VINTAGE E VINCITORI – “IL GRANDE LIBRO DEL VINTAGE” DI SABIANA MINARDI, SI OCCUPA DEL FENOMENO DELLA RETROMANIA ESPLOSO DURANTE LA PANDEMIA – SERIE TV, MUSICA E MODA (E NON SOLO): NESSUNO RIESCE A SCAPPARE DALLA VOGLIA DEL “RITORNO AL PASSATO” DELLE PERSONE, NOSTALGICHE DEI “BEI TEMPI” ORMAI ANDATI – MA CI SONO MOLTE LEZIONI DA IMPARARE PER RIPARTIRE DOPO IL PERIODO PANDEMICO – COME DICE IL FILOSOFO SLAVOJ ZIZEK: “LA NUOVA NORMALITÀ DOVRÀ ESSERE RICOSTRUITA SULLE MACERIE DELLA VITA DI UNA VOLTA, OPPURE..."

-

Condividi questo articolo


il grande libro del vintage il grande libro del vintage

Annarita Briganti per “la Repubblica”

 

Come eravamo per capire chi siamo e chi saremo. Sabina Minardi nel suo Il grande libro del vintage (il Saggiatore), si occupa del "ritorno al passato" come fenomeno esploso quando la pandemia ci ha stravolto la vita: serie televisive - pensiamo al nuovo Sex and the City, con le protagoniste accusate di mostrare i segni del tempo, e anche questo è un segno del tempo in cui viviamo; cinema; musica con il boom dei vinili e la riscoperta di Orietta Berti; moda - tailleur maschili, jeans svasati o a vita alta. 

 

E il food che riscopre i sapori della tradizione, tra un giro in Vespa sognando una nuova normalità e una foto scattata con una Polaroid. «Le pastiglie Leone al tè verde, all'assenzio, al caffè. Le liquirizie Tabù, in scatolina tonda di latta, con l'aquilotto sotto il mondo. La dolcezza della cedrata, con la scritta Tassoni Soda impressa sul vetro della bottiglietta. L'aranciata amara Sanpellegrino o il Camparino rosso, bottiglietta monodose firmata da Fortunato Depero. 

 

vespa 9 vespa 9

Per non parlare dei "gusti inconfondibili di una volta": la Coppa del Nonno, quel singolare gelato rosa battezzato Piedone, le caramelle Tic Tac stesse, il biscotto Bucaneve dal buco perfetto o l'Atene Doria con l'immancabile greca» scrive l'autrice, giornalista, responsabile delle pagine culturali de l'Espresso a proposito di una espressione che gira sui social: "Ti sblocco un ricordo", e alcuni di noi pensano a quando da adolescenti si andava a piedi al liceo, con le Superga, stringendo tra le braccia il Rocci, mentre oggi l'alfabeto greco è usato per le varianti del virus. 

 

VESTITI VINTAGE 2 VESTITI VINTAGE 2

Illustrato con delle belle foto che contribuiscono a creare l'atmosfera, il libro di Minardi è una riflessione colta e calviniana, quella leggerezza profonda di cui abbiamo tanto bisogno, sui bei tempi forse non del tutto andati, sulla nostalgia come stato d'animo, pure da rivalutare, sull'"essere all'antica" come modo di stare al mondo, che piace sempre di più ai giovani, senza dimenticare il valore, dal punto di vista della tutela dell'ambiente, del vintage, che ricicla, che fa rivivere gli oggetti, che dà a tutto una nuova vita, che rappresenta un approccio verde all'esistenza. 

VESTITI VINTAGE VESTITI VINTAGE

 

Il vintage come «categoria dello spirito del tempo», per citare Minardi. «Tentazione continua, riflesso condizionato collettivo che va ben oltre la definizione originaria del nome: dal francese antico vendenge, come ricorda l'Enciclopedia Treccani, per indicare la denominazione di vini di annata di particolare pregio. 

 

friends the reunion friends the reunion

Etimologicamente, però, la parola "vintage" deriva a sua volta dal latino vindemia, composta dai termini vinum e demere : "levare, raccogliere il vino". Per estensione, chiamiamo vintage le cose rese pregiate dall'invecchiamento: e non importa che siano macchine, vestiti, gioielli o videogiochi, chitarre, scarpe o biciclette» leggiamo in un altro passaggio del volume, che c'invita a non avere paura del tempo che passa. 

 

salotto friends salotto friends

Tra le tante informazioni utili per soddisfare la propria voglia di vintage, fornite da Minardi, colpisce un indirizzo di New York: l'autrice racconta di avere dormito in un palazzo al numero 90 di Grove Street all'angolo con Bradford Street. 

 

Lì hanno girato le riprese esterne di Friends , una serie di culto, ancora molto amata. Lì hanno vissuto Monica e Rachel, Chandler e Joey. «Nella finzione, al piano terra dello stesso stabile c'era il mitico Central Perk, la caffetteria dove i personaggi si incontrano » ricorda Minardi, con il divano su cui tutte e tutti avremmo voluto bere un caffè. 

slavoj zizek 5 slavoj zizek 5

 

«La nuova normalità dovrà essere ricostruita sulle macerie della vita di una volta, oppure ci ritroveremo in una nuova barbarie di cui già si scorgono distintamente le prime avvisaglie» dichiara il filosofo Slavoj Zizek citato da Minardi. Pensando sempre però in modo diverso, come proponeva uno slogan di Apple.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA