LA QUARANTENA DEI GIUSTI: GUIDA TV PER RECLUSI - CHE VEDIAMO OGGI? LA DOMANDA È UN’ALTRA. COSA ASPETTATE DI PIÙ OGGI, L’APERTURA DI DISNEY+, COSÌ SISTEMERETE I RAGAZZINI DAVANTI ALLA TV A VEDERE “MANDALORIAN”, IL BIOPIC DI RAI UNO SU ALBERTO SORDI, CON UN EDOARDO PESCE STREPITOSO, O I NUOVI RE TRASH DELLE DIRETTE FACEBOOK O INSTAGRAM TIPO PAOLA SAULINO E GIUSEPPE CONTE? - SEZIONE STRACULT: I MIGLIORI WESTERN, EROTICI, POLIZIOTTESCHI E CLASSICI DI OGGI

-

Condividi questo articolo

Marco Giusti per Dagospia

 

john il bastardo john il bastardo

Che vediamo stasera? La domanda è un’altra, magari. Cosa aspettate di più oggi, l’apertura di Disney+, così sistemerete i ragazzini davanti alla tv a vedere “Mandalorian” per i prossimi mesi dando fiumi di soldi alla Disney, la prima tv del biopic di Rai Uno su Alberto Sordi, “Permette, Alberto Sordi?” diretto da Luca Manfredi con un Edoardo Pesce strepitoso, che non è né macchietta né imitazione, ma se lo reiventa a modo suo, o i nuovi re trash delle dirette facebook o instagram?

 

Parlo della reginetta porno di Secondigliano, insta_paolina alias Paola Saulino, "La vostra personalità in confronto al mio culo è minuscola, scompare", o del nuovo sceriffo del sud, il sindaco di Messina Cateno De Luca, con tanto di sciarpa tricolore, che dalle sue dirette Facebook, subito scippate da Canale 5, cerca di bloccare gli invasori dal nord sull’isola e insulta tutti, "Ministro degli Interni (#Lamorgese) con tutto il rispetto: vai a vaffancu@@! Siete degli impostori, degli imbroglioni!".

 

i mongoli i mongoli

Insomma. Dopo due settimane e passa di reclusione, mentre ciò che della nostra cultura va scomparendo, oggi se ne è andato in solitudine anche Alfio Contini, direttore della fotografia di capolavori come “Il sorpasso” e “Zabrieskie Point”, stiamo aprendo la porta alle follie delle dirette facebook e instagram e anche noi critici più antichi dovremmo saperlo. Povero Aldo Grasso che attacca Giuseppe Conte per le dirette Facebook, quando quella è la vera nuova porta di invasione mediatica moderna, la nuova tv che abbiamo prodotto in questi anni e che ci sta invadendo assieme al virus. Il nuovo trash e la nuova comunicazione stanno lì.

 

i mongoli i mongoli

Lo sa Conte, lo sa qualsiasi Casalino, lo sa Cateno De Luca, lo sa l’altro De Luca, lo sceriffo, e lo sa insta_paolina che ti spiega come si danno le pacche sul culo. E non lo sa Grasso. 

 

 

Per chi sogna però ancora il cinema classico, come me, oggi vi propongo ben due peplum con Jack Palance protagonista. Alle 14:54 su Cine 34 “I mongoli” di André De Toth e Riccardo Freda, che ricordo come film violentissimo che molto mi turbò da ragazzino, seguito alle 17:35 su Rai Movie da “Revak, lo schiavo di cartagine” di Rudolph Maté, dove Palance cova vendetta contro i cartaginesi.

 

Fra gli stunt di Revak, kolossal dei poveri prodotto da Nello Santi della Galatea, troverete anche il pelatone Puccio Ceccarelli. De Toth, già ex-marito di Veronica Lake, aveva perso un occhio in guerra e lo teneva bendato tipo pirata, ma questo non gli impedì di girare film memorabili, come “La maschera di cera”.

 

il sindacalista lando buzzanca il sindacalista lando buzzanca

Per i fan di western oggi pomeriggio passano il superinteressante “John il bastardo” di Armando Crispino, versione spaghetti del “Don Giovanni” di Mozart con John Richardson, Claudio Camaso e la stupenda Martine Beswick, Rai Movie 15:45, e l’americano e moscissimo “Sfida nella valle dei Comanche” di Frank McDonald con Audie Murphy su Rete 4.

 

“Crispino”, ricordava il suo aiuto Roberto Pariante, “era un intellettuale che faceva il western. Anche Damiani e Lizzani li avevano fatti, ma loro avevano trovato la chiave giusta. Anche la chiave politica del genere. Pensiamo a Requiescant, che era scritto proprio da Crispino e dal suo cosceneggiatore, Lucio Battistrada. Crispino in questo, penso, si sentì frustato, perché non riuscì a trovare né una sua chiave personale né quella politica. Ricordo che portammo in Spagna, probabilmente in Almeria, un obiettivo, il 1.000, per fare una sola inquadratura, quella di Gordon Mitchell vestito di nero che simboleggiava la morte.” Beh, però…

edoardo pesce nei panni di alberto sordi edoardo pesce nei panni di alberto sordi

 

Mi incuriosisce un po’,  alle 17 su Cine 34, “Come ti rapisco il pupo” di Lucio De Caro con megacast, Walter Chiari-Teo Teocoli-Umberto Smaila-Massimo Boldi-Stefania Casini, assurda commedia sui rapimenti di bambini. Ma sui rapimenti di bambini non si scherza e infatti venne cambiato il titolo, che diventò “Cinque furbastri, un furbacchione” e il film andò malissimo. 

 

Alle 19 la scelta è tra il capolavoro di Dino Risi “I mostri”, Cine 34, e “Piedone a Hong Kong” di Steno con Bud Spencer su Rai Movie. Film vistissimi, lo so. Alle 21 se avete un solo televisore sono probabili risse in casa perché passa su Rai Uno il biopic sordiano “Permette, Alberto Sordi?” con Edoardo Pesce, su Rai Movie il più bel film di Matteo Garrone, “Gomorra”, su Cine 34 parte una seratona Luciano Salce con due capolavori, “Il sindacalista” con Lando Buzzanca che spara la pernacchia più lunga di ogni tempo al padrone della fabbrica Renzo Montagnani, seguito da “Basta guardarla” con Carlo Giuffé, Maria Grazia Buccella e Mariangela Melato.

dove vai tutta nuda dove vai tutta nuda

 

Su Iris c’è un western di Robert Wise che non trovo molto riuscito, “La legge del capestro” con un James Cagney invecchiato, Irene Papas nel suo solo western, e Lee Van Cleef in versione pre-Leone. Ma “Prometheus” di Ridley Scott con Michael Fassbender e Charlize Theron, Rete 4, ha dei fan accaniti e mi ero ripromesso di vederlo meglio. Allora non mi era piaciuto molto, però…

 

Detto questo la scelta non è facile. “Permette, Alberto Sordi?”, grazie a Pesce, a una certa cura produttiva e di rispetto della storia, c’è la supervisione di Tatti Sanguineti, è un buon compromesso tra le esigenze da fiction popolare di Rai Uno e un film su Sordi rispettoso della sua vita. Inoltre trova una sua strada abbastanza riuscita, visto che è da subito non un semplice biopic di Sordi, ma quasi un film alla Sordi trasformato in biopic, penso grazie alla ricerca continua di trovate comiche di dialogo e di situazioni.

 

dove vai tutta nuda dove vai tutta nuda

La complicità di Pesce alla sceneggiatura è evidente e se vi lasciate un attimo prendere più dal divertimento che dalla ricerca di inesattezze storiche – certo questo Carmine Gallone è ridicolo e il set di “Scipione l’africano” non poteva essere sta cosa da Don Matteo, Lillo come Fabrizi è bravissimo, ma Fabrizi non amava così tanto Sordi, ecc. –, troverete che alla fine funziona e non tradisce lo spirito di Sordi. Che poi, lo sappiamo bene quando doveva lui fare delle ricostruzioni storiche, vedi “Polvere di stelle” , non era proprio perfetto.

 

come ti rapisco il pupo come ti rapisco il pupo

In tarda serata, alle 23, il film da vedere è il capolavoro di Salce “Basta guardarla” su Cine 34, avventure di una sgangherata troupe di avanspettacolo capitanata da Silver Boym cioè Carlo Giuffré, che se la fa con la prima donna, Marisa la spagnola di Milano cioè Mariangela Melato, ma si innamora della contadinotta Maria Grazia Buccella che è stata trasformata nella bonissima Riketta Rikk.

 

“Il miglior film sull’avanspettacolo, appena guastato dal ricordo del Risi peggiore (Straziami ma di baci saziami)”, scriveva Giovanni Buttafava. C’è tutto, Franca Valeri come Pola Prima che canta “Piramidal”, Salce stesso come Farfarello che dice barzellette oscene, i numeri assurdi, “Via col… razzo”, “che piacere che piacere che si prova… nel sedere”, Pippo Franco ballerino gay che insegna a Riketta come ballare.

 

A notte fonda, se non dormite proprio, vi prometto “La setta” di Michele Soavi, Cine 34, seguito, alle 2, 10 su Rete4 da “Dove vai tutta nuda?” di Pasquale Festa Campanile con Maria Grazia Buccella, Tomas Milian e Vittorio Gassman. Allora, quando uscì, era terribile, magari stanotte funziona meglio.

basta guardarla basta guardarla basta guardarla basta guardarla the mandalorian 2 the mandalorian 2 I MOSTRI - DINO RISI I MOSTRI - DINO RISI I MOSTRI - DINO RISI I MOSTRI - DINO RISI the mandalorian the mandalorian I MOSTRI - DINO RISI I MOSTRI - DINO RISI the mandalorian. the mandalorian. the mandalorian the mandalorian basta guardarla basta guardarla basta guardarla basta guardarla

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

DAGO FA 72! - LUCA BEATRICE CELEBRA ‘’IL DOTTOR FRANKENSTEIN DELL’INFORMAZIONE”, DA CRITICO MUSICALE A “QUELLI DELLA NOTTE”, DALLE NOTTI ROMANE AL BAR DELLA PACE ALLA PRODUZIONE DI LIBRI EXTRAVAGANTI (“IL MEGLIO DI NOVELLA 2000” CON ARBORE, “COME VIVERE BENE E SENZA I COMUNISTI”, “SBUCCIANDO PISELLI” CON ZERI) – ‘’QUANDO BRIAN ENO ESORDÌ A ROMA DA ARTISTA VISIVO, DAGO DIEDE IN SUO ONORE UN GRAN PARTY CON GENTE DA TUTTA ITALIA E IL GURU DEL MINIMALISMO, FELICE E MERAVIGLIATO, SEMBRAVA PERSINO FUORI POSTO TRA TANTO ECCESSO VISIVO E SONORO, CULMINATO CON LE CANZONI NAPOLETANE DI MARIA NAZIONALE, CHE È UN PO’ COME PROPORRE GIGI D’ALESSIO A BOB DYLAN”

politica

NON DITE AI LIBERISTI CON IL COCKTAIL IN MANO CHE ARCURI NON LASCIA MA RADDOPPIA: SARÀ ANCHE COMMISSARIO PER LA RIPARTENZA DELLE SCUOLE! - DEL RESTO L'EX COMPAGNO DI MYRTA MERLINO SI MERITAVA UN PREMIO: IN QUESTI MESI AVEVA IL SOLO COMPITO DI RENDERE DISPONIBILI LE MASCHERINE E CALMIERANDO IL PREZZO LE HA RESE INTROVABILI. POI SI È DISTINTO CON IL CLICK DAY DA UN SECONDO – SALVINI E LA MELONI NON VEDEVANO L’ORA E ATTACCANO. ANCHE PERCHÉ PER DIFENDERLO È SCESA IN CAMPO LA AZZOLINA (AUGURI)

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO DELLE “STELLE CADENTI” - MAI TITOLO FU PIÙ AZZECCATO! ANNALISA CHIRICO PRESENTA IL SUO LIBRO ALLA CASINA VALADIER E CHI PARLA? MATTEO SALVINI! - IL 'CAPITONE' NON SA PIÙ CHE DIRE E LA BUTTA LÀ: “NON SONO DI DESTRA", POI DÀ DEL CRETINO A ZINGARETTI E RITRATTA SUBITO: “RITIRO L’AGGETTIVO” – "LA MELONI MANGIA CONSENSI? SE RIMANE NEL CENTRODESTRA VA BENE COSÌ” - LA CHIRICO INVECE BACIA E ABBRACCIA TUTTI: DAL PRESIDENTE DI HUAWEI ITALIA DE VECCHIS ALL’AMBASCIATORE DI ISRAELE DROR EYDAR E MALAGÒ...

viaggi

salute