SI STRACCIANO LE VESTI PER FAZIO MA ALLA FINE DANNO RAGIONE A SALVINI: L'AD SALINI CHIEDE A CASCHETTO DI TAGLIARE IL COMPENSO DEL 20% VISTO CHE NON VALE I SOLDI CHE COSTA. E NELL'INCONTRO DI IERI A MILANO (RIVELATO DA DAGOSPIA) I DUE PARLANO DI UN CAMBIO DI RETE - DOMANI IL CDA STRAORDINARIO METTERÀ SULLA GRIGLIA LA DIRETTORA DI RAI1 TERESA DE SANTIS, REA DI AVER FATTO ''DISPETTI'' AL POVERO FABIOLO. PD, FORZA ITALIA E PURE M5S FANNO CORDONE INTORNO AL PRESENTATORE MILIONARIO. GLI PORTERÀ VOTI?

-

Condividi questo articolo

 

Giovanna Vitale per “la Repubblica

 

fabrizio salini marcello foa fabrizio salini marcello foa

Si sono incontrati in gran segreto a pranzo, a Milano, a distanza di sicurezza dalle beghe di Viale Mazzini e dalla morsa gialloverde che sta soffocando la tv di Stato.

Per la prima volta si sono parlati. E hanno cominciato a ragionare di futuro.

Fabrizio Salini ha confermato a Fabio Fazio tutta la sua stima, di considerarlo «un' autentica risorsa per la Rai, da difendere a ogni costo », come aveva già detto una decina di giorni fa dal palco di Dogliani.

 

Il conduttore di Che tempo che fa ha ringraziato e ha risposto di essere a disposizione dell' azienda, «come è sempre stato negli ultimi quindici anni», da quando cioè è tornato, nel 2003, per non andarsene più. Disposto pure a valutare di cambiare rete, se necessario, pur di non subire «i dispetti di Teresa De Santis», la direttrice sovranista di Rai1 che interpretando l' editto salviniano gli ha cancellato le ultime tre puntate del lunedì sera, tormentandolo per tutta la stagione lo con minacce e ripicche d' ogni sorta.

 

caschetto littizzetto caschetto littizzetto

Il varco che l' ad aspettava per infilarsi, provando a immaginare - dopo averlo elogiato per «gli ottimi ascolti » - un' alternativa alla prosecuzione di un contratto che lega Fazio alla prima rete sino al 2021. Ovvero il suo trasferimento su Rai2, il regno di Carlo Freccero, con cui l' anchorman di Savona ha lavorato sul finire dei '90, costruendo trasmissioni di successo come Quelli che il calcio e Anima mia. «Io non metto paletti ad altre ipotesi, non ho pregiudizi su nulla», ha schiuso la porta lui.

 

Aprendo a una trattativa che prevede, eventualmente, anche una modifica del format trasmesso su Rai1 dal 2017 in due versioni: una per la domenica in prima serata, l' altra per il lunedì in seconda.

SALVINI FAZIO SALVINI FAZIO

 

Ma se l' avvio sembra promettente, la strada da percorrere è ancora lunga e non priva di intoppi. Destinata ad avanzare su un doppio binario: Salini discuterà i contenuti e la collocazione del programma direttamente con Fazio; il possibile taglio del compenso - chiesto a gran voce dal leader della Lega, d' accordo col capo politico dei 5S - verrà invece esaminato con Beppe Caschetto, il suo agente. Al quale, nei giorni scorsi, l' ad ha già prospettato una decurtazione intorno al 20%, in linea con gli interventi di razionalizzazione contemplati nel piano industriale.

 

Tuttavia per concludere la telenovela servirà tempo. Senza escludere nuovi colpi di scena. Il primo già domani pomeriggio, quando si riunirà il cda straordinario chiesto da quattro consiglieri Rai all' insaputa del fronte sovranista. È in quella sede che Beatrice Coletti (in quota M5S), Rita Borioni (Pd), Giampaolo Rossi (FdI) e Riccardo Laganà (in rappresentanza dei dipendenti) chiederanno conto della decisione di amputare la trasmissione di Fazio, presa da De Santis senza informare i vertici, e quali danni ha causato all' azienda in termini di spot pianificati e forse saltati. Non solo.

 

Si affronterà anche il tema del controcanto a Salini perennemente intonato dal duo Foa-De Blasio, il consigliere leghista che non perde occasione per attaccare l' ad. Istantanea dello scontro fra bande interne alla Rai che da quasi un anno non conosce tregua.

 

beppecaschetto beppecaschetto IGOR DE BIASIO IGOR DE BIASIO

 

MATTEO SALVINI IGOR DE BIASIO MATTEO SALVINI IGOR DE BIASIO

 

Condividi questo articolo

media e tv

DAMNATIO D'URSO! - ENNESIMA SPIA DELLA GUERRA TRA I DUE "PARTITI" MEDIASET: DE FILIPPI-SIGNORINI VS D'URSO - SU "CHI", COSTANZO LODA I PALINSESTI POMERIDIANI DI RAIUNO E CANALE5 CHE HANNO "SALVATO I POMERIGGI DEGLI ITALIANI IN LOCKDOWN" - UNA LUNGA LISTA DI ELOGI IN CUI NON TROVA NEANCHE UNO SPAZIETTO "BARBARIE" D'URSO, CHE TRONEGGIA OGNI GIORNO SUL  BISCIONE - CHISSA' SE DOPO AVERLO LETTO, IN PREDA A UN TRAVASO DI BILE, BARBARELLA SI E' AGGRAPPATA AL TELEFONO PER SFOGARSI CON I VERTICI MEDIASET…

politica

business

cronache

sport

MA NON E’ CHE MORATTI VUOLE RIPRENDERSI L’INTER? –  DIETRO "LA CORDATA DEI VIP" (DA COTTARELLI A BONOLIS, DA VALENTINO ROSSI A FIORELLO) CHE VORREBBE RIPORTARE IN AUGE IL PROGETTO "INTERSPAC", PER AFFIANCARE COME SOCI DI MINORANZA GLI ZHANG, C’È ANCHE L’EX PATRON? L'ASSIST DELL’EX PRESIDENTE RAI ZACCARIA ("CI PIACEREBBE AVERE CON NOI TRONCHETTI E MORATTI") VIENE RACCOLTO DAL PRESIDENTE DEL TRIPLETE: “UN'OPERAZIONE COMPLICATA MA ROMANTICA. SONO INTERISTA, QUINDI…”

cafonal

DINO VIOLA PER SEMPRE – 30 ANNI FA SE NE ANDAVA IL PRESIDENTE CHE HA FATTO GRANDE LA ROMA” (COPYRIGHT BRUNO CONTI) – CAGNUCCI: ("IL ROMANISTA"): “CI SONO UOMINI CHE VOTANO L'INTERA VITA A UNA CAUSA, VIOLA L'HA DEDICATA AL CLUB GIALLOROSSO. CI HA LITIGATO ANCHE, CI HA SOFFERTO. L'ACQUISTO DI MANFREDONIA FU UNA FERITA. COSÌ COME LE CESSIONI DI DI BARTOLOMEI, CEREZO, ANCELOTTI E LA QUERELLE LEGALE CON FALCAO. NON SOPPORTAVA CHE LA ROMA LA CHIAMASSERO ROMETTA…” – ECCO CHI C’ERA ALLA MESSA IN COMMEMORAZIONE DI VIOLA- FOTO+VIDEO

viaggi

salute