QUANTO È DAVVERO REALISTICO "THE CROWN"? LA SERIE MANDA SU TUTTE LE FURIE QUEL MERLUZZONE DI CARLO - L’EREDE AL TRONO E’ IMPAZZITO PERCHE’ NELLA SERIE APPARE UNA LETTERA DI RIMPROVERO, MAI ESISTITA IN REALTÀ, DI LORD MOUNTBATTEN, ZIO DEL PADRE FILIPPO, PER LE SUE TRESCHE CON L'AMANTE CAMILLA - IL PRODOTTO NETFLIX HA RIACCESO ANCHE IL MITO DI LADY DIANA: È VERO CHE CARLO ERA GELOSO DELLA SUA FAMA? E CHE LEI TENTÒ IL SUICIDIO QUANDO ERA INCINTA DI WILLIAM?

-

Condividi questo articolo

Antonello Guerrera per “la Repubblica”

 

carlo e diana nella realta' e in the crown carlo e diana nella realta' e in the crown

Certo, basta che funzioni, che se ne parli, eccetera. È la regola numero uno di "The Crown" e, più discretamente, della famiglia reale devota al corollario elisabettiano "Never complain, never explain", mai lamentarsi, mai spiegarsi. Lasciali parlare, che si tratti della saga ribelle di Meghan e Harry, dei tormenti di Diana o del docufilm "Royal Family" cui i Windsor si concessero nel '69 per consacrarsi al pop. Stavolta però, "amici" della Famiglia reale che ufficialmente ha snobbato "The Crown" (possibile?), parlano di un Carlo "furioso" per una lettera di rimprovero nella serie tv, mai esistita, di Lord Mountbatten, zio del padre Filippo, per le sue tresche con l' amante Camilla.

 

DIANA E CARLO DIANA E CARLO

Perché, sì, del quarto filone di "The Crown" ora su Netflix anche stavolta ne parlano tutti. Anche per la sua inaccuratezza storica, polemica non nuova per il demiurgo Peter Morgan. Ma il dibattito, oltre all' amata Elisabetta II che ieri ha festeggiato 73 anni di matrimonio con il 99enne Filippo, ora coinvolge anche Lady D - impeccabile l' attrice Emma Corrin - e il suo inquieto rapporto con l' allora marito Carlo. È vero che il principe era geloso della fama di Diana? E che quest' ultima tentò il suicidio?

 

carlo, diana, elizabetta ii carlo, diana, elizabetta ii

Quanto è davvero realistico "The Crown", si chiedono fan e neofiti? "Order, order!", direbbero alla Camera dei Comuni. Sì, Carlo, impersonato da John O' Connor, davvero temeva di essere oscurato dal successo di Diana: in "The Crown" la accusa più volte di ridurlo a "raccogliere i fiori per lei" e di "fare scena abbracciando i miserabili", come il bambino malato di Aids ad Harlem nel 1989. Possibile? Sì, per l' esperta Penny Junor al Sun : "Forse le parole non furono quelle, ma Carlo si sentiva in competizione".

 

carlo e diana carlo e diana

"Era geloso", parola di Diana nell' esplosivo libro di Andrew Morton. E Lady D e la Regina Madre? Non andavano d' accordo, come nel terzo episodio? Proprio così, soprattutto quando la promessa sposa di Carlo s' azzardò a interrompere la figlia Margaret a cena. "Mi intimidiva", dirà Diana nella storica e controversa intervista Bbc nel 1995. La piccola Diana amava andare sui pattini? Certo. Quando era incinta di William provò a suicidarsi? Sì. E, pochi giorni prima del matrimonio con Carlo, davvero scoprì i disegni del bracciale che lui stava per regalare a Camilla? Ecco la faglia tra realtà e fantasia.

 

diana, carlo, william e harry 4 diana, carlo, william e harry 4

Perché Diana in realtà trovò proprio il bracciale destinato alla sua "rivale" e andò in escandescenze. Poco prima le due andarono a pranzo insieme, ma in verità non fu teso come nella serie. La 16enne Diana e Carlo non si incontrarono la prima volta a casa della sorella di lei in costume "Sogno di una notte di mezza estate", ma in un' altra tenuta degli Spencer. Carlo, a differenza che in "The Crown", si inginocchiò per dichiararsi a lei. E non decise di mollare la principessa del Galles subito dopo la strage sfiorata per una valanga in Svizzera nel 1988, bensì solo quattro anni dopo. Potremmo continuare, ma ne vale la pena? Il fantasma di Diana non abbandonerà mai i Windsor. E poi, come diceva Albert Camus, la narrativa, anzi la "fiction", non è forse la bugia con la quale raccontiamo la verità?

emma corrin lady d in the crown emma corrin lady d in the crown emma corrin lady d in the crown emma corrin lady d in the crown olivia colman josh o'connor the crown olivia colman josh o'connor the crown olivia colman tobias menzies the crown olivia colman tobias menzies the crown helena bonham carter olivia colman tobias menzies the crown 5 helena bonham carter olivia colman tobias menzies the crown 5 tobias menzies olivia colman helena bonham carter the crown tobias menzies olivia colman helena bonham carter the crown helena bonham carter olivia colman tobias menzies the crown helena bonham carter olivia colman tobias menzies the crown helena bonham carter olivia colman tobias menzies the crown helena bonham carter olivia colman tobias menzies the crown gillian anderson thatcher the crown gillian anderson thatcher the crown diana, carlo, william e harry 3 diana, carlo, william e harry 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

‘’MARADONA NON È MORTO, È SOLO ANDATO A GIOCARE IN TRASFERTA” – LA MORTE DEL GENIO DEL CALCIO HA COLPITO PAOLO SORRENTINO MENTRE STA GIRANDO A NAPOLI. “E' STATA LA MANO DI DIO” - A MARADONA SONO STATI DEDICATI NUMEROSI FILM DIRETTI DA REGISTI DIVERSI TRA LORO COME EMIR KUSTURICA, MARCO RISI,  ASIF KAPADIA – NERI PARENTI HA AVUTO L'ONORE DI DIRIGERE IL PIBE DE ORO IN UN CINEPANETTONE: TIFOSI (1999), IN CUI IL CAMPIONE INTERPRETA SE STESSO E SI FA RAPINARE DA NINO D'ANGELO

politica

CONTE È DAVVERO IN BILICO? NON FINCHÉ DURA IL COVID NON SARA’ PIATTO E VACCINATO - A FEBBRAIO, INVIATI I PIANI DEL RECOVERY FUND, CONTE SI TROVERÀ DAVANTI A UN BIVIO: O SI RICORDERÀ CHE È STATO MESSO DA DI MAIO A PALAZZO CHIGI PER MEDIARE TRA I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, E NON PER FARE IL MONARCA ASSOLUTO, OPPURE TORNERÀ A FARE L'AVVOCATO – MATTARELLA CHIEDE IL NOME DEL SOSTITUTO DI CONTE MA NON C’E’ ACCORDO (DI MAIO ACCETTARE UN ISCRITTO PD). CERCASI UN ESPONENTE DELLA SOCIETA’ CIVILE O DEL ''DEEP STATE'' - IL PATTO BETTINI/GIANNI LETTA

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute