'STRONZO DI MERDA!' - GIU’ IL SIPARIO ALLA SCALA E VOLANO GLI INSULTI: IL REGISTA MOSHE LEISER PRIMA SI COMPLIMENTA COL DIRETTORE D’ORCHESTRA RICCARDO CHAILLY E POI LO OFFENDE IN INGLESE E IN ITALIANO -VIDEO - - -

''Il Foglio'' contro la “scelta psicologista” di rappresentare Giovanna d’Arco come una pazza: “C' è un filo rosso che collega questa scelta con la tendenza a derubricare come follia gli atti di terrorismo islamico - Nessuno si domanda se possa suonare offensiva un' inaugurazione istituzionale in cui si deride la santa patrona di una nazione confinante e per di più sotto attacco....

Condividi questo articolo


Da “corriere.it”

Prima i complimenti: «Really congratulations». Poi l’insulto in inglese: «Asshole», quindi in italiano, anche più sonoramente: «Str... di m...».

 

MOSHE LEISER SCALA MOSHE LEISER SCALA

Sono queste le frasi registrate dalla diretta streaming della Scala andata in onda su Youtube e ancora disponibili online, chiaramente avvertite subito dopo la chiusura del sipario dopo l’applaudita messa in scena della «Giovanna d’Arco» di Giuseppe Verdi, per la Prima del lirico milanese, lo scorso lunedì 7 dicembre.

 

La voce sarebbe, secondo alcune indiscrezioni, quella di uno dei registi Moshe Leiser, rivoltosi così al direttore d’orchestra, Riccardo Chailly, con il quale i rapporti durante le prove e nel giorno stesso della prima, sarebbero stati tempestosi

 

 

2. GIOVANNA D' ARCO NON È QUELLA DELLA SCALA

RICCARDO CHAILLY SCALA RICCARDO CHAILLY SCALA

Antonio Gurrado per “il Foglio”

 

Cos' applaudiva unanime il pubblico alla prima della Scala? L' opera, certo, la direzione, l' allestimento, gli acuti, la presenza scenica, sicuramente il luccicante sfarzo e non ultimo il sollievo per essere scampati al pericolo di un attentato.

 

Soprattutto però applaudiva, stando al Corriere della Sera, una "pulzella poco santa ma molto umana", il "parto di fantasia di una ragazza mitomane e allucinata", una "vergine visionaria" che "sublima le nevrosi abbracciando la fede in modo integrale"; o meglio "una giovinetta ottocentesca un po' toccata",

 

secondo Repubblica, anzi una "fanciulla disturbata" da una "ordinaria follia" che la portava allo "sprofondamento ossessivo in contorsioni emotive e repressioni sessuali"; per la Stampa, senza mezzi termini, non solo il "delirio di una psicotica", di una "creatura nevrotica che oscilla fra depressione e follia", ma anche la rappresentazione plastica di "quanto pericolosa possa diventare la passione religiosa che trascende nella sfera civile", utile in un' epoca di "fanatismo religioso", nel nostro "nuovo medioevo".

GIOVANNA DARCO SCALA GIOVANNA DARCO SCALA

 

Ha un bello sgolarsi chi cerca di associare la passione cristiana di Giovanna d' Arco alla vittoria identitaria di Marine Le Pen; siamo di fronte, scrive il Giornale, a "una Giovanna più pazza che santa", a "incubi frutto di una mente malata", insomma alla "isteria di una donna" che richiama le "immaginazioni di un' isterica" di cui l' Unità elogia lo sviluppo in una "sfera onirica e surreale".
 

CHAILLY LEISER SCALA CHAILLY LEISER SCALA

Sul tappeto rosso del dopo -prima, la sfilata delle recensioni s' inchina alla drastica scelta dei registi Moshe Leiser e Patrice Caurier che hanno trasferito il già vacillante libretto di Temistocle Solera nella testa di una fanciulla del secolo Diciannovesimo, malaticcia nonostante le forme sopranesche. Non è Giovanna d' Arco ma è convinta di esserlo, non combatte davvero per la Francia ma sogna di farlo, non muore sulla pira come nella storia né in battaglia come nel libretto bensì nella stanza in cui è confinata, consunta da un male interiore e immaginario.

 

C' è un filo rosso che collega questa scelta psicologista con la tendenza a derubricare come follia gli atti di terrorismo islamico, ossia a ridurre scelte morali consapevoli e pubbliche - nel bene o nel male - a espressioni di individualità strabordanti rimaste vittima di traumi irrisolti.

 

I registi hanno voluto costringere la religione entro la sfera della psicosi, del disturbo, della proiezione interiore frutto di un padre vessatorio che compra una bambola -madonnina oppure (gran novità) di una rutilante castità foriera di ossessioni, come già adombrato dall' opera di Verdi il cui anticlericalismo seguiva la moda pecorona dell' Ottocento.
 

PATTI SMITH SCALA PATTI SMITH SCALA

Mentre infuriano visioni e battaglie, il letto della folle resta sempre in scena come la persistenza della psicologia nella nostra interpretazione ombelicale di ogni evento. Nulla accade perché deve ma tutto è ombra di qualcosa che ci portiamo dentro. Allora diventa accettabile la qualsiasi interpretazione dell' eroismo di Giovanna d' Arco - perfino quella fantasiosamente femminista della strana coppia Carla Fracci

 

("una donna che ha difeso le donne") e Patti Smith ("una donna che ha vissuto la sua vita e non ha ceduto al compromesso") - anzi, prostrandosi all' altare della turba psicologica, nessuno si domanda neanche lontanamente se possa suonare offensiva un' inaugurazione istituzionale, con tanto di inno di Mameli, in cui si deride la santa patrona di una nazione confinante e per di più sotto attacco.

 

patti smith carla fracci patti smith carla fracci

Niente, il pubblico applaude ignaro che troppa psicologia ci renderà indifesi e che il sogno, narrato logicamente, è sempre la soluzione più facile per cavarsela quando non si sa che pesci pigliare. Nessuno si accorge che l' idea di rinchiudere questa Giovanna d' Arco non in un consultorio di oggi ma in un letto ottocentesco un po' bohémien in realtà è stata geniale, rivelatrice: il nostro essere refrattari alla religione oggettiva, che crediamo tanto moderno e progressivo, è rimasto fermo a due secoli fa.

sallusti santanche sallusti santanche

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

FLASH – PARE CHE L’INSISTENZA DI GIORGIA MELONI NON SIA SERVITA A MOLTO: LA PREMIER ITALIANA NON AVREBBE OTTENUTO LA VICEPRESIDENZA ESECUTIVA DELLA COMMISSIONE EUROPEA, CHE TANTO BRAMAVA PER IL “SUO” RAFFAELE FITTO. LA DUCETTA DEVE FARE I CONTI CON LA SPACCATURA, AMPIAMENTE PREVISTA, DI ECR: LA “MAGGIORANZA” DEI CONSERVATORI VOTERÀ CONTRO URSULA VON DER LEYEN, CHE SI È PARATA LE CHIAPPE ACCORDANDOSI CON I VERDI. E FRATELLI D’ITALIA? SARANNO COMPATTI, MA SU COSA CE LO DIRANNO SOLO DOPO...

TRUMP HA SCELTO J.D. VANCE CON UN OBIETTIVO PRECISO: LASCIARGLI FARE L’ESAGITATO A CACCIA DI ELETTORI INCAZZATI, MENTRE LUI SI RITAGLIA UN RUOLO PIÙ MODERATO – “THE DONALD”, CHE PENSA DI RIPORTARE NEL SUO STAFF MIKE POMPEO, HA EPURATO LA FIGLIA “TRADITRICE” IVANKA E IL GENERO JARED KUSHNER – OBAMA NON SA SE SILURARE BIDEN: HA PAURA CHE IL CANDIDATO SCELTO PER SOSTITUIRLO VENGA SCONFITTO (A QUEL PUNTO LUI PERDEREBBE LA FACCIA) – IL PRESIDENTE PUÒ ARRENDERSI SOLO SE FINISCE I SOLDI – LA TELEFONATA TRA LO SVALVOLATO ROBERT F. KENNEDY E TRUMP, SPIATTELLATA ONLINE - VIDEO

DAGOREPORT - E DIVORZIO FU! CON UN ACCORDO SULLA PROPRIETÀ DI UNA VILLA A FIESOLE, OMOLOGATO DALLA PROCURA DI FIRENZE QUESTA MATTINA, È SCESO DEFINITIVAMENTE IL SIPARIO: FRANCESCA PASCALE E PAOLA TURCI HANNO SCIOLTO LA LORO UNIONE CIVILE - ORA GLI ATTI DEL DIVORZIO VERRANNO TRASFERITI AL COMUNE DI MONTALCINO, DOVE, APPENA DUE ANNI FA. FU CELEBRATO IL “MATRIMONIO” DELL'EX FIRST LADY DEL BERLUSCONISMO CON LA CANTAUTRICE - PURTROPPO, ANCHE I MIRACOLI LESBO SONO COME QUELLI ETERO: NON DURANO. FINITA L’INIZIALE PASSIONE, DA ALMENO UN ANNO L’ALCHIMIA EROTICA TRA PAOLA E FRANCESCA ERA ALLA DERIVA CON L’ENTOURAGE DELLA COPPIA CHE SUSSURRAVA DI “CADUTA DEL DESIDERIO”, “CRISI”, “SCAZZI”, “ALLONTANAMENTI”, LITIGI E RIPICCHE. QUESTA MATTINA, L’ULTIMO ATTO…