LA TORINO DEI GIUSTI - LA SERIE TARGATA AMAZON, “THE BAD GUY”, È AMBIENTATA IN UNA SICILIA DEL FUTURO, O DI UN QUASI PRESENTE, DOVE IL NUOVO GOVERNO HA GIÀ REALIZZATO IL PONTE SULLO STRETTO DI MESSINA - L’IDEA È QUELLA DI UN RACCONTO DI MAFIA COL MAGISTRATO BUONO CHE FINISCE NEL MIRINO DELLA GIUSTIZIA E, SCHIAFFATO INGIUSTAMENTE IN GALERA. APPENA POTRÀ USCIRE CERCHERÀ DI VENDICARSI. PARLATO IN PALERMITANO STRETTO, È UN PIACERE - DA VEDERE? MI PARE PROPRIO DI SÌ… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Marco Giusti per Dagospia

 

the bad guy the bad guy

“Dottore, glielo posso dire, senza, offesa, a mia pare un piano de la minchia!!!”. Eccoci. Dopo i mafia movie arrivano i film, anzi le serie di fanta-mafia. Non cambiano molto dai mafia movie, in realtà, anche se questa serie, presentata al Torino Film Festival, “The Bad Guy”, targata Amazon, prodotta da Indigo, diretta da Giancarlo Fontana e Giuseppe Stasi, scritta da Ludovica Rampoldi, Davide Serino e Giuseppe Stasi, è ambientata in una Sicilia del futuro, o di un quasi presente, dove il nuovo governo (di destra? probabile) ha già realizzato il ponte sullo stretto di Messina.

the bad guy. 9 the bad guy. 9

 

Da vedere? Mi pare proprio di sì, ne ho viste due puntate e penso di vedere anche le altre. Una delle garanzie è Luigi Lo Cascio, protagonista, come il magistrato eroe Nino Scotellaro che viene schiaffato 15 anni in prigione perché colluso con la mafia, viene poi dato per morto e risorge col nome di Balduccio Remora, il nuovo cattivo della mafia, il bad guy.

 

the bad guy. 5 the bad guy. 5

Ma è favolosa anche Selena Caramazza come sua sorella, carabiniera, ex-tossica, lesbica, con taglio di capelli e moto alla Rooney Mara di “Millenium”, che ha un lungo conto col fratello (“fratello dispotico, traditore dei suoi ideali, magistrato mafioso… ma aveva anche dei difetti”), per non dire di Claudia Pandolfi, avvocatessa e moglie di Nino Scotellaro, di Vincenzo Pirrotta come Salvatore Tracina, pentito di mafia e bombarolo, di Fabrizio Ferracane, che alla seconda puntata si è appena visto nel ruolo del capo dei capi Mariano Suro detto “Lo squalo bianco”. Sembra una bella new entry anche Giulia Maenza come figlia di Suro.

 

the bad guy. 8 the bad guy. 8

 L’idea è quella di un racconto di mafia col magistrato buono che finisce nel mirino della giustizia e, schiaffato ingiustamente in galera (almeno a quel che vediamo…), appena potrà uscire cercherà di vendicarsi. Gli sceneggiatori gli hanno cucito addosso una brutta rinite cronica, ma alla seconda puntata si è operato e è guarito (sarà uno spoiler?).  Peccato perché il magistrato con la rinite funzionava. Lo arrestano proprio mentre sta vedendo una fiction di Rai Uno, o simil Rai Uno, su se stesso, “Il magistrato buono” alla caccia di chi ha ucciso il suo capo, nonché il padre di sua moglie.

 

the bad guy. 3 the bad guy. 3

Bel casino. Parlato in palermitano stretto, è un piacere, è una versione meno realistica e più international style del crudo “Spaccaossa”, ma c’è gran parte dello stesso cast, a cominciare da Selene Caramazza, Vincenzo PIrrotta e Luigi Lo Cascio, ormai indispensabile per ogni mafia movie che si rispetti. Tutti bravi e perfetti. Più veri delle guest star della 7, Enrico Mentana e Andrea Purgatori, che devono rifare se stessi.

the bad guy. 4 the bad guy. 4 the bad guy. 10 the bad guy. 10 the bad guy. 1 the bad guy. 1 the bad guy. 6 the bad guy. 6 the bad guy. 2 the bad guy. 2 the bad guy the bad guy the bad guy. 11 the bad guy. 11 the bad guy. 7 the bad guy. 7

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

PER ROMA È LA FINE DI UN’ERA: CHIUDE I BATTENTI “IL BOLOGNESE” (MA NON PER SEMPRE) – ALFREDO TOMASELLI E SUO FIGLIO ETTORE VENDONO LO STORICO RISTORANTE DI PIAZZA DEL POPOLO, DOVE IN OLTRE 60 ANNI SI SONO ATTOVAGLIATE CELEBRITÀ D'OGNI SORTA, CAPI DI STATO E STARLETTE, BOIARDI DELLA PRIMA REPUBBLICA E ASPIRANTI VIP ACCORSI SPERANZOSI DI FARSI VEDERE DALLA PIÙ REMOTA PROVINCIA – I TOMASELLI PASSANO LA MANO MA LA GLORIOSA INSEGNA RESTERÀ AI NUOVI PROPRIETARI: “RESISTERE AL DEGRADO DEL CENTRO DI ROMA ERA DIVENTATO TROPPO FATICOSO” – QUELLA VOLTA CHE GHEDDAFI TEMETTE DI ESSERE AVVELENATO…

FLASH! – CONFLITTO TOTALE: SALVINI ACCUSA GIORGETTI DI ESSERE LO ZERBINO DELLA DUCETTA E FIAMMA CANTANTE (ARIANNA, SCURTI, FAZZOLARI) - DAL SUPERBONUS RETROATTIVO AL PONTE SULLO STRETTO, DAL MES A DRAGHI A BRUXELLES, DALLA CANDIDATURA VANNACCI ALLE NOMINE IN CDP, I CONTRASTI NON SI CONTANO PIÙ - IL LEADER DELLA LEGA, SEMPRE PIU’ IN AFFANNO PER LA CRESCENTE DISAFFEZIONE DEGLI ELETTORI DEL CARROCCIO, COL SORPASSO DI FORZA ITALIA SUL COLLO, SI SPARA UN CONDONO AL GIORNO MANDANDO ALL’ARIA LE CORONARIE E LE CASSE VUOTE DEL MINISTRO DELL’ECONOMIA…

FLASH! – A BRUXELLES SI CHIEDONO BASITI: PERCHE’ LE BANCHE ITALIANE (DA INTESA A UNICREDIT) NON FANNO PRESSIONE SUL GOVERNO MELONI PER LA RATIFICA DELLA RIFORMA DEL MES? (L’ITALIA DELLA DUCETTA E’ L’UNICO PAESE SU 27 CHE L’HA RIFIUTATO) - IN FIN DEI CONTI, AGGIUNGONO I PARTNER EUROPEI, E’ UNA RIFORMA CHE TOCCA DA VICINO LE ISTITUZIONI CREDITIZIE PERCHE’, IN CASO DI UN EVENTUALE CRACK BANCARIO, DEVE SERVIRE AD EVITARE CHE I GOVERNI NAZIONALI SIANO COSTRETTI A METTERE LA MANO AL PORTAFOGLIO DEI CITTADINI…

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…