LA VENEZIA DEI GIUSTI – QUALCOSA NON FUNZIONA NEL “J’ACCUSE” DI POLANSKI. MALGRADO GLI APPLAUSI ANCHE ECCESSIVI DEL PUBBLICO IN SALA, COME SE L’INDUSTRIA  CINEMATOGRAFICA, SOPRATTUTTO ITALIANA, SI VOLESSE LIBERARE DELLE POLEMICHE LEGATE AL METOO, LA CRITICA AMERICANA HA MASSACRATO IL FILM – “VARIETY” TROVA “OSCENO” IL FATTO CHE IL REGISTA PARAGONI IL SUO CASO A QUELLO DI DREYFUS – ESALTATI INVECE I FRANCESI

-

Condividi questo articolo

 

Marco Giusti per Dagospia

 

j'accuse presentato a venezia j'accuse presentato a venezia

Qualcosa non funziona nel J’accuse di Roman Polanski presentato ieri a Venezia. Malgrado gli applausi anche eccessivi del pubblico in sala, come se l’industria cinematografica, soprattutto italiana, si volesse liberare delle polemiche legate al MeToo, la critica americana ha massacrato il film. Owen Gleiberman di “Variety” trova “osceno” il fatto che Polanski paragoni il suo caso a quello di Alfred Dreyfus. "Possiamo discutere, e dovremmo farlo, su come Hollywood e il sistema legale americano dovrebbero trattare oggi Roman Polanski", scrive il critico.

 

roman polanski roman polanski Owen Gleiberman Owen Gleiberman

Ma dobbiamo ricordarci, prosegue, che "Alfred Dreyfus, tuttavia, era un uomo innocente. Mentre Polanski, prima di fuggire dagli Stati Uniti in attesa di essere condannato nel 1977, ha confessato in tribunale." Anche il critico di “The Wrap” punta il dito sul confronto Polanski-Dreyfus. “Qualsiasi controversia che potrebbe scaturire dalla decisione di Roman Polanski di paragonarsi a una delle più grandi vittime dell'ingiustizia della storia viene dissipata dalla fredda apatia del risultato di quel che vediamo”.

David Ehrlich IndieWire David Ehrlich IndieWire

 

David Ehrlich di “Indiewire” parla invece solo del film. “Costruito con una metodo delicato e soddisfacente che svela l'affare Dreyfus con tutta la confusione giornalistica di Spotlight, ma senza la stessa integrità”. Xan Brooks del “guardian”, invece, ne parla bene: “E’ un pezzo di carpenteria professionale solida e ben realizzata, come uno di quei pesanti mobili vittoriani. Costruito per durare, per essere utilizzato. Più a lungo lo guardi, più cresce”.

 

j'accuse di roman polanski 7 j'accuse di roman polanski 7

Molto meno convinto, anche come film, Owen Gleiberman di “Variety”: “La prima metà del film ti prende subito, ma dopo un po’ inizia a sembrare come la versione cinematografica di una voce di Wikipedia”. Ecco. Anche Deborah Young di “The Hollywood Reporter” si mostra parecchio delusa. “Il risultato è stranamente carente di cuore e anima, come se un armatura di rigida disciplina militare lo tenesse sotto controllo”. Esaltati, invece, i critici francesi.  “Qualunque cosa si pensi dello stato giuridico attuale di Roman Polanski, il suo ventiduesimo film si rende indispensabile per rigore e bellezza.”, scrive “Le Monde”.

j'accuse di roman polanski 8 j'accuse di roman polanski 8 j'accuse di roman polanski 4 j'accuse di roman polanski 4 j'accuse di roman polanski 1 j'accuse di roman polanski 1 j'accuse di roman polanski 2 j'accuse di roman polanski 2 j'accuse di roman polanski 3 j'accuse di roman polanski 3 j'accuse di roman polanski 5 j'accuse di roman polanski 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

CORNUTA E MAZZIATA! – LA POVERA VALERIE TRIERWEILER, MOLLATA DA HOLLANDE PER L’ATTRICE JULIE GAYET, È STATA LICENZIATA DA “PARIS MATCH”, DOVE LAVORAVA DA 30 ANNI – LO ANNUNCIA LEI SU TWITTER: “L’HO APPRESO IN PIENA ESTATE E DURANTE LE MIE VACANZE IN MODO ESTREMAMENTE BRUTALE. QUESTO LICENZIAMENTO SENZA UN MOTIVO VALIDO MI LASCIA IN UNO STATO DI SHOCK E STUPORE” – GIÀ NEL 2014, QUANDO USCIRONO LE FOTO DI FRANCOIS E JULIE SU “CLOSER”, VENNE RICOVERATA PER DEPRESSIONE..

politica

business

GRILLO FA IL VENTRILOQUO DI CONTE – LA NUOVA USCITA DI BEPPE-MAO SULLA RETE UNICA NON È UNO SFOGO, MA UN MANIFESTO CONCORDATO CON IL GOVERNO. O MEGLIO, CON LA PARTE GUIDATA DA CONTE E PATUANELLI CHE VUOLE UN PASSO INDIETRO DI TIM DALLA GESTIONE DELLA SOCIETÀ DELLA FUTURA RETE UNICA (FRACCARO CHE DICE?) – L’IDEA È COSTRINGERE TELECOM A FAR TRAMONTARE LA VENDITA DELLA QUOTA A KKR. LA NUOVA SOCIETÀ, CON DENTRO OPEN FIBER E FASTWEB, SI FINANZIEREBBE SUL MERCATO E DEVE AVERE COME PRIMO AZIONISTA CDP (GRILLO DIXIT)

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute