LA VENEZIA DEI GIUSTI – OK. FAVOLOSA FLORENCE PUGH, MOLTO CARINO HARRY STYLES, OTTIMA LA GRANDE SCENA DI LECCAMENTO, LUI DI LEI STESA SUL TAVOLO DI CUCINA MENTRE VOLANO PIATTI E PORTATE. MA QUEST'OPERA PRIMA DI OLIVIA WILDE, "DON'T WORRY DARLING", NON È CHE BRILLI PROPRIO PER ORIGINALITÀ – OVVIA LA CHIAVE ANTICAPITALISTA, ANTISISTEMA PATRIARCALE MASCHILE, E AMMETTO CHE IL COLPO DI SCENA È UN VERO COLPO DI SCENA, MA FINO A QUEL PUNTO IL FILM ERA UN PO' OVVIO NEI SUOI MECCANISMI DI MONDO DISTOPICO DOVE I MASCHI FANNO I MASCHI E LE FEMMINE TORNANO A FARE LE FEMMINE - VIDEO

-

Condividi questo articolo


dont worry darling 17 dont worry darling 17

 

Marco Giusti per Dagospia

 

Ok. Favolosa Florence Pugh, grande nuova star della stagione e bellezza totalmente non plastificata  con carattere, grinta, lontana dal gelo perfetto di Cate Blanchett. Molto carino Harry Styles, la star più attesa di oggi dalle ragazzine, che ha un ruolo in fondo minore di maschio inglese in carriera in America.

 

dont worry darling 2 dont worry darling 2

Ottima la grande scena di leccamento, lui di lei stesa sul tavolo di cucina mentre volano piatti e portate. Ma, veramente, che quest'opera prima di Olivia Wilde, "Don't Worry Darling", sceneggiato da Katie Silberman e tratto da un soggetto suo e di Carey e Shane Van Dyke, vagamente ispirato a "La fabbrica delle mogli", romanzo di Ira Levin che ha lo stesso procedimento narrativo di "Rosemary's Baby", mischiato a un pizzico di "Squid Game", non è che brilli proprio per originalità.

 

Ovvia la chiave anticapitalista, antisistema patriarcale maschile, è ammetto che il colpo di scena è un vero colpo di scena, almeno per me, e non dico quale sia, ma già fino a quel punto il film era un po' ovvio nei suoi meccanismi di mondo distopico dove i maschi fanno i maschi e le femmine tornano a fare le femmine. Il film si apre su una sorta di cittadina ideale americana anni '60 in pieno deserto dove tutti sembrano felici.

 

dont worry darling 5 dont worry darling 5

I mariti lavorano al progetto Victory sotto la supervisione del bel Frank, Chris Pine, e le mogli stanno a casa a cucinare manicaretti, fare shopping, fare figli. Come nei film americani. La coppia formata da Alice, Florence Pugh, e Jack, Harry Styles, sembra particolarmente felice.

 

dont worry darling 7 dont worry darling 7

Lei cucina per lui e lui torna dal lavoro col sorriso. Ma qualche problema, nella piccola comunità, inizia a manifestarsi quando una delle mogli, Margaret, KiKi Layne, chiede aiuto a Alice spiegando che è tutto finto, che le donne sono intrappolate.

 

dont worry darling 8 dont worry darling 8

Come in tutti i film di questo genere sul futuro distopico, il dubbio fa il suo gioco nella mente di Alice, anche perché iniziano a affiorare memorie inaspettate di un'altra vita e vede cose che la turbano al punto di affrontare direttamente Frank. Per capire dove siamo, chi sono i buoni e chi i cattivi vedetevi il film. Niente di esaltante, ma un ottimo lancio sia Florence Pugh e Harry Styles, sia per la neo-regista Olivia Wilde, qui anche attrice come una delle mogli.

dont worry darling 9 dont worry darling 9 dont worry darling 6 dont worry darling 6 dont worry darling 4 dont worry darling 4 dont worry darling 1 dont worry darling 1 dont worry darling 10 dont worry darling 10 dont worry darling 11 dont worry darling 11 dont worry darling 13 dont worry darling 13 dont worry darling 12 dont worry darling 12 dont worry darling 14 dont worry darling 14 dont worry darling 16 dont worry darling 16 dont worry darling 15 dont worry darling 15 dont worry darling 3 dont worry darling 3

 

Condividi questo articolo

media e tv

GRANDE BORDELLO! GINEVRA, TU QUOQUE: E’ STATA CACCIATA DALLA CASA DEL GRANDE FRATELLO LA LAMBORGHINI. CON UNA STORIA DI BULLISMO ALLE SPALLE AVEVA DETTO CHE ERA GIUSTO CHE MARCO BELLAVIA VENISSE BULLIZZATO! ANCHE CIACCI ELIMINATO A FUROR DI POPOLO – IL PRIMO BACIO AL “GF VIP” E’ TRA DUE UOMINI (MA UNO DEI DUE E’ PAZZO DI ANTONELLA FIORDELISI) – ERA DAMIANO DEI MANESKIN L’UOMO ATTOVAGLIATO CON BARBARA POLITI A MILANO? IL COACH CUBANO AMAURYS PEREZ: “OGNUNO CON IL SUO SEDERE CI FA QUELLO CHE VUOLE” (NON SOLO CON QUELLO!)

politica

VAI AVANTI TU CHE A ME VIENE DA RIDERE – MENTRE PER GLI ITALIANI È IN ARRIVO UNA MAXI-STANGATA SULLE BOLLETTE DA 2.942 EURO SU BASE ANNUA A FAMIGLIA, LA MELONI PREFERISCE MANDARE DRAGHI A TRATTARE A BRUXELLES SUL GAS - LA "DRAGHETTA" GIURERÀ DOPO IL CONSIGLIO EUROPEO DEL 20-21 OTTOBRE SULL'ENERGIA (L'ITALIA SARÀ RAPPRESENTATA DAL PREMIER USCENTE). AL COLLE NON DISPIACE QUESTA SOLUZIONE. MA PER LA MELONI IL PROBLEMA E’ L'ASSE GERMANIA-FRANCIA CHE TAGLIA FUORI L'ITALIA MALDESTRA

business

cronache

sport

cafonal

CAFONAL MONSTRE! – UN BOMBARDAMENTO DI ZIGOMI RIGONFI E COLATE DI BOTOX HANNO INVASO LA FESTA DI COMPLEANNO DI GIACOMO URTIS. PER FESTEGGIARE I 44 ANNI DEL CHIRURGO DEI VIP SI SONO RITROVATI LA PRINCIPESSA FAKE LULÙ SELASSIÉ, SANDROCCHIA MILO CON LE GUANCE SMALTATE CHE FACEVANO SCOPA CON QUELLE DI CARMEN RUSSO. NELLA GALLERIA DEGLI ORRORI FINISCONO PER DIRETTISSIMA LA GIACCA IN PELLE DI MASSIMO BOLDI, I CAPELLI DI GIUCAS CASELLA E… - LE PRIMAVERE SFIORITE DELLA CALDONAZZO E IL MISTERO DELLA COTONATISSIMA MARIA MONSE'

viaggi

salute