LA VENEZIA DEI GIUSTI – CI SONO CASCATO IN PIENO E MI PIACE MOLTISSIMO “LE SORELLE MACALUSO”, OPERA SECONDA DI EMMA DANTE, TUTTO GIRATO IN UNA PALERMO ANTICA ANCHE QUANDO È MODERNA E DOVE PUOI ACCETTARE CHE I MORTI SEGUITINO A PARLARE COI VIVI - HO TROVATO TUTTE MERAVIGLIOSE LE ATTRICI E LE NON ATTRICI CHE FANNO LE CINQUE SORELLE MACALUSO – DECISAMENTE SUPERIORE A “VIA CASTELLANA BANDIERA”, PRIMO FILM DELLA DANTE, QUESTO MI SEMBRA CHE TENTI UNA STRADA PIÙ ORIGINALE – VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Le sorelle Macaluso di Emma Dante

Marco Giusti per Dagospia

 

le sorelle macaluso le sorelle macaluso

Ci sono cascato in pieno e mi piace moltissimo “Le sorelle Macaluso”, opera seconda di Emma Dante, tratto dalla sua commedia, presentato oggi in concorso a Venezia e da domani in sala in Italia, tutto girato in una Palermo antica anche quando è moderna e dove puoi accettare che i morti seguitino a parlare coi vivi. Anche i muri sembrano parlare a Palermo…

 

PHOTOCALL LE SORELLE MACALUSO PHOTOCALL LE SORELLE MACALUSO

Ho trovato tutte meravigliose le attrici e le non attrici che fanno le cinque sorelle Macaluso, a teatro erano sette e qui cinque, Maria, Pinuccia, Katia, Lia, Antonella, interpretate nelle diverse età da un cast dominato da Donatella Finocchiaro (Pinuccia adulta), Serena Barone, Eleonora De Luca, Viola Pusateri e Ileana Rigano, vecchia attrice di teatro e di cinema (perfino “Paolo il freddo” e “Manone il ladrone”) che muore nel film e nella vita lasciandoci il rimpianto di non averla mai incontrata. Ho pianto su “Meravigliosa creatura” di Gianna Nannini (lo so, era un colpo basso), sono rimasto incantato da Franco Battiato che canta “Inverno” di De André, irritato magari di fronte l’uso eccessivo di Satie (ancora…) e da qualche eccesso teatrale che Emma Dante si è lasciata sfuggire.

 

EMMA DANTE EMMA DANTE

Perché la versione cinematografica della commedia vive proprio di vita propria e ha questo inizio favoloso con le cinque sorelle giovani che vivono allevando colombe in casa e poi scendono per le strade di Palermo fino al mare in una delle sequenze più belle che abbia da tempo visto in un film italiano.

 

Decisamente superiore a “Via Castellana Bandiera”, primo film della Dante, questo mi sembra che tenti una strada più originale, grazie a una sceneggiatura, scritta assieme a Elena Stancanelli e a Giorgio Vasta, e a una direzione della fotografia, Gherardo Gossi, che cercano di dare spazio più spazio possibile alle ragazzine che proprio quando si aprono alla vita fanno la conoscenza della morte. Una morte che non può che cambiare profondamente i rapporti fra di loro.

 

le sorelle macaluso 3 le sorelle macaluso 3

Diviso in tre parti che presto comunicheranno tra di loro, cosa che a teatro non credo fosse stato possibile, questo inizio folgorante vive anche quando le ragazze crescono e si affrontano nella loro casa sempre più compromessa e piena di fantasmi.

le sorelle macaluso 1 le sorelle macaluso 1

 

Film tutto al femminile, come vuole oggi il nuovo cinema internazionale, con citazione forse anche un po’ inutili da Anna Maria Ortese e Oriana Fallaci, ma Dostoievsky ci voleva, non mantiene tutto quello che promette, è vero, ma offre a Emma Dante l’occasione per orchestrare questo gruppo di attrici e di bambine come raramente si vede nei nostri film e di svilupparne i rapporti di forza e di sentimento anche con piccole elementi di messa in scena che alla fine valgono più delle scene madri. Perché alla fine formano il film più delle lacrime di Satie e di Gianna Nannini.

 

le sorelle macaluso 5 le sorelle macaluso 5

Non so che fortuna possa avere rispetto ai giurati veneziani, non parliamo poi di sala, ma Emma Dante trova qui l’occasione per dimostrasi una regista che non solo sa come gestire le sue forze, ma soprattutto sa di cosa si parla. In sala da domani.

le sorelle macaluso 2 le sorelle macaluso 2 le sorelle macaluso 4 le sorelle macaluso 4

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL DIVANO DEI GIUSTI – ORFANO DI GUCCIFEST, MI SONO ORMAI TUTTO SPOSTATO SU “FARGO 4”, DOVE LA PARTE DEL LEONE LA FANNO I NOSTRI MERAVIGLIOSI ATTORI ITALIANI – PER IL PUBBLICO PIÙ MALANDRINO ALLE 23 C’È IL TARDO EROTICO D’AUTORE “LA GABBIA”, DIRETTO DA GIUSEPPE PATRONI GRIFFI. UN EROS-THRILLER CON TONY MUSANTE SEGREGATO A LETTO DA UNA LAURA ANTONELLI VENDICATIVA NON ANCORA DISFATTA, FLORINDA BOLKAN E LE BELLISSIME SORELLE SPAGNOLE BLANCA E CRISTIANA MARSILLACH – VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute