LA VENEZIA DEI GIUSTI – QUALCOSA NON FUNZIONA NEL “J’ACCUSE” DI POLANSKI. MALGRADO GLI APPLAUSI ANCHE ECCESSIVI DEL PUBBLICO IN SALA, COME SE L’INDUSTRIA  CINEMATOGRAFICA, SOPRATTUTTO ITALIANA, SI VOLESSE LIBERARE DELLE POLEMICHE LEGATE AL METOO, LA CRITICA AMERICANA HA MASSACRATO IL FILM – “VARIETY” TROVA “OSCENO” IL FATTO CHE IL REGISTA PARAGONI IL SUO CASO A QUELLO DI DREYFUS – ESALTATI INVECE I FRANCESI

-

Condividi questo articolo

 

Marco Giusti per Dagospia

 

j'accuse presentato a venezia j'accuse presentato a venezia

Qualcosa non funziona nel J’accuse di Roman Polanski presentato ieri a Venezia. Malgrado gli applausi anche eccessivi del pubblico in sala, come se l’industria cinematografica, soprattutto italiana, si volesse liberare delle polemiche legate al MeToo, la critica americana ha massacrato il film. Owen Gleiberman di “Variety” trova “osceno” il fatto che Polanski paragoni il suo caso a quello di Alfred Dreyfus. "Possiamo discutere, e dovremmo farlo, su come Hollywood e il sistema legale americano dovrebbero trattare oggi Roman Polanski", scrive il critico.

 

roman polanski roman polanski Owen Gleiberman Owen Gleiberman

Ma dobbiamo ricordarci, prosegue, che "Alfred Dreyfus, tuttavia, era un uomo innocente. Mentre Polanski, prima di fuggire dagli Stati Uniti in attesa di essere condannato nel 1977, ha confessato in tribunale." Anche il critico di “The Wrap” punta il dito sul confronto Polanski-Dreyfus. “Qualsiasi controversia che potrebbe scaturire dalla decisione di Roman Polanski di paragonarsi a una delle più grandi vittime dell'ingiustizia della storia viene dissipata dalla fredda apatia del risultato di quel che vediamo”.

David Ehrlich IndieWire David Ehrlich IndieWire

 

David Ehrlich di “Indiewire” parla invece solo del film. “Costruito con una metodo delicato e soddisfacente che svela l'affare Dreyfus con tutta la confusione giornalistica di Spotlight, ma senza la stessa integrità”. Xan Brooks del “guardian”, invece, ne parla bene: “E’ un pezzo di carpenteria professionale solida e ben realizzata, come uno di quei pesanti mobili vittoriani. Costruito per durare, per essere utilizzato. Più a lungo lo guardi, più cresce”.

 

j'accuse di roman polanski 7 j'accuse di roman polanski 7

Molto meno convinto, anche come film, Owen Gleiberman di “Variety”: “La prima metà del film ti prende subito, ma dopo un po’ inizia a sembrare come la versione cinematografica di una voce di Wikipedia”. Ecco. Anche Deborah Young di “The Hollywood Reporter” si mostra parecchio delusa. “Il risultato è stranamente carente di cuore e anima, come se un armatura di rigida disciplina militare lo tenesse sotto controllo”. Esaltati, invece, i critici francesi.  “Qualunque cosa si pensi dello stato giuridico attuale di Roman Polanski, il suo ventiduesimo film si rende indispensabile per rigore e bellezza.”, scrive “Le Monde”.

j'accuse di roman polanski 8 j'accuse di roman polanski 8 j'accuse di roman polanski 4 j'accuse di roman polanski 4 j'accuse di roman polanski 1 j'accuse di roman polanski 1 j'accuse di roman polanski 2 j'accuse di roman polanski 2 j'accuse di roman polanski 3 j'accuse di roman polanski 3 j'accuse di roman polanski 5 j'accuse di roman polanski 5

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

COSA ACCADDE QUELLA NOTTE – IL JAZZISTA MARCELLO ROSA SUONAVA AL RUGANTINO QUEL 5 NOVEMBRE DEL 1958, LA NOTTE CHE NACQUE LA DOLCE VITA - “ANITA EKBERG INIZIO' A BALLARE DA SOLA A PIEDI NUDI. MI SI AVVICINÒ UNA BRUNETTA BONAZZA E MI DISSE IN ROMANESCO: “‘SLACCIAME 'A GUEPIERE E ‘A SOTTANA, MO’ JE FACCIO VEDÈ IO A QUELLA’’-  IN PIENO PAROSSISMO, URLAVA: “DATEMI IL TAPPETO DI ALLAH!”, VOLEVA DIRE DATEMI GIACCHE E CAPPOTTI. E PARTI' LO SPOGLIARELLO. ERA LA BALLERINA TURCA AICHÈ NANÀ - TUTTI I MUSICISTI FURONO CONDANNATI A TRE ANNI CON LA CONDIZIONALE. CON I LORO STRUMENTI ECCITAVANO LA TURCA..."

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute

“CONTE HA PARLATO DI VACCINO ENTRO NATALE? È IMPROBABILE” - PARLA IL DIRETTORE ESECUTIVO DELL’AGENZIA EUROPEA DEL FARMACO, GUIDO RASI: “SE TUTTO ANDRÀ LISCIO POTREMO AUTORIZZARE I PRIMI VACCINI TRA GENNAIO E FEBBRAIO PER LE CATEGORIE A RISCHIO POI IL RESTO DELLA POPOLAZIONE A METÀ 2021 - E POI TORNEREMO A UNA VITA PIU' GESTIBILE ENTRO LA FINE DEL 2021. SONO MOLTO PREOCCUPATO PERCHÉ NON VEDO I GOVERNI PREPARARE I PIANI NAZIONALI PER LA DISTRIBUZIONE: LA CAMPAGNA VA ALLESTITA BENE - EFFETTI COLLATERALI? È IMPROBABILE CHE CI SARANNO MORTI PER IL VACCINO, MA È POSSIBILE CHE…