LA ROMA DEI GIUSTI - IL FILM DI NORTON, ''MOTHERLESS BROOKLYN'', È UN BUON INIZIO PER LA FESTA DEL CINEMA, UN SOLIDO E SENTITO GIALLO, CREDIBILE E FUNZIONANTE - IL CAST È NOTEVOLE. ALEC BALDWIN SI LANCIA ANCHE IN UNA SORTA DI MONOLOGO SUL POTERE. MOLTO ANTITRUMPIANO

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Motherless Brooklyn di Edward Norton

 

motherless brooklyn motherless brooklyn

Buon inizio per la Festa del Cinema di Roma. Anche se non eccezionale, questo solido e sentito noir, Motherless Brooklyn, che Edward Norton, qui anche produttore, sceneggiatore e regista oltre a protagonista, ha tratto dal best seller di Jonathan Lethem, si segue con grande piacere. Un po’ per il meccanismo del romanzo, a metà tra Il grande sonno e Chinatown, un po’ per i set anni ’50 di una New York molto ben ripresa, e un bel po’ per il gran cast che Norton ha composto, da Bruce Willis a Alec Baldwin, da Michael Kenneth Williams a Willem Dafoe. Niente di nuovo e di originale, se siete amanti dei vecchi noir in bianco e nero della RKO, ma è ben visibile lo sforzo di Norton per costruire un giallo credibile e funzionante.

 

motherless brooklyn motherless brooklyn

E, parlando da spettatore, lo è. Magari come vecchio critico avrei voluto qualcosa di più, ma già tutta l’impostazione jazz di Harlem ci ripaga della lunghezza eccessiva del film, due ore e mezzo… Norton è Lionel, un detective privato con sindrome di Tourette, che ti obbliga a dire cose sconce o parole a sorpresa o a compiere gesti inconsulti quando non ce ne sarebbe proprio bisogno. Lo considerano tutti un freak a parte il suo boss, Frank Minna, interpretato da un Bruce Willis in gran forma. Quando sotto i suoi occhi Frank viene misteriosamente ferito a morte, Lionel, orfanello cresciuto a Brooklyn che gli deve tutto, decide di scoprire chi lo ucciso e perché.

motherless brooklyn motherless brooklyn

 

Entra così in un giro molto più grande di lui, un giro che lo porta a confrontarsi con il potere del costruttore numero uno della città, Moses, interpretato da Alec Baldwin, con i suoi scagnozzi, con la bella Laura, Gugu Mbatha-Raw, che di giorno cerca di opporsi al piano di Moses di far piazza pulita dei quartieri poveri, dei neri, e di costruirci palazzoni, ponti e parchi e di notte vive nel locale dello zio dove si fa del free jazz. Lionel cerca di ricostruire quello che è accaduto partendo dalle poche parole che gli ha detto prima di morire Bruce Willis, “formosa”… o forse “for Moses”…, e mettendo assieme quello che scopre giorno dopo giorno fingendosi giornalista. Sente quello che sente un vecchio pazzo, Willem Dafoe, che ne sa più di quel che sembra.

 

motherless brooklyn motherless brooklyn

 E prende, come tutti i Marlowe dello schermo, una scarica di pugni. La novità, magari, è quella di far entrare in ogni scena, anche la più drammatica, le battute dettate dalla Sindrome di tourette (“Se…”), che è molto ben descritta e messa in scena da Norton, anche nelle note più interessanti della malattia, una memoria quasi perfetta ad esempio. Ripeto. Si vede con grande piacere. E il cast è notevole. Alec Baldwin si lancia anche in una sorta di monologo sul potere. Molti antitrumpiano. Il film esce il 1 novembre in America.

 

motherless brooklyn motherless brooklyn motherless brooklyn motherless brooklyn

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

SALVINI INDAGATO PER I VOLI DI STATO: "POSSIBILE ABUSO D’UFFICIO". VERIFICHE SU 35 VIAGGI – ARRIVA UN ALTRO MESSAGGIO AL “CAPITONE” DOPO L’INCHIESTA SUL TESORO DELLA LEGA E L’IPOTESI DEI PM DI GENOVA DI OPERAZIONI SOSPETTE ANCHE CON SALVINI SEGRETARIO - LA CORTE DEI CONTI AVEVA GIUDICATO ILLEGITTIMI I VOLI DI STATO (MA AVEVA ARCHIVIATO LA PRATICA NON RAVVISANDO ALCUN DANNO ERARIALE) - ORA LA PROCURA DI ROMA TRASMETTE LA RICHIESTA AL TRIBUNALE DEI MINISTRI PROPONENDO DI SVOLGERE APPROFONDIMENTI

business

cronache

sport

cafonal

"BUONISSIMA LA PRIMA" – MATTIOLI: "I VESPRI SICILIANI’ AL COSTANZI DI ROMA RESTERANNO UNA PIETRA MILIARE NELLA STORIA INTERPRETATIVA DELL'OPERA DI VERDI - TRIONFO PER DANIELE GATTI: CON LUI SUL PODIO L'ORCHESTRA SI SUPERA - QUALCHE BABBIONESCA CONTESTAZIONE PER LA REGISTA VALENTINA CARRASCO SU UNA SCENA DOVE LE BALLERINE SI SCAMBIAVANO SECCHIATE D’ACQUA: NOSTALGIA DEL TUTÙ? - LA SINDACA VIRGINIA RAGGI ARRIVA IN RITARDO, FA UN INGRESSO TIPO JOAN COLLINS IN UNA SERIE TIVÙ ANNI OTTANTA E VIENE IGNORATA DAI PIÙ'' - VIDEO

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute