UN’ALTRA TV È POSSIBILE. IN AMERICA – ALDO GRASSO IN BRODO DI GIUGGIOLE PER LA DOCUSERIE “THE STORY OF LATE NIGHT” CHE CELEBRA IL GENERE TV STATUNITENSE, DA JOHNNY CARSON A DAVID LETTERMAN FINO A JIMMY FALLON – “NON È SOLO UNA TRADIZIONE, IL RITO DELL’ULTIMA RISATA PRIMA DI CHIUDERE LA GIORNATA. IL ‘LATE SHOW’ SPESSO È L’OFFERTA MIGLIORE, BASATO COM’È SULLA FORMULA DEL ‘COMEDIC JOURNALISM’. QUANTE VOLTE CI SIAMO CHIESTI: PERCHÉ IN ITALIA NON C’È MAI STATO UNO COME DAVID LETTERMAN?” – VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Aldo Grasso per il “Corriere della Sera”

 

david letterman david letterman

Chi ama la tv non può fare a meno di guardare «The Story of Late Night», una docu-serie della Cnn in sei episodi (Sky) su un genere televisivo che ha avuto e ha ancora un grande successo negli Usa e che da noi vanta solo pallidi tentativi di imitazione.

 

Si parte dall’esordio del «The Tonight Show» di Steve Allen negli anni ’50, si celebrano gli anni dell’indiscusso padrino dello show serale, Johnny Carson, si parla dell’epica rivalità tra David Letterman e Jay Leno durante la nascita del «Saturday Night Live». [...]

 

Quante volte ci siamo posti la domanda: perché in Italia non c’è mai stato uno come David Letterman? Sono stati scritti saggi per spiegare la centralità del «late show» nella programmazione della tv americana: non è solo, come molti credono, una tradizione, il rito dell’ultima risata prima di chiudere la giornata, il piacere un po’ perverso che regala la «comicità dell’imbarazzo» con cui i conduttori trattano temi e persone.

 

david letterman jay leno 1992 david letterman jay leno 1992

Intanto, il «late show» spesso è l’offerta migliore della giornata, che interessa anche quelli che di norma non guardano la tv, basato com’è sulla formula del «comedic journalism»: un comico tratta le notizie della giornata secondo lo schema classico del fool shakespeariano (c’è del metodo giornalistico nella pazzia), rilegge in maniera satirica le notizie più importanti, nei suoi monologhi traspare una presa di posizione politica. Poi, ovviamente, ci sono ospiti illustri (la fortuna di aver uno star system), si ascolta buona musica, si ride.

 

DAVID LETTERMAN E JOHNNY CARSON NEL NOVANTUNO DAVID LETTERMAN E JOHNNY CARSON NEL NOVANTUNO

Nel tempo il modello è cambiato: fino a Letterman i tempi erano più lunghi, l’universo di riferimento era molto televisivo, la stranezza di certi ospiti era ancora considerata una virtù. Con l’avvento di internet, bisogna pensare a sketch che possano diventare delle clip per YouTube [...]

 

Specie gli spettatori più giovani hanno sempre considerato il «late show» come la loro principale fonte di informazione, una zona franca di giornalismo.

david letterman 4 david letterman 4 the story of late night 7 the story of late night 7 la prima puntata di jay leno con billy cristal nel novantadue la prima puntata di jay leno con billy cristal nel novantadue the story of late night 2 the story of late night 2 joan rivers johnny carson joan rivers johnny carson the story of late night 4 the story of late night 4 the story of late night 8 the story of late night 8 the story of late night 1 the story of late night 1 the story of late night 5 the story of late night 5 the story of late night 6 the story of late night 6 the story of late night 9 the story of late night 9 the story of late night 10 the story of late night 10 DAVID LETTERMAN E JOHNNY CARSON NEL NOVANTUNO DAVID LETTERMAN E JOHNNY CARSON NEL NOVANTUNO paul shaffer paul shaffer david letterman 5 david letterman 5

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)