NON CREDO ALLE MIE ORECCHIE - LA GRUBER DÀ RAGIONE A SALVINI CONTRO CONTE, MA TRAVAGLIO OVVIAMENTE DIFENDE IL PREMIER: ''SALVINI È SEMPRE IN TV, PIÙ DI CONTE. L'OPPOSIZIONE VUOLE DAVVERO IL DIALOGO? PERCHÉ NON PROPONE QUALCOSA DI ALTERNATIVO? SERVONO LOCKDOWN LOCALI PER EVITARE UN LOCKDOWN NAZIONALE CHE AVREBBE UN EFFETTO DISASTROSO SUL PAESE''

-

Condividi questo articolo

 

 

Da www.liberoquotidiano.it

 

Clamorosa Lilli Gruber. A Otto e mezzo è ospite per la seconda serata consecutiva Marco Travaglio, direttore del Fatto quotidiano e portavoce televisivo "non ufficiale" del premier Giuseppe Conte. Ormai Lilli la Rossa sembra aver preso gusto a punzecchiare Travaglio, arrivando quasi a dar ragione a Matteo Salvini.

MARCO TRAVAGLIO LILLI GRUBER MARCO TRAVAGLIO LILLI GRUBER

 

"Dice che sono 6 mesi che Conte ignora l'opposizione perché gli interessano più gli ascolti televisivi  che i posti di lavoro a rischio. Non ha anche un po' di ragione?", domanda perfida la Gruber a Travaglio. "Da più parti si invoca se non un governo di unità nazionale perlomeno una maggiore collaborazione tra governo e opposizione. Di chi è la colpa?", lo incalza.

 

Impossibile pensare a una qualche forma di critica a Conte da parte di Travaglio: "Salvini è sempre in tv, più di Conte. L'opposizione vuole davvero il dialogo? Perché non propone qualcosa di alternativo? In Lombardia i contagi sono raddoppiati in tre giorni. Io mi aspetterei che Salvini e Meloni dicessero: chiudete Milano per 15 giorni, chiudete Napoli per 15 giorni, chiudete quei pezzi di Lombardia, Piemonte e Campania che pesano per il 50% dei contagi nazionali. Servono lockdown locali per evitare un lockdown nazionale che avrebbe un effetto disastroso sul Paese", conclude il direttore del Fatto.

travaglio conte travaglio conte lilli gruber salvini lilli gruber salvini

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute