PANICO FRA I SONDAGGISTI ITALIANI PER IL SERVIZIO DI “REPORT” CHE ANDRÀ IN ONDA QUESTA SERA! – LA TRASMISSIONE DI SIGFRIDO RANUCCI FONIRÀ LE PROVE DI QUELLO CHE GLI ITALIANI DA MOLTO TEMPO SOSPETTAVANO: LA GRAN PARTE DEI SONDAGGI POLITICI SONO MENO ATTENDIBILI DEI TAROCCHI (NON SI SALVA NESSUNO, DA NOTO ALLA GHISLERI) – ORA NON RESTA CHE FARLO CAPIRE ANCHE AI PARTITI E AI LEADER CHE CONTINUANO A BUTTARE MILIONI DI EURO… – VIDEO

-

Condividi questo articolo


DAGONEWS

sigfrido ranucci report 1 sigfrido ranucci report 1

Panico fra i sondaggisti italiani per il servizio di Report che andrà in onda questa sera. Finalmente avremo le prove di tutto quello che gli italiani da molto tempo sospettavano: che la gran parte dei sondaggi politici sono meno attendibili dei tarocchi. Ora non resta che farlo capire anche ai partiti e ai leader che continuano a buttare milioni di euro. Non si salva nessuno.

 

Report parla anche del bando Rai per gli exit poll. E poi ci sono i conflitti di interessi di Fabrizio Masia, i guai societari di Antonio Noto, i super profitti del presunto guru Lorenzo Pregliasco, Tecné che lavora per Mediaset e stravede per il futuro di Forza Italia.

 

inchiesta di report sui sondaggi di euromedia research - alessandra ghisleri inchiesta di report sui sondaggi di euromedia research - alessandra ghisleri

P.s. Non fa una bella figura neanche Alessandra Ghisleri, ex regina dei numeri di Berlusconi, che non sa spiegare come sono fatti i suoi sondaggi e soprattutto se utilizza per la sua collaborazione con il quotidiano La Stampa i dati raccolti con i soldi Rai di Porta a Porta

inchiesta di report sui sondaggi di euromedia research - alessandra ghisleri inchiesta di report sui sondaggi di euromedia research - alessandra ghisleri

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA