LA VENEZIA DEI GIUSTI - SARÀ CHE IL CINEMA ITALIANO È IN STATO DI GRAZIA, MA I CRITICI INTERNAZIONALI SEGUITANO A MASSACRARE I NOSTRI FILM ALLEGRAMENTE - "THE HOLLYWOOD REPORTER" E "INDIEWIRE" STRONCANO "AMERICA LATINA" DEI FRATELLI D'INNOCENZO. "VARIETY" E "THE FILM VERDICT" DEMOLISCONO "FREAKS OUT" – È ANDATA MEGLIO A SORRENTINO E A MARTONE, MA IERI ALL'EDEN DI ROMA A VEDERE "QUI RIDO IO" IL POMERIGGIO C'ERANO TRE SPETTATORI. UNA SIGNORA ANZIANA CHE NON LA SMETTEVA DI TOSSIRE E UNO COI CAPELLI BIANCHI CHE ALLA FINE HA APPLAUDITO…

-

Condividi questo articolo


 

Marco Giusti per Dagospia

 

elio germano america latina elio germano america latina

Sarà che il cinema italiano è in stato di grazia. Intanto i critici internazionali seguitano a massacrare i nostri film allegramente. "The Hollywood Reporter" e "Indiewire" stroncano "America latina" dei Fratelli D'Innocenzo.

 

fratelli dinnocenzo a venezia fratelli dinnocenzo a venezia

"Un lavoro di posture studiate con nulla da dire" scrive David Rooney. "Malgrado i valorosi tentativi di Elio Germano di tenere il film assieme diventa stupido osservare i suoi tentativi di puntare al cuore di un mistero che è tutto tranne che un mistero" scrive invece "Indiewire".

freaks out freaks out

 

"Variety" e "The Film Verdict", ma anche i critici francesi più illustri come Michel Ciment demoliscono "Freaks Out" di Gabriele Mainetti che era venuto a Venezia pensando al grande lancio internazionale del film.

 

Mainetti e il suo sceneggiatore non si sono resi conto di aver toccato un tema tabù come l'Olocausto senza le dovute cautele.

 

 

freaks out freaks out

Accostare circo, supereroi alla Marvel nazisti e vagoni pieni di ebrei è una cosa che non è permessa a tutti. Ma c'è di più.  "È un brutto segno quando uno dal cazzo enorme è usato per farne una fonte di risate" scrive Jay Weissberg su The Film Verdict e seguita bollando il film come "privo di genuino humour, completamente inconsapevole di quanto sia offensivo, così amico di svastiche da far sembrare sobrio un raduno della gioventù hitleriana".

 

qui rido io qui rido io

Anche in questo caso il film è massacrato per il suo cattivo gusto. Un film adatto solo ai conoscitori del kitsch conclude il critico di Variety che lo massacra senza pietà.

 

È andata meglio a Sorrentino e a Martone, ma ieri all'Eden di Roma a vedere "Qui rido io" il pomeriggio, mi dice Ciro Ippolito, c'erano tre spettatori. Una signora anziana che non la smetteva di tossire e uno coi capelli bianchi che alla fine ha applaudito. Poi si è voltato e si è azzittito. Ciro lo ha trovato a metà tra Majano e Bolchi. Uno sceneggiato. Dov'è il cinema? Salva le esecuzioni Sergio Bruni però, a cominciare da "Indifferentemente".

elio germano america latina elio germano america latina qui rido io 2 qui rido io 2 qui rido io 6 qui rido io 6 qui rido io 6 qui rido io 6 qui rido io 00 qui rido io 00 qui rido io 7 qui rido io 7 qui rido io 5 qui rido io 5 FRATELLI DINNOCENZO - AMERICA LATINA FRATELLI DINNOCENZO - AMERICA LATINA

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

BOLLETTINIAMOCI! – OGGI 3.882 NUOVI CASI E 39 DECESSI, CON 487.218 TAMPONI EFFETTUATI E IL TASSO DI POSITIVITÀ CHE RIMANE STABILE ALLO 0,8% - LE DOSI DI VACCINO SOMMINISTRATE SONO OLTRE 88,3 MILIONI, CON PIÙ DI 44,2 MILIONI DI CITTADINI CHE HANNO COMPLETATO IL CICLO VACCINALE (81,84% DELLA POPOLAZIONE OVER 12) – BRUSAFERRO DELL’ISS: “IN ITALIA NON C'È UNA RISALITA DELLA POSITIVITÀ COME IN ALTRI PAESI UE. LA MORTALITÀ MOSTRA UN LIEVE AUMENTO ANCHE SE SI PARLA DI NUMERI LIMITATI”