LA ROMA DEI GIUSTI - IL FILM DI NORTON, ''MOTHERLESS BROOKLYN'', È UN BUON INIZIO PER LA FESTA DEL CINEMA, UN SOLIDO E SENTITO GIALLO, CREDIBILE E FUNZIONANTE - IL CAST È NOTEVOLE. ALEC BALDWIN SI LANCIA ANCHE IN UNA SORTA DI MONOLOGO SUL POTERE. MOLTO ANTITRUMPIANO

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Motherless Brooklyn di Edward Norton

 

motherless brooklyn motherless brooklyn

Buon inizio per la Festa del Cinema di Roma. Anche se non eccezionale, questo solido e sentito noir, Motherless Brooklyn, che Edward Norton, qui anche produttore, sceneggiatore e regista oltre a protagonista, ha tratto dal best seller di Jonathan Lethem, si segue con grande piacere. Un po’ per il meccanismo del romanzo, a metà tra Il grande sonno e Chinatown, un po’ per i set anni ’50 di una New York molto ben ripresa, e un bel po’ per il gran cast che Norton ha composto, da Bruce Willis a Alec Baldwin, da Michael Kenneth Williams a Willem Dafoe. Niente di nuovo e di originale, se siete amanti dei vecchi noir in bianco e nero della RKO, ma è ben visibile lo sforzo di Norton per costruire un giallo credibile e funzionante.

 

motherless brooklyn motherless brooklyn

E, parlando da spettatore, lo è. Magari come vecchio critico avrei voluto qualcosa di più, ma già tutta l’impostazione jazz di Harlem ci ripaga della lunghezza eccessiva del film, due ore e mezzo… Norton è Lionel, un detective privato con sindrome di Tourette, che ti obbliga a dire cose sconce o parole a sorpresa o a compiere gesti inconsulti quando non ce ne sarebbe proprio bisogno. Lo considerano tutti un freak a parte il suo boss, Frank Minna, interpretato da un Bruce Willis in gran forma. Quando sotto i suoi occhi Frank viene misteriosamente ferito a morte, Lionel, orfanello cresciuto a Brooklyn che gli deve tutto, decide di scoprire chi lo ucciso e perché.

motherless brooklyn motherless brooklyn

 

Entra così in un giro molto più grande di lui, un giro che lo porta a confrontarsi con il potere del costruttore numero uno della città, Moses, interpretato da Alec Baldwin, con i suoi scagnozzi, con la bella Laura, Gugu Mbatha-Raw, che di giorno cerca di opporsi al piano di Moses di far piazza pulita dei quartieri poveri, dei neri, e di costruirci palazzoni, ponti e parchi e di notte vive nel locale dello zio dove si fa del free jazz. Lionel cerca di ricostruire quello che è accaduto partendo dalle poche parole che gli ha detto prima di morire Bruce Willis, “formosa”… o forse “for Moses”…, e mettendo assieme quello che scopre giorno dopo giorno fingendosi giornalista. Sente quello che sente un vecchio pazzo, Willem Dafoe, che ne sa più di quel che sembra.

 

motherless brooklyn motherless brooklyn

 E prende, come tutti i Marlowe dello schermo, una scarica di pugni. La novità, magari, è quella di far entrare in ogni scena, anche la più drammatica, le battute dettate dalla Sindrome di tourette (“Se…”), che è molto ben descritta e messa in scena da Norton, anche nelle note più interessanti della malattia, una memoria quasi perfetta ad esempio. Ripeto. Si vede con grande piacere. E il cast è notevole. Alec Baldwin si lancia anche in una sorta di monologo sul potere. Molti antitrumpiano. Il film esce il 1 novembre in America.

 

motherless brooklyn motherless brooklyn motherless brooklyn motherless brooklyn

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DALLA RUSSIA CON AMORE (PER IL VECCHIO TRUMPONE) – L’INTELLIGENCE AMERICANA AVVERTE IL CONGRESSO: “PUTIN STA AIUTANDO TRUMP A ESSERE RIELETTO A NOVEMBRE” - IL PRESIDENTE USA CACCIA IL DIRETTORE DELLA NATIONAL INTELLIGENCE MAGUIRE, CHE ORA SARA’SOSTITUITO DA RICHARD GRENELL, AMBASCIATORE USA A BERLINO, CONSERVATORE TRUMPIANO TRUMP VUOLE EVITARE CHE I DEMOCRATICI USINO LE INFORMAZIONI DEI SERVIZI PER RILANCIARE L’ACCUSA DI UN RAPPORTO PRIVILEGIATO TRA STUDIO OVALE E CREMLINO

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

QUESTA È UNA BRUTTA NOTIZIA: SALGONO A 14 I CASI IN LOMBARDIA, 5 SONO GRAVI, 2 ANZIANI POSITIVI AL TEST IN VENETO (UNO E' IN CONDIZIONI CRITICHE) - 50MILA IN ISOLAMENTO NEL LODIGIANO - ECCO CHI SONO LE PERSONE CONTAGIATE - IL MEDICO DI BASE DEL CONTAGIATO DI CODOGNO HA LA POLMONITE. IL DOTTORE SAREBBE RICOVERATO A MILANO, DOPO AVERLO VISITATO NEI GIORNI SCORSI. E DOPO DI LUI, AVRÀ VISTO ALTRI PAZIENTI… - I GENITORI: ''NOSTRO FIGLIO È GRAVISSIMO, SIAMO DISTRUTTI. NOI NON ABBIAMO SINTOMI, MA NON POSSIAMO DIRE CHE STIAMO BENE'' - OMS: ''LA FINESTRA PER CONTENERE IL VIRUS SI RESTRINGE''