SAPEVATE CHE “YESTERDAY” È NATA COME UNA CANZONE SULLE UOVA STRAPAZZATE? – LA RIVELAZIONE DI PAUL MCCARTNEY: “HO SENTITO QUESTA MELODIA IN UN SOGNO. PER MEMORIZZARLA HO BUTTATO GIÙ ALCUNE PAROLE POSTICCE - DOPO UN PAIO DI SETTIMANE È DIVENTATO CHIARO CHE NON ESISTEVA, SE NON NELLA MIA TESTA – MA PER IL TESTO AVEVO SOLO LA FRASE ‘SCRAMBLED EGGS, OH MY BABY, HOW I LOVE YOUR LEGS, SCRAMBLED EGGS.’ VOLEVO MANTENERE LA MELODIA COSÌ COM'ERA, E SAPEVO CHE DOVEVO ADATTARVI LE SILLABE DELLE PAROLE. RICORDO ANCHE DI AVER PENSATO... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Da “la Stampa”

 

Estratto del libro “The Lyrics. Parole e ricordi dal 1956 a oggi” - Il testo che segue, scritto da Paul McCartney si riferisce alla canzone “Yesterday”

 

paul mccartney paul mccartney

Da qualche parte, in un sogno, ho sentito questa melodia. Quando mi sono svegliato, ho pensato: «Mi piace questa melodia. Che cos' è? È Fred Astaire? È Cole Porter? Che cos' è?». Sono sceso dal letto e il pianoforte era lì, proprio a fianco a me. Ho pensato Di cercare di capire come facesse la canzone. Credevo fosse un vecchio standard che avevo sentito anni addietro e poi dimenticato. 

 

Avevo solo questa melodia, e adesso anche qualche accordo. Per memorizzarla ho buttato giù alcune parole posticce: «Scrambled eggs, oh my baby, how I love your legs, scrambled eggs». Usare parole posticce non era una cosa che facevo spesso. Anzi, piuttosto di rado. Comunque, avevo questa melodia e mi pare che la prima persona che ho visto quel mattino fuori da casa sia stato John. 

 

JOHN LENNON E PAUL MCCARTNEY JOHN LENNON E PAUL MCCARTNEY

Gli ho chiesto: «Che canzone è?». E lui: «Non lo so. Non l'ho mai sentita». Ho avuto la stessa risposta da George Martin e da una mia amica, la cantante Alma Cogan, che aveva una conoscenza piuttosto ampia di canzoni popolari. Dopo un paio di settimane, è diventato chiaro che nessuno conosceva la canzone e che non esisteva, se non nella mia testa. Allora l'ho rivendicata come mia e ho passato diverso tempo a rimetterci le mani sopra, arricchendola e perfezionandola. 

 

the beatles the beatles

È stato come trovare una banconota da dieci sterline per strada. Non molto tempo dopo che la canzone mi era arrivata, stavamo lavorando al film Help! .(....) , e non appena ce n'era la possibilità chiedevo di avere un pianoforte sottomano, in odo da poter lavorare alla canzone. Credo di avere scritto il middle eight sul set. E siamo arrivati al punto che il regista del film, Richard Lester, ha cominciato a infastidirsi di sentire di continuo la canzone. 

 

Un giorno ha urlato: «Se la sento ancora una volta, faccio portare via quel maledetto pianoforte!». Non credo che abbia aiutato molto il fatto che quando mi ha chiesto il titolo della canzone, io ho risposto: «Scrambled Eggs» («Uova strapazzate»). Per mettere insieme la musica è andato tutto bene, ma per il testo avevo solo la frase «scrambled eggs, oh my baby, how I love your legs, scrambled eggs». 

the beatles 2 the beatles 2

 

Allora, durante una pausa delle riprese, io e Jane siamo andati in Portogallo per una breve vacanza, siamo atterrati a Lisbona e abbiamo noleggiato un'auto. (...) ero sui sedili posteriori dell'automobile, e non stavo facendo niente. Faceva molto caldo, e c'era polvere, ed ero tipo mezzo addormentato. Una delle cose che mi piace fare in questi casi è provare a pensare. «"Scrambled eggs, blah, blah, blah . . ." Che cosa può essere?» Ho cominciato a elaborare alcune opzioni. 

 

Volevo mantenere la melodia così com' era, e sapevo che dovevo adattarvi le sillabe delle parole. «Scrambled eggs - da-da-da.» Ci sono possibilità come «yes-terday» e «sud-den-ly». Ricordo anche di aver pensato: «Alle persone piacciono le canzoni tristi». E ricordo di aver pensato che pure a me piacevano le canzoni tristi. 

john lennon e paul mccartney nel 1963 john lennon e paul mccartney nel 1963

 

Quando siamo tornati a casa ho portato la canzone alla band e, anche se qualche volta in concerto l'abbiamo suonata in quattro, per la registrazione Ringo ha detto: «Non credo che potrei suonarci una parte di batteria». George ha aggiunto: «Be', non sono nemmeno sicuro di poterci mettere molta chitarra». E poi John ha detto: «Non mi viene in mente niente. Penso che dovresti farla da solo. È davvero una canzone solista».(...) 

 

PAUL MCCARTNEY BEATLES PAUL MCCARTNEY BEATLES

È ancora strano per me quando la gente mi dice cose del tipo che Yesterday è la canzone pop numero uno di tutti i tempi. Pare che Rolling Stone l'abbia definita la miglior canzone del ventesimo secolo. Mi sembra tutto così enorme per una cosa che è venuta al mondo in modo così misterioso. Per molti è difficile credere che io avessi solo ventidue anni quando ho scritto Yesterday. Ogni volta che arrivo al verso «I' m not half the man I used to be», mi ricordo che avevo perso mia mamma circa otto anni prima. 

 

Mi hanno suggerito spesso che questa è una canzone sul genere «ho perso mia mamma», al che io ho sempre risposto: «No, non credo proprio». Però sai, più ci penso - «Why she had to go I don't know, she wouldn't say» - più mi accorgo che, dopotutto, questa cosa potrebbe essere stata parte del suo background, della parte inconscia che sta dietro la canzone. È strano che non parlassimo mai della morte di nostra madre a causa del cancro. 

 

paul mccartney paul mccartney

Sapevamo a malapena cosa fosse un cancro, ma adesso non mi sorprende che quell'esperienza sia venuta a galla in questa canzone, dove la dolcezza gareggia con un dolore che non si riesce in un nessun modo a descrivere.(...) Tempo fa, qualcuno mi ha chiesto se a mano a mano che invecchio inizio a relazionarmi alle mie canzoni in modo diverso.(...) Quando ho scritto Yesterday mi ero da poco trasferito a Londra da Liverpool, e stavo cominciando a vedere un nuovo mondo di possibilità che si apriva davanti a me. 

 

Tutti i miei ieri coprivano un lasso di tempo piuttosto limitato, a quel tempo. Adesso la canzone mi sembra addirittura più importante - sì, più commovente -, perché è passato tanto tempo da quando l'ho scritta. Lo ammetto, è un aspetto dello scrivere canzoni e del suonare musica che amo molto.

paul mccartney paul mccartney ringo starr paul mccartney john lennon ringo starr paul mccartney john lennon david wigg intervista paul e linda mccartney david wigg intervista paul e linda mccartney paul mccartney paul mccartney paul mccartney 1 paul mccartney 1 paul mccartney paul mccartney paul mccartney con codino ai caraibi paul mccartney con codino ai caraibi george martin paul mccartney 1 george martin paul mccartney 1 george martin paul mccartney 1 2 george martin paul mccartney 1 2 paul mccartney con i capelli tinti nel 2016 paul mccartney con i capelli tinti nel 2016 paul mccartney paul mccartney

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

PULIZIE IN CORSO A ROCCA SALIMBENI: IL TESORO STA TRATTANDO CON LA COMMISSIONE EUROPEA PER TROVARE UN COMPROMESSO SULLA PROROGA DELL’USCITA DELLO STATO DA MPS. LA SPERANZA DEL GOVERNO È RIUSCIRE A RIMANERE NEL CAPITALE DEL “MONTE” ALMENO FINO ALL’AUTUNNO 2023. BISOGNA TAGLIARE I RAMI SECCHI E SNELLIRE GLI ATTIVI, PER POI VENDERE L’AZIENDA RISANATA E DIMAGRITA. A QUEL PUNTO UNICREDIT POTREBBE RIENTRARE IN PARTITA - L’IPOTESI MASSIAH COME AD E I 6,2 MILIARDI DI RISCHI LEGALI DA SBOLOGNARE A FINTECNA, SOCIETÀ DI CDP

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute