SALINI & PEPE - PD E ITALIA VIVA IMBUFALITI DOPO L’INCONTRO TRA CONTE E L’AD RAI, SALINI: “LA SUA GESTIONE E’ FALLIMENTARE, SIA IN TERMINI ECONOMICI CHE DI GARANZIE DI PLURALISMO” - I DEM TEMONO CHE SALINI ABBIA CHIESTO A “GIUSEPPI” DI PROLUNGARE IL SUO MANDATO - EMILIO CARELLI: “HA ESPRESSO LA NECESSITÀ DI UNA RIFORMA DELLA GOVERNANCE..:”

-

Condividi questo articolo

Antonella Baccaro per il “Corriere della Sera”

 

Divide la maggioranza l'incontro tra il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e l'amministratore delegato della Rai Fabrizio Salini, tenutosi venerdì scorso e fatto filtrare ieri dall'agenzia Ansa . Secondo la ricostruzione, tra i temi affrontati ci sarebbe stata «la certezza delle risorse derivanti dal canone» e «il sostegno all'industria dell'audiovisivo».

fabrizio salini foto di bacco fabrizio salini foto di bacco

 

Ma è un altro il punto che ha scatenato le critiche del Partito democratico e di Italia Viva: l'ipotesi che sia stato avviato «un confronto sulla riforma della governance , nell'ambito del quale si è discussa l'ipotesi di ampliare la durata del mandato» dell'ad. Per il Pd, che da mesi piccona la poltrona di Salini, sarebbe inaccettabile: «Il Partito democratico - commenta il vicepresidente del gruppo alla Camera, Michele Bordo - giudica altamente fallimentare la gestione di Salini, sia in termini economici ma soprattutto di garanzie sul pluralismo. La Rai è tutt' ora a trazione sovranista e ribadiamo che il Pd non vede l'ora che l'ad termini il suo incarico».

michele anzaldi michele anzaldi

 

«Se un episodio del genere fosse successo con Berlusconi, sarebbe successo il finimondo - rincara la dose Michele Anzaldi (Italia viva), segretario della commissione di Vigilanza Rai -. L'eventuale riforma della governance è una competenza del Parlamento».

 

A smentire il merito dell'incontro non sono né Palazzo Chigi né la Rai, ma un altro membro della Vigilanza, Emilio Carelli (Movimento Cinque Stelle), secondo cui «è certo che Salini non abbia mai chiesto alcuna estensione del suo mandato ma abbia espresso la necessità di una riforma della governance », una richiesta sostenuta da tempo dal presidente della Camera, Roberto Fico. Carelli inoltre difende l'operato di Salini, la cui indipendenza darebbe fastidio «a qualcuno».

 

emilio carelli emilio carelli

Si stupisce che Carelli conosca i termini dell'incontro Giorgio Mulè (Forza Italia), membro della Vigilanza. Di certo l'incontro di Salini con il premier rafforza la posizione dell'ad. I due avrebbero convenuto di convocare presto un incontro pubblico con tutti i soggetti dell'industria tv, tra cui broadcaster , produttori, artisti, lavoratori e giornalisti.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

GAD, CI FAI O CI SEI? - ORA CHE SCRIVE PER “IL FATTO”, LERNER DENUNCIA “L'OMERTÀ” DELLA SINISTRA E DEI GIORNALI DOPO IL CROLLO DEL PONTE MORANDI. MA PERCHÉ NON SE N’E’ ACCORTO QUANDO ERA ANCORA A “REPUBBLICA”, CHE IMPIEGO’ CINQUE GIORNI, COME DEL RESTO IL "CORRIERE", PER SCRIVERE BENETTON ANZICHE' ATLANTIA? - LA SPIEGAZIONE DELL'ANIMA BELLA: “PESAVA IL FATTO CHE I BENETTON ERANO PARTE DEL CAPITALISMO DI RELAZIONE INSEDIATO NELLE PROPRIETÀ DEI GIORNALI”. AH, ECCO. QUANDO IL BORDELLO CHIUDE, BISOGNA FARE LE VERGINELLE....

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute