TARANTINO TARANTOLATO - IL LEGGENDARIO REGISTA HA CESTINATO IL SUO ULTIMO PROGETTO, "THE MOVIE CRITIC", CON BRAD PITT COME PROTAGONISTA - IL FILM, CHE PARLAVA DI UN CRITICO CINEMATOGRAFICO DI UN GIORNALE PORNO DEGLI ANNI '70, AVREBBE DOVUTO ESSERE LA DECIMA E ULTIMA PELLICOLA DEL DIRETTORE DI "PULP FICTION" - ANCORA NON SONO CHIARI I MOTIVI DELLO STOP, PER IL MAGAZINE "DEADLINE", TARANTINO: ""HA SEMPLICEMENTE CAMBIATO IDEA"

-

Condividi questo articolo


Alessandra Baldini per l'ANSA

 

quentin tarantino quentin tarantino

Quentin Tarantino ci ha ripensato: il regista diventato famoso con opere iconiche come Le Iene e Pulp Fiction, ha 'killato' il suo ultimo progetto, titolo provvisorio The Movie Critic che avrebbe dovuto anche essere il suo decimo e ultimo film. La notizia di Deadline e' stata confermata da altri media di spettacolo americani. Non ci sarebbe giallo, né problemi di finanziamenti, ma solo una scelta creativa dietro la decisione del 61enne maestro che ha gettato Hollywood nello sconcerto: "Ha semplicemente cambiato idea", scrive Deadline.

 

quentin tarantino foto di bacco (2) quentin tarantino foto di bacco (2)

Tra voci di altre star di film precedenti chiamati a partecipare a quello che sarebbe stato il 'canto del cigno' del regista, The Movie critic avrebbe dovuto dare un altro ruolo di primo piano a Brad Pitt, alla sua terza collaborazione con Tarantino dopo Bastardi senza gloria del 2009 e dieci anni dopo in C'era una Volta...a Hollywood. Era stata coinvolta anche la Sony con cui Tarantino aveva lavorato nel 2019 portando a casa dieci candidature agli Oscar e un successo globale al box office con 377 milioni di dollari di incassi.

 

quentin tarantino quentin tarantino

Le riprese avrebbero dovuto cominciare per un giorno soltanto in agosto (una formalita' necessaria per portare a casa 20 milioni di dollari in incentivi dello stato della California) ed entrare nel vivo solo nel 2025. Tutto questo adesso e' storia. Da molti mesi si parlava del progetto: ambientato nel 1977 in California, doveva essere inizialmente imperniato sull'irriverente e acuto critico cinematografico di un giornale porno, una storia in parte autobiografica visto che Tarantino da ragazzo, caricava quel giornale nelle macchinette di vendita automatica agli angoli delle strade.

 

quentin tarantino 2 quentin tarantino 2

Il soggetto era poi piu' volte cambiato: dall'immaginario The Popstar Pages era arrivato ad avere Brad Pitt nella parte di Cliff Booth, lo stuntman che aveva fatto vincere all'attore l'Oscar in C'Era Una Volta..a Hollywood. Si era parlato dunque di un prequel o anche di un sequel del film del 2019. Nelle ultime settimane pero' Tarantino ha deciso di dire basta. Resta ora da capire cosa riserba il futuro al maestro delle Iene: da anni, quando ancora The Movie Critic era un progetto di la' da venire, Tarantino aveva annunciato di voler andare in pensione quando ancora era al top del suo mestiere.

 

quentin tarantino foto di bacco (7) quentin tarantino foto di bacco (7)

"Un brutto film - aveva detto nel 2012 a Playboy - frega i tre buoni precedenti. Non voglio che succeda alla mia filmografia. Quando i registi passano la loro data di scadenza non e' bello". Parlando poi oltre un anno fa per la prima volta di The Movie Critic, il regista aveva detto che quel film - il decimo se si considera come un unico i due capitoli di Kill Bill - sarebbe stato l'ultimo. Tarantino e' d'altra parte ritornato su progetti messi in cantiere e poi cancellati. Nel 2014 aveva temporaneamente archiviato per un anno The Hateful Eight quando una bozza del copione era venuta alla luce online dopo esser stata mostrata a un gruppo di attori.

tarantino tarantino tarantino tarantino tarantino tarantino Quentin Tarantino Quentin Tarantino

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI