TRAMONTA L'IPOTESI CHE FORTUNATO ORTOMBINA LASCI LA FENICE DI VENEZIA E ARRIVI ALLA SCALA COME NUOVO SOVRINTENDENTE QUANDO IL PROSSIMO ANNO SCADRÀ IL CONTRATTO DELL'ATTUALE GUIDA DEL TEATRO, DOMINIQUE MEYER - NON HA AIUTATO ORTOMBINA IL DAGO-RETROSCENA SULLE PRESSIONI DEL CENTRODESTRA PER AVERE ALLA SCALA LUI, CHE A VENEZIA HA CHIAMATO A DIRIGERE ALVISE CASELLATI, FIGLIO DELLA MINISTRA DELLE RIFORME…

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SCALA: DOMANI SEDUTA DEL CDA, FRENATA SU ORTOMBINA 

Fortunato Ortombina Fortunato Ortombina

(ANSA) - MILANO, 11 FEB - Sembra tramontata l'ipotesi che Fortunato Ortombina lasci la Fenice di Venezia e arrivi alla Scala come nuovo sovrintendente quando il prossimo anno scadrà il contratto dell'attuale guida del teatro, Dominique Meyer. Domani è fissata una seduta del consiglio di amministrazione, ma all'ordine del giorno ci sono novità sui progetti speciali, la situazione dei dirigenti a la modifica dello statuto dell'Accademia, non la sovrintendenza.

 

Resta da vedere se, come nell'ultima riunione il 18 dicembre, il sindaco Giuseppe Sala, che è presidente del board, farà riferimento alla questione a fine seduta, inserendola fra le varie ed eventuali. I tre consiglieri a cui è stato dato il compito di fare una ricognizione sulle opzioni disponibili per la futura guida della Scala - ovvero Alberto Meomartini, indicato in cda dalla Camera di Commercio, Francesco Micheli nominato dal ministero (allora guidato da Dario Franceschini) e il presidente emerito di Intesa Sanpaolo Giovanni Bazoli da Fondazione Cariplo - si sono incontrati anche questa settimana. Ognuno ha fatto verifiche su possibili candidati ma ancora non c'è stata una discussione col sindaco sui nomi.

 

ignazio la russa alvise casellati ignazio la russa alvise casellati

L'orientamento, già espresso dal ministero della Cultura, è quello di arrivare a un sovrintendente italiano, dopo tre stranieri di seguito. Ed è soprattutto in questo ambito che si sono mossi i tre consiglieri 'cacciatori di teste' arrivando più che a una rosa a un 'trifoglio' di possibilità.

 

Se l'arrivo di Carlo Fuortes - ex guida dell'Opera di Roma e all'epoca ad Rai era stato bloccato perché la sua nomina sarebbe stata "troppo politicizzata", come aveva spiegato il sindaco Sala - di certo non hanno aiutato Ortombina i retroscena stampa sulle pressioni del centrodestra per avere alla Scala lui, che a Venezia ha chiamato a dirigere Alvise Casellati, figlio della ministra delle Riforme. E dunque i giochi sono ancora aperti. Non trova nemmeno un accordo (ma piuttosto alcune aperte contrarietà) l'ipotesi di una proroga di due anni del contratto di Meyer, che sarebbe presa in considerazione se non si arriverà a una decisione all'unanimità sulla nuova guida della Scala.

maria elisabetta alberti casellati foto di bacco maria elisabetta alberti casellati foto di bacco MARIA ELISABETTA ALBERTI CASELLATI - GIORGIA MELONI MARIA ELISABETTA ALBERTI CASELLATI - GIORGIA MELONI alvise casellati alvise casellati

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...