DI SUCCESSIONI DA BRIVIDI NE SONO RIMASTE DUE: QUELLA PAPALE E QUELLA STILISTICA DI KARL LAGERFELD - QUIRINO CONTI: “LA SUA PROLUNGATISSIMA PRESENZA NELLA MODA APRE LA QUESTIONE DI CHI POSSA LEGITTIMAMENTE RACCOGLIERE LA SUA EREDITÀ - ANCHE E PROBABILMENTE PERCHÉ, DIMENTICATE LE SUE INNUMEREVOLI CONSULENZE MERCENARIE SPARSE QUA E LÀ PER IL GLOBO, PER CHANEL E FENDI SI È TRATTATO DI UN’AUTENTICA INCARNAZIONE…”

-

Condividi questo articolo

Quirino Conti per Dagospia

 

karl lagerfeld karl lagerfeld

Di successioni autentiche, tangibili, da brividi e palpitazioni, irrimediabilmente accompagnate da sospetti e mormorazioni, al mondo ne sono rimaste poche. Anzi, forse solo due: quella papale, avvolta dai fumi dell’incenso e risolta sotto i contorcimenti muscolari dei nudi michelangioleschi nella Sistina, e – in questa modernità appassionata di leggerezza, crudeltà, cuochi e tatuaggi – quella stilistica di Karl Lagerfeld.

 

accessori chanel karl lagerfeld retrospective bonn 2015 (ph david ertl) accessori chanel karl lagerfeld retrospective bonn 2015 (ph david ertl)

Dal momento che, pure se gli stilisti (come confessava Giancarlo Giammetti) si cambiano come le idee, nel caso del grande teutonico-sui-tacchi la sua prolungatissima presenza nella Moda apre la questione di chi possa legittimamente raccogliere la sua eredità. Anche e probabilmente perché, dimenticate le sue innumerevoli consulenze mercenarie sparse qua e là per il globo, per Chanel e Fendi si è trattato di un’autentica incarnazione. Una specie di Kenosis dal suo sublime stato di onnipotente, onnisciente, onnivoro fino alla determinazione di un bottone o di un tacco. Con quali risultati?

 

carla bruni carla bruni

Spesso eccezionali, qualche volta terribili, come era il suo aspetto. (Indimenticabili restano alcune immagini che lo ritraggono in frenetica conversazione con Suzy Menkes: lui bardato da par suo, l’altra – titanico prodigio del settore – con il suo rullo compressore al colmo della testa, come se nulla fosse.) Un fenomeno di durata e di autopromozione unico nel suo genere.

 

Ci vorrà tempo per dipanare l’immensa produzione di Lagerfeld ed esprimere un giudizio storicizzato. Resta per ora l’impressione di un’intelligenza estrema e di collezioni al limite del mirabile e del mostruoso. Ma il problema adesso è un altro: chi, dopo di lui? Da Chanel hanno affrettato una lacrimosa legittimità di convenienza: naturalmente, la sua eterna assistente-vestale. Per Fendi c’è maggior discrezione, per il momento.

karl lagerfeld karl lagerfeld

 

Rimane il fatto che a Parigi il primo passo autonomo della sua delfina designata (la collezione Chanel Resort, presentata venerdì al Grand Palais) rivela tutto il duro cinismo di un ambiente avido e senza idealità. Dunque erano questo, Karl Lagerfeld e la sua Chanel? E con tale cecità se lo sono tenuto in seno per così tanti anni, al punto di riassumere uno stile ormai coincidente con l’opulenta civiltà occidentale in poche ovvietà malfatte e peggio presentate?

 

stella tennant chanel fw 2013 14 stella tennant chanel fw 2013 14

Certo, con la presunzione tutta francese di chi pensa di farla sempre franca; o forse con l’illusione che il tempo sanerà molte ferite. Ma c’è anche da chiedersi se questa sia una stagione solo per basiliche e monumenti, una stagione di superlativi – ultra, iper, mega –, vista la megalomania, appunto, con la quale si va periodicamente a presentare il proprio prodotto (al Grand Palais per Chanel, all’incomparabile Palais El Badi di Marrakech per Dior). O forse queste collezioni, che di per sé dovrebbero essere soltanto integrative, diventano il pretesto per portare a zonzo per il pianeta la Crème de la crème della stampa di settore e le star più disponibili sul mercato?

 

chanel haute couture ss 2015 by karl lagerfeld chanel haute couture ss 2015 by karl lagerfeld

È insomma paragonabile quanto si è visto l’altro giorno da Chanel con la straordinaria storia di un marchio che, pressoché in liquidazione nel 1983, in oltre trent’anni di collaborazione continuativa è diventato il logo dei loghi grazie alla maestria di un indiscusso genio dello Stile? E anche ammettendo che, morto un papa, semplicemente se ne faccia un altro, e che l’importante sia non lasciare vuoto il posto, una volenterosa assistente può davvero sostituire due tremende linguacce come Mademoiselle e il Kaiser?

morgane dubled morgane dubled linda evangelista kristen mc menamy e shalom harlow linda evangelista kristen mc menamy e shalom harlow karl lagerfeld 9 karl lagerfeld 9 chanel resort 2018 chanel resort 2018 cara delevingne chanel fw 14 15 cara delevingne chanel fw 14 15 set chanel fw 2017 set chanel fw 2017 ispirazione lagerfeld per la collezione chanel resort 2020 by virginie viard ispirazione lagerfeld per la collezione chanel resort 2020 by virginie viard karl lagerfeld by alexsandro palombo karl lagerfeld by alexsandro palombo karl lagerfeld e suzy menkes karl lagerfeld e suzy menkes ines de la fressange chanel ss 2011 ines de la fressange chanel ss 2011 chanel resort cuba, maggio 2016 chanel resort cuba, maggio 2016

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

ASPETTANDO “GODOT” CALTAGIRONE: LA SOLITUDINE DI PAMELA PRATI IN UN BOLLENTE WEEKEND DI INIZIO ESTATE - DANDOLO: "DOPO LE RECENTI FATICHE NELL' ISOLA DI CAPRI, DOPO LO STRESS EMOTIVO PER NON AVER PERCEPITO PECUNIA ALCUNA DALLA SUA ULTIMA NON APPARIZIONE A “LIVE-NON E' LA D'URSO", DOPO AVER PRESO 4 AEREI IN 3 GIORNI... ECCO PAMELONA RIPOSARE LE SUE SEMPRE SODE MEMBRA AI BORDI DELLA PISCINA DEL LUSSUOSO HOTEL CAPITOLINO 'PARCO DEI PRINCIPI" - LA SIGNORA PRATI IN CALTAGIRONE ATTENDE INTREPIDA L' ARRIVO DEL SUO MARCO FU MARK..."

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute