LA VITA DEL “BOSS” DIVENTA UN FILM! - JEREMY ALLEN WHITE INTERPRETERÀ BRUCE SPRINGSTEEN NEL BIOPIC DEL ROCKER AMERICANO DIRETTO DA SCOTT COOPER - LA PELLICOLA RACCONTERÀ GLI INIZI DEL SUCCESSO DI SPRINGSTEEN, DAI CONCERTI NEI BAR DEL NEW JERSEY ALLA FAMA GLOBALE CHE L'HA TRAVOLTO - CHI È JEREMY ALLEN WHITE, ATTORE CHE COMBATTE CON UNA DIPENDENZA DALL'ALCOL CHE GLI È COSTATA UN DIVORZIO - IL SUCCESSO DELLA SERIE "THE BEAR", DI CUI WHITE È PROTAGONISTA - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Chiara Maffioletti per il “Corriere della Sera”

 

jeremy allen white 5 jeremy allen white 5

Tolto il grembiule si prepara a imbracciare la chitarra Jeremy Allen White. Da «The Bear» a «The Boss» il passo è piuttosto lungo, ma servirà per confermare il successo esploso negli ultimi due anni grazie alla serie amatissima (disponibile su Disney+) in cui l’attore interpreta il tanto talentuoso quanto tormentato chef italoamericano Carmen Berzatto, per tutti Carmy.

 

[…] Dopo due stagioni della serie — il 14 agosto uscirà, super attesa, la terza (e proprio ieri è stato diffuso il primo trailer) — passate a risollevare le sorti del suo ristorante di Chicago, Jeremy White è diventato ora non solo famosissimo ma anche un sex symbol: le magliette bianche a favore di bicipite, i capelli biondi scompigliati e impomatati, gli occhi azzurri tristi e un po’ dannati con cui ha fatto conoscere il suo personaggio avevano aperto la strada, una campagna pubblicitaria di intimo a livello mondiale l’ha spianata.

 

Così, dopo mesi di indiscrezioni, un film di successo come «The Warrior» e infiniti corteggiamenti, è arrivata l’ufficialità: sarà lui a interpretare Bruce Springsteen nel film diretto da Scott Cooper che si concentrerà sugli anni in cui il cantautore, ai suoi inizi, cercava di gestire la fama globale che lo aveva investito. Un po’ quello che sta facendo adesso anche l’attore, la cui vita ultimamente è stata stravolta da più di un punto di vista.

 

 

jeremy allen white 4 jeremy allen white 4

Nel momento più alto della sua carriera sta infatti affrontando un doloroso divorzio dalla mamma delle sue due figlie, l’attrice Addison Timlin, che lo avrebbe allontanato da loro per via della sua dipendenza dall’alcol. Nella battaglia legale per l’affidamento delle piccole, Allen White non è risultato sobrio per almeno due volte in cui gli è stato fatto il test.

 

Una fragilità che, fatalmente, rischia di diventare la sua cifra. Credibilissimo quando affonda nei tormenti del suo Carmy, geniale chef stellato che lascia tutto per ripartire dallo scalcagnato locale di Chicago ereditato dal fratello morto suicida. Gli stessi tormenti che, ora, porterà nel biopic su Springsteen.

 

Il film si sviluppa nell’epoca in cui, mentre stava registrando il leggendario album «Born in the Usa», il cantautore in contemporanea scriveva e registrava in camera sua, con mezzi assolutamente non sofisticati, «Nebraska», album pubblicato nel 1982, considerato fondamentale per la crescita dell’artista. Un disco ancora oggi venerato dai fan e considerato un imprescindibile per comprendere a pieno la poetica del Boss.

 

bruce springsteen nel 1970 bruce springsteen nel 1970

Il film, in altre parole, vuole restituire l’anima della rockstar scavando lì dove meno è stato fatto. Per riuscirci, Springsteen è stato coinvolto, così come anche il suo manager Jon Landau e, a quanto pare, hanno entrambi approvato la figura dell’attore, che ha deciso di tuffarsi nella fortunata serie di film dedicati alle star della musica […]

 

Tenebroso, con un fare a metà tra il divo e l’indolente, ai Golden Globe ha spiegato che continua «a fare una vita normale, anche se la gente vuole parlare soprattutto delle mie foto in slip». In realtà, in molti vogliono parlare anche di quelle scattate dai paparazzi con la cantante spagnola Rosalia, che hanno contribuito a rilanciare la Dolce vita hollywoodiana. Lui sembra scivolare su tutto questo. […]

jeremy allen white 3 jeremy allen white 3 fender telecaster springsteen fender telecaster springsteen bruce springsteen al bolognese bruce springsteen al bolognese jeremy allen white 1 jeremy allen white 1 jeremy allen white jeremy allen white jeremy allen white e rosalia jeremy allen white e rosalia jeremy allen white jeremy allen white STEVIE VAN ZANDT bruce springsteen STEVIE VAN ZANDT bruce springsteen jeremy allen white 2 jeremy allen white 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ