SBATTI LA RUSSA IN PRIMA PAGINA – IL REGISTA MARCO BELLOCCHIO A CANNES CON LA VERSIONE RESTAURATA DEL “MOSTRO”, FILM NEL QUALE C’E’ ANCHE LA RUSSA – “IL PRESIDENTE DEL SENATO VOLLE GIÀ ALLORA SDOGANARSI DALL’ACCUSA DI FASCISMO, RESPINGE QUEL PASSATO, MALGRADO LE STATUETTE DEL DUCE A CASA. CON LUI NON VEDO IL RISCHIO DI SOVVERTIRE LE ISTITUZIONI” - "A CANNES SONO STATO 15 VOLTE SENZA VINCERE MAI NULLA, SE NON LA PALMA ALLA CARRIERA" – LA RIVALITA’ CON BERTOLUCCI, L’ANALISI COLLETTIVA CON BENIGNI, IL REMAKE DE “I PUGNI IN TASCA”, LA SERIE TV SU TORTORA - "RIMPIANTI? FORSE IL MANCATO FILM SULLA..." -VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Valerio Cappelli per corriere.it - Estratti

ignazio la russa in sbatti il mostro in prima pagina ignazio la russa in sbatti il mostro in prima pagina

 

Marco Bellocchio, cosparso di saggia leggerezza e soave determinazione, dice che a 84 anni (che si fatica a dargli) pensa «solo al presente». Oggi parla del restauro di Sbatti un mostro in prima pagina, che la Cineteca di Bologna offre in versione restaurata a Cannes. E fa un paragone con la serie tv su Enzo Tortora che si appresta a girare.

 

Storie simili perché?

«Perché sono due casi di ingiustizia.

 

(...)

Nel film, tra le immagini d’epoca, c’è Ignazio La Russa allora dirigente del Fronte della Gioventù a una manifestazione del Movimento Sociale. Che effetto le fa vederlo presidente del Senato?

marco bellocchio marco bellocchio

«Ma sai, alcuni terroristi finiscono per fare i pompieri e certi garibaldini diventarono reazionari. Lui si volle già allora sdoganarsi dall’accusa di fascismo, in qualche modo respinge quel passato, malgrado le statuette del duce a casa. Non è che l’ha rimosso, è una nostalgia, non vedo il rischio di sovvertire le istituzioni. Lo dice uno che da giovane apparteneva a certa sinistra radicale ma non più militante, dove il Pci era revisionista e il Psi peggio ancora».

 

Bellocchio, lei da anni ha una freschezza straordinaria nei suoi lavori, una volta era l’eterno secondo.

«Dopo Bertolucci. La rivalità nacque quando lui spiccò il volo verso l’America con Ultimo tango a Parigi . Io potevo invidiare la sua celebrità, però sono sempre stato fedele alle cose che mi piacciono. Se lo avessi scimmiottato, come alcuni colleghi, avrei sbagliato clamorosamente. Io invece ho fatto delle avventure non capite, che mi hanno allontanato dalla carriera, tipo la psichiatria collettiva di Fagioli legata al tema della guarigione. Tutto ciò mi è tornato indietro, dandomi  nel tempo energie nuove nate da un'elaborazione complessa».

ignazio la russa in sbatti il mostro in prima pagina 4 ignazio la russa in sbatti il mostro in prima pagina 4

 

Poi si allontanò dalla...

«...dalla psicoanalisi. Sentivo la necessità di parlare di me stesso con qualcuno, e andai prima in analisi individuale poi mi inserii in un seminario di analisi collettiva, in cui mi trovai con Benigni, Zavattini e Cerami.

 

Si cercavano risposte a dei propri problemi, io raccontavo anche dei sogni. Massimo Fagioli parlava di malattie mentali e guarigioni in termini affascinanti.

 

Così rompendo le regole del rapporto tra terapeuti e pazienti presi il rischio di chiedergli sul set una mano per Diavolo in corpo.

 

Girai altri due film fagioliani, in tanti mi compatirono, dissero che era un errore e mi sarei rovinato. Poi ci fu una mia lenta separazione, ripresi i miei temi».

 

(...)

I pugni in tasca: dopo 60 anni fanno un remake del suo esordio, con Kirsten Stewart e Josh O’Connor.

ignazio la russa in sbatti il mostro in prima pagina 2 ignazio la russa in sbatti il mostro in prima pagina 2

«Il regista Karim Ainouz è brasiliano. Oggi quella storia girata negli Appennini non avrebbe senso. Spero faccia una cosa del tutto nuova, di cui leggerò la sceneggiatura. Quel mio film venne rifiutato alla Mostra di Venezia, all’epoca i direttori artistici avevano molto potere, Luigi Chiarini voleva premiare Visconti per Vaghe stelle dell'Orsa e io confliggevo per il tema dell’incesto e della famiglia malata».

Lei, il veterano di Cannes.

marco bellocchio david di donatello marco bellocchio david di donatello

«Ci sono stato 15 volte, senza vincere mai nulla se non la Palma onoraria alla carriera. Con Salto nel vuoto non vinsi io ma i miei due attori, Aimée e Piccoli, grazie a un critico considerato di destra in giuria come Rondi. Pensavo di meritarlo tre volte, per Vincere, Il traditore e Rapito. Vengo sempre con piacere,  fuori gara naturalmente sei più rilassato. C’è una polarizzazione con Venezia e i distributori come prima parola dicono Cannes, che accoglie registi che si preparano per venire sempre qui e ottengono privilegi che io non ho mai avuto. Per me, è stato tutto casuale.

 

Se c’è una qualità che mi riconosco è che non sono un nostalgico. Rimpianti? Forse di non aver fatto un film su Maria José, regina per un mese, ribelle e ubbidiente, fa un matrimonio combinato, forse si innamora di Umberto che però era omosessuale. Pietro Nenni prima del referendum urlò: volete votare per un re che è pederasta? Altri tempi, oggi ci sono le fake news, chiunque si sfoga e dice cose orribili non dimostrate, e tutto ciò arriva impunemente».

ignazio la russa in sbatti il mostro in prima pagina 3 ignazio la russa in sbatti il mostro in prima pagina 3 IGNAZIO LA RUSSA - SBATTI IL MOSTRO IN PRIMA PAGINA IGNAZIO LA RUSSA - SBATTI IL MOSTRO IN PRIMA PAGINA

 

marco bellocchio foto di bacco marco bellocchio foto di bacco marco bellocchio foto di bacco marco bellocchio foto di bacco marco bellocchio foto di bacco marco bellocchio foto di bacco marco bellocchio foto di bacco (2) marco bellocchio foto di bacco (2) bellocchio bellocchio BELLOCCHIO BELLOCCHIO marco bellocchio 1 marco bellocchio 1 marco bellocchio marco bellocchio

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”