SOFFIATORI DI SOFFIATORI DI RIVOLTE - ''LA VERITÀ'': ''QUANDO NOI SCRIVIAMO CHE AL SUD SI FOMENTANO RIVOLTE, SULLA PRIMA PAGINA DEL 'FATTO QUOTIDIANO' DICONO CHE SIAMO IRRESPONSABILI PERCHÉ SECONDO IL SINDACO DECARO NON C'È NESSUN TUMULTO. POI IERI SULLO STESSO GIORNALE IN PRIMA C'È IL TITOLO 'PICCIOTTI, ASSALTIAMO SUPERMARKET E POLIZIA'. MA QUESTO NON È 'INCORAGGIARE GLI ALTRI A PROVARCI', COME DICEVA TRAVAGLIO''?

-

Condividi questo articolo

Gustavo Bialetti per “la Verità

IL FATTO QUOTIDIANO 30 MARZO E LE SOMMOSSE IL FATTO QUOTIDIANO 30 MARZO E LE SOMMOSSE

 

«Picciotti, assaltiamo supermarket e polizia». Titolo che compariva ieri sulla prima pagina del Fatto Quotidiano. Beh, direte, che c' è di strano: un giornale dà notizie.

Certo. Ma se queste notizie erano state pubblicate da altri quotidiani (tra i quali quello che avete in mano) due giorni prima, e se il giorno precedente il quotidiano diretto da Marco Travaglio aveva fatto il titolo principale contro la stampa di destra e i sindacati, accusati di «soffiare sul fuoco della rivolta» proprio per aver parlato dei rischi derivanti dalle tensioni sociali collegate all' emergenza coronavirus, beh capite che qualche problema c' è. Se poi si vanno a rileggere le parole di fuoco vergate dallo stesso Travaglio nell' editoriale, sotto il titolo (sprezzante del rischio ripetitività) «Benzina sul fuoco», c' è da che rimanere allibiti.

 

IL FATTO QUOTIDIANO 31 MARZO E LE SOMMOSSE IL FATTO QUOTIDIANO 31 MARZO E LE SOMMOSSE

Già perché due giorni fa riferire di possibili «assalti ai supermercati per un paio di episodi circoscritti al Sud» significava «incoraggiare gli altri a provarci». Era, insomma roba «da irresponsabili», ai quali «chiedere un pizzico di responsabilità è fatica sprecata». E il giorno dopo il medesimo allarme ricicciato sarebbe invece degno di robusto titolo in prima pagina solo perché santificato dalla testata travagliata? Forse è pretendere un po' troppo persino da lettori di stomaco forte come quelli del Fatto.

 

O dobbiamo forse pensare che Travaglio sappia quel che scrive il suo giornale solo a giorni alterni?

MARCO TRAVAGLIO MARCO TRAVAGLIO

«Si dice che chi gioca con il fuoco fa la fine del pollo arrosto», concludeva beffardo il suo pezzo. Pienamente d' accordo, caro collega. Ma il fuoco peggiore, credici, è quello dell' amore che acceca. E il sentimento che ti ha travolto per Giuseppi Conte ti fa apparire proprio cotto a puntino.+

belpietro belpietro

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“IL TEST CHE TROVA GLI ANTICORPI NON È SUFFICIENTE PER ESCLUDERE UN ALTRO CONTAGIO” - ALBERTO MANTOVANI, DIRETTORE SCIENTIFICO DI HUMANITAS: “LA SARS DAVA AI GUARITI UN'IMMUNITÀ DI 2-3 ANNI E QUESTO VIRUS GLI È PARENTE. IL PROBLEMA È CHE LA STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLE PERSONE CHE INCONTRA COVID-19 O NON SI AMMALA O LO FA IN MODO BLANDO: IN QUESTO CASO NON SAPPIAMO SE LA RISPOSTA IMMUNITARIA INDOTTA, DI CUI LA PRESENZA DI ANTICORPI È UNA SPIA, SIA DAVVERO PROTETTIVA O SE QUESTE PERSONE RISCHIANO UNA NUOVA INFEZIONE”