LO SFOGO DI CARMEN LLERA MORAVIA A DAGOSPIA: “CARO DAGO, MANDO A TE IL MIO URLO DI RABBIA E DOLORE PER LA CHIUSURA DI CINEMA E TEATRI, QUALCUNO LI CONSIDERA SOLO UN DIVERTIMENTO, PER ME SONO ESSENZIALI. GLI ESERCENTI HANNO FATTO GRANDI SFORZI PER SANIFICARE E RENDERE SICURI I LOCALI E NON MI RISULTA CI SIANO STATI CONTAGI. PERCHÉ CHIUDERLI? E’ UNA MISURA INUTILE, AVVILENTE. POSSIBILE CHE IL MINISTRO FRANCESCHINI NON ABBIA SPESO UNA PAROLA PER DIFENDERLI?”

-

Condividi questo articolo


carmen llera carmen llera

Riceviamo e pubblichiamo:

 

Caro Dago, mando a te il mio URLO di rabbia e dolore per la chiusura di cinema e teatri,

qualcuno li considera solo un divertimento, per me sono essenziali, necessari come il pane, alimentano il mio spirito, rendono la vita più bella e vivibile. Durante il lockdown ho sofferto molto, mi sono precipitata al Farnese il giorno dell'apertura e poi li ho frequentati tutti: Quattro Fontane, Nuovo Olimpia, Eden, Sacher, Greenwich, Intrastevere.

 

dario franceschini dario franceschini

Film italiani e film stranieri in versione originale, una consolazione in tempi difficili.

Gli esercenti hanno fatto grandi sforzi per sanificare e rendere sicuri i cinema, eravamo tutti tracciati, con la mascherina, non mi risulta ci siano stati contagi. Erano luoghi sicuri, mai un assembramento, perché chiuderli? E’ una misura inutile, molto avvilente.

Siamo stati un esempio per gli altri paesi con i Festival di Venezia e la Festa del cinema di Roma, possibile che il ministro Franceschini non abbia speso una parola per difenderli?

Di CULTURA si mangia!

Carmen Llera Moravia

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute