NON NOMINARE LA MELONI INVANO – “BLITZ QUOTIDIANO”: UNA QUESTIONE MISERELLA (LA DUCETTA E’ ROMANISTA E LAZIALE?) E UNA FRASE MINIMA DI UNA GIORNALISTA IN UNA TRASMISSIONE DELLA RAI (“SE È UN PECCATO CAMBIAR SQUADRA…NON SAREBBE CERTO L’UNICO”) HA SCATENATO I SACERDOTI DEL CULTO MELONIANO. SOSPENDERE GIORNALISTA, CONDUTTORI, TRASMISSIONE! PER FORTUNA LEI, GIORGIA, SEMBRA L’UNICA, PURTROPPO, A MANTENERE LA MISURA IN QUESTA VICENDA - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Lucio Fero per blitzquotidiano.it

 

  

elisa anzaldo elisa anzaldo

Spesso ci si interroga sulla statura culturale e civile e sullo spessore intellettuale (talvolta semplicemente…intellettivo) del ceto politico. E ci si pone la domanda come propedeutica ad altra e conseguente domanda: sono in grado di governare? E’ in grado di governare un ceto politico specializzato nella recita, isterica e monotona al tempo stesso, dell’immediato? Una risposta franca e sincera nel suo piccolo la fornisce la vicenda minima legata ad una chiacchiera minima in Rai nella quale si è parlato anche di Giorgia Meloni.

 

Laziale e/o romanista?

Una questione a dire il vero miserella è stata innaffiata oltre misura dall’attenzione della stampa: Giorgia Meloni che da giovanissima si dice fosse “aquilotta” è poi diventata giallorossa? Dilemma da sorridere, ma qualcuno arriva a far sul serio e va a scrivere che come fai a fidarti di chi muta l’appartenenza ad oggi meno mutabile in una vita?

GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

 

Si cambia il partner, il lavoro, la città, le convinzioni e convenienze politiche, perfino la fede religiosa…Ma la squadra no, quella non si cambia! Di questo, su questo una fraserella minima in una trasmissione della Rai. “Se è un peccato cambiar squadra…”. “Non sarebbe certo l’unico”. Frase innocua, applicabile a qualunque essere umano. Scambio di battute che oltretutto ridimensiona il ridicolo scandalo inaffidabilità tifosa e non solo della Meloni. Ma…

 

Non nominare Giorgia invano

ELISA ANZALDO ELISA ANZALDO

Ma c’è appunto lo spessore culturale e c’è la statura intellettiva del ceto politico. Quello di Destra (ma quello di Sinistra avrebbe fatto lo stesso nel caso si fosse nominato invano un nome di sinistra) reagisce appunto invocando la sacra legge del non nominare Giorgia invano. Giorgia che sta andando alle elezioni. Giorgia che sta andando a vincerle le elezioni. Giorgia che sta andando a governare. Giorgia che nominarla senza ossequio è già sacrilego, anzi è già boicottaggio. Giorgia che è: donna, mamma, italiana. E che è guida e che forse sarà premier o giù di lì. Non si scherza con i santi e Giorgia è per il ceto politico di appartenenza già una santa. E quindi: punire la blasfemia, sospendere giornalista, conduttori, trasmissione!

GIORGIA MELONI 1 GIORGIA MELONI 1

 

Questo lo spessore e questa la cultura e, in fondo, anche questo il mestiere ormai quasi esclusivo del ceto politico: quello del commediante capace di incrociare le tecniche della sceneggiata con quelle del talk-show. I sacerdoti del culto di Giorgia celebrano ed esigono riti purificatori per sanare l’oltraggio. Per fortuna lei, Giorgia, sembra l’unica, purtroppo, a mantenere la misura in questa vicenda che non meriterebbe neanche di essere tale.

elisa anzaldo foto di bacco elisa anzaldo foto di bacco

 

Condividi questo articolo

media e tv

“PAURA DI MORIRE? LA CONSIDERO UNA SCOCCIATURA” – ARCHEO: L’INTERVISTA RILASCIATA DA PIERO ANGELA, SCOMPARSO OGGI A 93 ANNI, AL “CORRIERE” IL 25 GIUGNO 2017: “LA MIA GIORNATA TIPO: COLAZIONE ALLE8, POI DOCCIA, QUINDI MI SIEDO PER LEGGERE. QUANDO VOGLIO RILASSARMI, SUONO IL PIANO” – “PASSARE TEMPO CON I NIPOTI? NON SVOLGO QUELLE FUNZIONI: LAVORO” – “IL MIO EREDE NELLA DIVULGAZIONE? SARÀ LA SELEZIONE NATURALE A DECIDERLO” – “NEL 1974 FUI TESTIMONE DELLA PRIMA FAKE NEWS, QUELLA SULLA MORTE DI ALBERTO MORAVIA. HO SCELTO BACH COME SIGLA DI ‘QUARK’ PERCHE’ UNA VOLTA A BRUXELLES…”

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

business

cronache

COSA SUCCEDE SE METTETE INSIEME 12 MASCHIONI, OGNUNO CON NON MENO DI 27 CM DI DOTAZIONE, E SEI DONNE? AVRETE “HIGH GEAR”, UN SUPER FILM IN CUI CI DANNO DENTRO A TUTTA FORZA - BARBARA COSTA: “E’ IL RITORNO DELLE MAXI ORGE NEL PORNO DOPO IL FERMO COVID, ANCHE SE DEL COVID NON CI SIAMO LIBERATI. VACCINATI E TAMPONATI NEGLI USA LE ORGE SI FANNO, IN MISURA MINORE RISPETTO A PRIMA E NON È SOLO DEL COVID LA CAUSA: È COSTOSISSIMO, È LA CATEGORIA PIÙ SALATA, E LE DONNE CHE NE SVETTANO SONO PAGATE TASSATIVAMENTE DI PIÙ DEI COLLEGHI MASCHI CHE LE INFILZANO…”

sport

cafonal

viaggi

salute