ZELENSKY DA OSCAR – SEAN PENN: “SE IL PRESIDENTE UCRAINO NON SARÀ INVITATO MI AUGURO CI SIA UN BOICOTTAGGIO E UN ABBANDONO DELLA CERIMONIA. SE LASCIAMO L’UCRAINA COMBATTERE DA SOLA, PERDIAMO LA NOSTRA ANIMA” – LA SCUSA PER NON PARLARE DI UCRAINA È CHE LA POLITICA NON DEBBA ENTRARE AL DOLBY THEATRE. GIUSTO: ALLORA PERCHÉ NEGLI ULTIMI ANNI CI HANNO FRACASSATO I CABASISI CON CLIMATE CHANGE E INCLUSIVITÀ? UN PAESE INVASO NON VALE LA STESSA ATTENZIONE?

-

Condividi questo articolo


 

 

Laura Zangarini per www.corriere.it

 

volodymyr zelensky agli oscar meme volodymyr zelensky agli oscar meme

Se il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky non sarà invitato o non gli sarà consentito di parlare agli Oscar «mi auguro» ci sia un boicottaggio e un abbandono della cerimonia.

 

Lo ha dichiarato l’attore e regista Sean Penn alla CNN. Il divo premio Oscar, che era a Kiev per un documentario quando la Russia ha lanciato l’offensiva contro l’Ucraina, ha attivato la sua fondazione umanitaria che aiuterà i rifugiati in Polonia.

 

sean penn oscar 2004 sean penn oscar 2004

«L’Ucraina è la punta di diamante della lotta per i sogni della democrazia. Se la lasciamo a combattere da sola, perdiamo la nostra anima come America», ha affermato Penn. Secondo indiscrezioni, le trattative per un intervento del leader ucraino sarebbero in corso. ABC, la rete che trasmette la cerimonia, si è detta favorevole alla partecipazione del presidente ucraino. Ma non tutti sono convinti temendo una politicizzazione della serata.

 

sean penn in collegamento da varsavia con la cnn sean penn in collegamento da varsavia con la cnn

 

Non sarebbe del resto la prima volta che l’attualità politica si affaccia nel corso della «Notte degli Oscar». Nel 1944, mentre la Seconda Guerra Mondiale volgeva al termine, con i nazisti in Europa ormai accerchiati dalle forze alleate, «Casablanca» vinceva la statuetta come miglior film. Una situazione che oggi, nel 2022, nessuno pensava di dover rivivere, seppure in proporzioni diverse, con l’invasione russa. La notte degli Oscar punterà i riflettori su questa tragedia, e da Los Angeles appelli contro la guerra, forse anche duri attacchi al presidente russo Vladimir Putin, rimbalzeranno nelle case di tutto il mondo.

Sean Penn e Zelensky Sean Penn e Zelensky

 

Secondo il «New York Post», Zelensky sarebbe in trattative con l’Academy per fare un’apparizione video durante la trasmissione, ma non è chiaro se dal vivo o in un messaggio registrato.

 

Hollywood d’altronde non è nuova a utilizzare la serata di gala più attesa del cinema mondiale per attirare l’attenzione sui temi più importanti e delicati. Sono tantissimi gli attori, i registi, gli sceneggiatori che, salendo sul palco a ritirare la statuetta, negli anni hanno lanciato appelli, soprattutto contro il razzismo, contro le banche e le multinazionali, per i diritti delle donne, dei gay, delle minoranze.

 

Negli ultimi anni al centro dell’attenzione era finito soprattutto l’ambiente: il riscaldamento globale è un argomento che molte star hanno preso a cuore e contro il quale si battono, e non solo a parole. Un’usanza diventata «tradizione» solo negli ultimi anni, mentre un tempo la cerimonia era più «ingessata» e solo le grandi star si permettevano di rompere il protocollo.

volodymyr zelensky volodymyr zelensky

 

Tra i primi Marlon Brando, che mandò l’attivista per i diritti degli indiani Sacheen Littlefeather a ritirare il suo premio per «Il Padrino». Jane Fonda negli anni ‘70 parlò contro la guerra in Vietnam. Nel 1993, Richard Gere fece un famoso discorso a favore del Tibet e contro la Cina. Tra gli altri, Michel Moore parlò di Iraq ritirando il suo Oscar per« Bowling a Columbine» nel 2003 e Sean Penn si schierò a favore delle nozze gay ritirando l’Oscar per «Milk. La parentesi del Covid ha cambiato molte cose nel mondo, il cinema ha sofferto come e più di tanti altri settori, e quest’anno torna a celebrare i suoi idoli — e a autocelebrarsi — al Dolby Theatre, presso lo Hollywood & Highland Center. Ma la guerra in Ucraina irromperà sul palco più glam del mondo, in un modo o nell’altro.

sean penn in ucraina 8 sean penn in ucraina 8 sean penn in ucraina 9 sean penn in ucraina 9 Alexander Rodynasky Sean Penn Alexander Rodynasky Sean Penn Sean Penn in Ucraina Sean Penn in Ucraina volodymyr zelensky volodymyr zelensky sean penn sean penn

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)