SE PENSATE CHE "BORN IN THE USA" SIA UN INNO AGLI STATI UNITI, NON CI AVETE CAPITO NULLA (BASTA ASCOLTARE IL TESTO) - L'ALBUM CHE HA IN COPERTINA LE CHIAPPONE DI BRUCE SPRINGSTEEN, USCITO 40 ANNI FA, È IL PIÙ FRAINTESO DELLA STORIA - CARLO MASSARINI: "IL TESTO È PIENO DI SCONFORTO, RABBIA E DELUSIONE, MA QUEL SUONO GRANDIOSO, RULLANTE, QUEL GRIDO CHE E' DI RABBIA VIENE INTERPRETATO COME DI GIOIA E GRANDEUR PATRIOTTICA, FALSIFICANDO L'INTENTO ORIGINALE" - LO SCAZZO CON REAGAN NEL 1984 - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Carlo Massarini per “La Stampa”

 

bruce springsteen bruce springsteen

Born in the Usa è l'album che spinge Bruce verso la gloria definitiva – 7 singoli nei top 10, 30 milioni di copie vendute, l'album che lo porta dai teatri negli stadi– e illustra magnificamente come un messaggio può essere frainteso non a seconda delle parole, ma del suono.

 

Perché la title track nasce come folk blues acustico nella vena del precedente Nebraska, un disco tenebroso, scarno, inaspettato, canzoni che raccontano il lato noir di un'America fratturata nello spirito e nei valori. Poi, a contrasto e a sorpresa, ritorna con il suono più bombastico della sua carriera. A pensarci bene, di tutta la sua carriera.

 

bruce springsteen a ferrara 3 bruce springsteen a ferrara 3

All'inizio la chiama Vietnam, poi trova il suo titolo quando legge il titolo dello script omonimo che il regista Paul Shrader gli ha inviato. Nasce come una canzone ispirata dal film 4th of July, i reduci della guerra in Vietnam prima costretti a sparare «all'uomo giallo», poi respinti al ritorno a casa, che non trovano un posto nella vita civile: «Nessun posto dove correre/nessun posto dove andare».

 

Il testo è pieno di sconforto, rabbia e delusione, ma quel suono grandioso, rullante picchiato con suono di cannone, chitarre sovramplificate e synth a rinforzare il tutto (un template per il rock degli Anni '80), quel grido che è di rabbia, ma viene interpretato come di gioia e grandeur patriottica, deviano l'attenzione, falsificano l'intento originale.

 

concerto di bruce springsteen a san siro 1985 8 concerto di bruce springsteen a san siro 1985 8

«La combinazione di blues "giù" e il ritornello "su" – ha scritto nello sua biografia Born To Run – la sua pretesa del diritto a esser una voce critica del patriottismo a fianco dell'orgoglio del luogo di nascita era troppo conflittuale per gli ascoltatori più superficiali. I dischi sono spesso dei test di Rorshach auditivi: sentiamo quello che vogliamo sentire».

 

Compreso Reagan, che lo suona nella campagna presidenziale del 1984 elogiando il suo spirito da vero americano; Bruce, piccato, in concerto risponderà «forse il Presidente non conosce le altre mie canzoni», prima di eseguire Johnny 99, una delle storie più drammatiche di Nebraska, un ragazzo che uccide per poter pagare il mutuo.

 

Quel primo brano e l'ultimo, My Hometown (e I'm on Fire, grondante desiderio sessuale insoddisfatto) sono i due brani di maggiore profondità in un album perlopiù su di spirito, a partire dal singolo, Dancing in the Dark, quello che il produttore Landau gli chiede dopo che ha già scritto e registrato qualcosa come 40 canzoni. Sarà il primo video ufficiale di Bruce, quello che aprirà la pista all'Lp, e inaugurerà il rito del tirar su una spettatrice dalla platea a ballare con lui (allora, una sconosciuta Courtney Cox, poi star tv di Friends). [...]

BORN IN THE USA - BRUCE SPRINGSTEEN BORN IN THE USA - BRUCE SPRINGSTEEN

 

Quel tono ottimista finale («Voglio dormire sotto cieli pacifici…con negli occhi un Paese aperto, e questi sogni romantici in testa») lascia lui stesso un po' a disagio: «Nella vita non resisti e trionfi sempre. Cerchi un compromesso, soffri delle sconfitte; scivoli nelle aree grigie della vita».

 

Perché è vero che sono i sogni a tenerti vivo, ma è anche vero che la realtà a volte ti arriva in faccia, o nei ricordi, e non può essere cancellata con un buon ritornello. My Hometown, appunto, è una ballata lenta e gravida di pensieri: c'è il piccolo Bruce che siede sulle ginocchia di papà che guida passando in rassegna le case della sua cittadina, si chiude con lui e il giovane figlio sulle ginocchia che guida per la stessa strada, una città ormai quasi abbandonata e fantasma, in testa il pensiero di andarsene via, in cerca di fortuna. [...]

BRUCE SPRINGSTEEN CON LA MAMMA ADELE ZERILLI BRUCE SPRINGSTEEN CON LA MAMMA ADELE ZERILLI BRUCE SPRINGSTEEN BARACK OBAMA BRUCE SPRINGSTEEN BARACK OBAMA bruce springsteen, la moglie e i figli bruce springsteen, la moglie e i figli barack obama e bruce springsteen podcast 1 barack obama e bruce springsteen podcast 1 lo spot di jeep con bruce springsteen lo spot di jeep con bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen bruce springsteen dj ringo bruce springsteen dj ringo lo spot di jeep con bruce springsteen 2 lo spot di jeep con bruce springsteen 2 lo spot di jeep con bruce springsteen 3 lo spot di jeep con bruce springsteen 3 damiano e bruce springsteen damiano e bruce springsteen

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)

DAGOREPORT - RIUSCIRÀ ELLY SCHLEIN A FAR FUORI MARIO ORFEO E RICONQUISTARE L’AVAMPOSTO DEL TG3? - QUEL FURBACCHIONE DI ORFEO, DETTO “PONGO” PER LA SUA MALLEABILITA’ VERSO IL POTERE, DOPO UNA INCAUTA SBANDATA PER L’AD IN USCITA ROBERTO SERGIO, HA VIRATO VERSO LE BRACCIA DELL’AD IN PECTORE RAI, GIAMPAOLO ROSSI - ORFEO HA CONVINTO IL FILOSOFO DI COLLE OPPIO CHE LUI HA UN FILO DIRETTO COL PD DI SCHLEIN: ROSSI È CONVINTO CHE QUANDO PARLA CON IL DIRETTORE DEL TG3 PARLA CON ELLY. INVECE, QUANDO GLI VA BENE, ORFEO TELEFONA A FRANCESCHINI CHE, DA PRIMO SOSTENITORE DELLA SCHLEIN, È PASSATO A TRAMARE CONTRO LA SEGRETARIA, REA DI NON VOLER FARE LA PUPA MA LA PUPARA...

DAGOREPORT - L’AMERICA È PSYCHO! I DEMOCRATICI SONO COSI’ TERRORIZZATI ALL’IPOTESI DI TRUMP ALLA CASA BIANCA CHE ORMAI LE SPARANO SENZA RITEGNO - L’ULTIMA? SPINGERE BIDEN A TOGLIERSI DALLE PALLE PER CANDIDARE KAMALA HARRIS AFFIANCATA DA BARACK OBAMA COME VICE - UNO SCENARIO POSSIBILE (OBAMA E' STATO PRESIDENTE PER 8 ANNI MA PUO' FARE IL NUMERO DUE) MA FANTASIOSO: BARACK STAREBBE ALLE SPALLE DI UNA SCARTINA COME KAMALA? E POI: L’AMERICA ACCETTEREBBE MAI DUE NERI ALLA GUIDA DEL PAESE? - L’ENDORSEMENT PELOSETTO DI OCASIO CORTEZ A BIDEN: LA 34ENNE PASIONARIA SPERA CHE IL PRESIDENTE VADA A SBATTERE, CHE VINCA TRUMP, COSI’ TRA QUATTRO ANNI SARA’ LEI A CANDIDARSI…

FLASH! – BRUTTISSIMA NOTIZIA PER L’AD IN PECTORE DELLA RAI, GIAMPAOLO ROSSI. DAJE E DAJE, AMADEUS IN MODALITÀ CATERPILLAR AVREBBE FINALMENTE CONVINTO QUEL CACADUBBI DI FIORELLO, CHE NON AVEVA NESSUNISSIMA VOGLIA DI LAVORARE ANCORA IN RAI, A ENTRARE NELLA FAMIGLIA DISCOVERY (AMADEUS, FAZIO E CROZZA) PER UN PROGRAMMA SUL 9 – ENTRO FINE LUGLIO SAREBBE ATTESA LA FIRMA DEL CONTRATTO, A SETTEMBRE IL DEBUTTO DELLO SHOWMAN SICULO - LA SMENTITA DI FIORELLO: "INDISCREZIONE TOTALMENTE FALSA"