IL VIZIO E’ L’UNICA VIRTU’ - PARIGI DEDICA DUE MOSTRE A DE SADE CHE SCONVOLSE L’EUROPA CON LIBRI OSCENI E VITA LIBERTINA - OGGI IL DIVIN MARCHESE SI RITROVA OVUNQUE EPPURE ANCORA CI FA PAURA. PERCHÉ?

Perché in lui si fondono corpo e mente e la ragione è subordinata agli impulsi più profondi e più spaventosi. non rappresenta la libertà, rappresenta l’estremismo. La vera moralità per Sade era seguire le passioni più oscure e distruttive fino al limite, anche a costo della vita…

Condividi questo articolo


Jason Farago per “BBC

 

marchese de sade marchese de sade

«Uccidimi o prendimi come sono, perché io non cambierò», scriveva nel 1783 il carcerato Marchese De Sade a sua moglie. Non aveva mezze misure l’inarrestabile libertino, condannato a molti anni di galera ma incapace di ritrattare sui suoi gusti e sui suoi principi. Qualsiasi negazione della sua natura, per il marchese, equivaleva alla morte.

 

Sade è un autore riscoperto ma ancora frainteso. C’è l’opportunità di comprendere meglio questa controversa figura che ha influenzato la cultura europea, attraverso due mostre a Parigi. A fine mese al “Musée d’Orsay” apre “Sade: Attaquer le soleil”, mentre, lì a due passi, il “Musée des Lettres et Manuscrits” ha già inaugurato “Sade - Marquis de l'ombre, prince des Lumières”, che raccoglie i suoi libri e manoscritti, incluso quello di “Le 120 giornate di Sodoma”, scritto mentre scontava la pena nella Bastiglia.

 

Il prossimo dicembre si celebrano i 200 anni dalla morte dell’autore, che fu sia figura dell’Illuminismo (ammirava Rousseau) sia colui che si ribellò al primato della ragione e della razionalità sull’istinto. Nato nel 1740, era una personalità complessa. Aristocratico ma sostenitore della rivoluzione francese, scrittore di oscenità ma anche di opere convenzionali.

marchese de sade marchese de sade

 

Naturalmente preferiva forme di rapporto sessuale particolari, al punto che esistono pratiche che portano il suo nome (sadismo). Eppure, come Voltaire e Rousseau prima di lui, i suoi romanzi offrivano una duplice lettura: intrattenevano ed erano trattati filosofici. Anche al massimo dell’oltraggio, Sade non era uno scrittore pornografico. “Le 120 giornate di Sodoma”, pure con la sua lunga lista di sanguinamenti e morte, non mira assolutamente a stimolare sesso. Il suo miglior romanzo, “Justine”, non scandalizzò la società francese per gli eccessi pornografici ma per la sua cupa visione morale, dove abusare di altre persone non solo è accettabile ma addirittura virtuoso.

marchese de sade marchese de sade

 

La vera moralità per Sade era seguire le passioni più oscure e distruttive fino al limite, anche a costo della vita. Era fervidamente contro la pena di morte, ma non contro l’omicidio: uccidere qualcuno per passione era un conto, innalzare l’omicidio a legge era barbarico. Per lui, i desideri più crudeli e vili, non erano aberrazioni, ma aspetti intrinsechi alla natura umana. La nobiltà è una frode ma la crudeltà è naturale. L’immoralità è l’unica moralità, il vizio è l’unica virtù.

 

libri di de sade in mostra a parigi libri di de sade in mostra a parigi

Sade non si limitò a scrivere di eccessi. Lui visse di eccessi. E per questo trascorse un terzo della sua vita in prigione. I suoi libri furono banditi subito dopo la sua morte, ma la sua visione continuò a diffondersi. Solo verso la fine del diciannovesimo secolo le sue opere vennero riscoperte. Per molti lettori questa fu l’opportunità per accreditare alcune loro indulgenze sessuali, ma per gli scrittori della sua epoca, Sade fu molto di più: era il filosofo di un mondo che si era capovolto.

 

kate winslet e geoffrey rush in quills kate winslet e geoffrey rush in quills

E’ innegabile la sua influenza sui pittori Goya, Delacroix, sugli scrittori Baudelaire, Apollinaire, Mann, sui registi  Pier Paolo Pasolini e Nagisa Oshima. Ed è difficile pensare a

un Sigmund Freud senza Sade, il quale aveva piazzato la libido al centro dell’uomo con un secolo di anticipo.

 

il manoscritto le centoventi giornate di sodoma il manoscritto le centoventi giornate di sodoma

Sade si ritrova ovunque eppure ancora ci fa paura. Perché? Perché in lui si fondono corpo e mente e la ragione è subordinata agli impulsi più profondi e più spaventosi. Non rappresenta la libertà, rappresenta l’estremismo. E’ il profeta di un mondo che supera i suoi limiti, e in un mondo che si sta spingendo al collasso economico, politico, ecologico, la sua oscura visione dell’umanità ci sembra spaventosamente credibile. 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...