"IL FESTIVAL È UNA GARA A SÉ, NON CONTANO GLI STREAMING. IO SONO CONTENTO DI TUTTO" – GEOLIER MINIMIZZA LE POLEMICHE DOPO IL “GOLPE” DELLA SALA STAMPA E DELLE RADIO CHE HANNO RIBALTATO IL VOTO POPOLARE CHE LO DAVA VINCENTE – “I FISCHI ALLA SERATA DELLE COVER? IL MOMENTO PIU’ BRUTTO DELLA MIA CARRIERA. CANTARE MENTRE TI FISCHIANO È UNA BELLA BOTTA. MA NON ERANO NÉ CONTRO DI ME NÉ CONTRO NAPOLI MA CONTRO LA SCELTA DI CHI AVEVA VOTATO. RAZZISMO? MA VA. CREDO NON CI SIA PIÙ QUESTA COSA DEL RAZZISMO NORD-SUD, NON ESISTE…” - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

GEOLIER, AL FESTIVAL GLI STREAMING NON CONTANO, È GARA A SÉ

angelina mango geolier 3 angelina mango geolier 3

(ANSA) - SANREMO, 11 FEB - "Il cammino mi è piaciuto assai. Mi porto a Napoli dei bei ricordi di Sanremo". Geolier arriva apparentemente tranquillo in sala stampa, il giorno dopo il secondo posto al festival di Sanremo dietro Angelina Mango, nonostante una valanga di voti del pubblico a casa (60%) e le classifiche streaming che volano. "Il festival è una gara a sé, non contano gli streaming. Non funziona in base a questo. Io sono contento di tutto", dice smorzando qualunque polemica, anche relativa a possibile pregiudizio nei confronti di Napoli e dei napoletani. "Forse se parliamo degli anni '50. Penso sia passata questa cosa".

 

GEOLIER: «NON ERANO FISCHI CONTRO NAPOLI PERÒ MI HANNO INSEGNATO MOLTO»

angelina mango geolier 1 angelina mango geolier 1

Estratto dell’articolo di Paolo Giordano per “il Giornale”

 

È stato il Festival di Geolier. Ma i fischi?

«Sono stati finora il momento più brutto della mia carriera. Cantare mentre ti fischiano è una bella botta. Però...».

 

Però?

«Rivedendo la scena dal di fuori, ho capito che non fischiavano me, ma la votazione. La platea dell’Ariston ha espresso un parere. Ma per me è stato difficilissimo».

 

geolier geolier

Emanuele Palumbo detto Geolier con l’accento sulla «e» parla come se non fosse al centro di uno dei casi più clamorosi degli ultimi Sanremo. Anche ieri sera prima dell’ultima puntata era saldamente in testa alla classifica grazie non solo a un televoto imponente e a un buon giudizio di critica ma soprattutto al suo ultimo anno. E se i cosiddetti «boomers» se ne sono accorti solo da una settimana, Geolier non è una «instant popstar» perché ha il disco più venduto del 2023 (Il coraggio dei bambini) e sta per esaurire i biglietti anche del suo terzo concerto consecutivo di giugno allo Stadio Maradona di Napoli. Canta in napoletano e per la prima volta un brano cantato al 99 per cento in questa lingua è stato in gara al Festival. […]

 

[…] E dopo i fischi di venerdì sera?

«Già avevo mangiato come un bufalo prima di essere riconvocato all’Ariston. E dopo sono tornato a mangiare. Stavo tutto abbuffato».

 

geolier rispone alla domanda di marzia forni 2 geolier rispone alla domanda di marzia forni 2

Divideva la sua cover con Gigi D’Alessio, Luchè e Guè. Come hanno reagito loro?

«Boh, alla fine Guè è andato a destra, Gigi a sinistra e io me la sono gestita da solo».

 

Ha parlato con suo padre?

«No, ho sentito solo mia madre che mi ha detto: “Mi raccomando, non ti preoccupare e spacca”».

 

Sì però essere fischiati quando si vince è una cosa crudele, quasi da social.

«Ma questo è comunque una grande lezione. È giusto a volte ricevere un no, specialmente dopo tanti successi».

 

ANGELINA MANGO E GEOLIER ANGELINA MANGO E GEOLIER

L’Italia è divisa. Sono stati fischi contro Geolier, contro la canzone in napoletano o contro Napoli?

«Né contro di me né contro Napoli ma contro la scelta di chi aveva votato.

In sala probabilmente avevano preferito la cover di Angelina Mango e hanno reagito così. Non facciamo troppo casino su questo».

 

È razzismo?

«Ma va».

 

Dicono così.

«Credo non ci sia più questa cosa del razzismo Nord - Sud, non esiste».

 

geolier 1 geolier 1

In sala stampa l’hanno incalzata parlando di vittoria «rubata» perché condizionata dal troppo televoto.

«Ero a disagio a rispondere a questa domanda. Alla fine, la mia “fan base” mi ha sempre supportato. Mi sono esibito e non mi sento di aver rubato. Rubare è una brutta parola...».

 

Si parla anche di «riscatto sociale storico».

«Ma che esagerato. Io mi diverto facendo musica e facendo quello che amo, tutto quello che capita dipende da questo e non dal resto».

 

D’accordo, chi è Geolier?

le proteste in sala stampa per geolier 1 le proteste in sala stampa per geolier 1

«Un ragazzo che rappresenta la Napoli dei ragazzi che ce la vogliono fare. Esiste la Napoli bella e la Napoli brutta come in ogni città. […] io ho fatto la valigia da Secondigliano e sono arrivato a Sanremo. Nessuno ti regala niente. Ma l’importante è mantenere il contatto con la vita reale, che conta più dei dischi di platino». […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)