista con Emimmo Salvi, un direttore di produzione, quando facevamo i film mitologici. Salvi ha scritto questo soggetto [che però figura come di Pradeaux, ndr] e ha trovato un finanziatore di Bologna.

 

E poi volle fare sempre con Pradeaux Ventotto minuti per tre milioni di dollari, un film del tipo 007, e ci rimise, perché non era un film che si poteva fare in economia. L’unico modo di fare i film western in economia era quello di seguire sempre la corrente, di non cercare mai di metterci qualcosa di nuovo”.

 

thrilling love thrilling love

 

Pradeaux racconta così la lavorazione: "gli interni alla De Paolis, gli esterni a Colle Pardo, vicino ad Alatri - Frosinone - e a Manziana, nel bosco di Manziana (vicino Bracciano) le scene con i cavalli, e a Monte Gelato vicino Mazzano, al fiume Treia, con cascate cascatelle; scelsi la location andando a pesca, c'era un sentiero di quelli per il pascolo delle capre, camminando dentro mi sono trovato di fronte a uno spettacolo della natura, ma fui il primo ad inaugurare quella location; moltissimi altri andarono a girare alle cascate del Treia e ancora oggi molte scene sono girate lì".

 

Il film andò pure benino. Qualche anno dopo scriverà per Roberto Bianchi Montero un altro western di coproduzione italo-spagnola, “I senza Dio” con Antonio Sabato. Funziona bene il bellico “I Leopardi di Churchill” con Klaus Kinski e Richard Harrison e ancor meglio il suo primo thriller, sempre di coproduzione italo-spagnola, “Passi di danza su una lama di rasoio”, uscito nel 1973 con Robert Hoffman Susan Scott alias Nieves Navarro, Anuska Borova, Simon Andreu, girato nella Barcellona dei fratelli Balcazar, anche coproduttori assieme a George Martin, che ha un piccolo ruolo.

passi di morte perduti nel buio. passi di morte perduti nel buio.

 

Al punto che ne girerà subito dopo un altro dal titolo analogo, “Passi di morte perduti nel buio”, 1976, con Robert Webber, Leonard Mann, Vera Krouska, Barbara Seidel, questo prodotto da Ugo Rossetti, meglio noto come Nonno Ugo per la Salaria Film.

 

Fu infatti nei capannoni di Nonno Ugo sulla Salaria che trovai una marea di cassette del film, che doveva essere per Nonno Ugo uno sforzo non indifferente. Ultimo film, uscito nel 1989, dovrebbe essere il thriller erotico “Thrilling love – Tradimenti a Capri” con Tony Kendall alias Luciano Stella e la porno star Sharon Kane. Uscito in versione soft e hard. C’è anche una delle ragazze del Cacao Meravigliao, Thel Montenegro, particolarmente in azione. Negli ultimi anni, Pradeaux ha scritto romanzi senza più tornare al cinema.

passi di danza su una lama di rasoio maurizio pradeaux passi di danza su una lama di rasoio maurizio pradeaux 28 minuti per 3 milioni di dollari 28 minuti per 3 milioni di dollari klaus kinski i leopardi di churchill 2 klaus kinski i leopardi di churchill 2 28 minuti per 3 milioni di dollari maurizio pradeaux 28 minuti per 3 milioni di dollari maurizio pradeaux ramon il messicano 2 ramon il messicano 2 ramon il messicano 3 ramon il messicano 3 ramon il messicano ramon il messicano thrilling love thrilling love maurizio pradeaux maurizio pradeaux passi di morte perduti nel buio passi di morte perduti nel buio klaus kinski i leopardi di churchill klaus kinski i leopardi di churchill

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute