L'AFFARE ESCORT-APPALTI SI INGROSSA! –  NON È SOLO LA PROCURA DI REGGIO EMILIA A INDAGARE SUL CASO DELL’IMPRENDITORE ENRICO BENEDETTI, IL TITOLARE DELLA SOCIETÀ DI BIBBIANO ARRESTATO PERCHÉ FORNIVA PROSTITUTE E CENE IN CAMBIO DI APPALTI SULLO SMALTIMENTO DI RIFIUTI – AD ASTI È STATO APERTO UN FASCICOLO PER FINANZIAMENTO ILLECITO AI PARTITI. GLI INQUIRENTI SOSPETTANO UN “METODO” SU SCALA NAZIONALE DA PARTE DI BENEDETTI PER OTTENERE COMMESSE – LE INDAGINI DIRANNO SE ANCHE IN PIEMONTE SIA STATA MANDATA QUALCHE PROCACE PROSTITUTA IN AVANSCOPERTA...

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Giacomo Amadori per “La Verità”

 

ENRICO BENEDETTI ENRICO BENEDETTI

I «facilitatori» dell’imprenditore di Bibbiano Enrico Benedetti non erano i classici lobbisti o esperti di comunicazione. Per la Procura di Reggio Emilia, diretta da Gaetano Paci, gli speciali collaboratori del ras della raccolta dei rifiuti, arrestato martedì, svolgevano pure loro incontri preparatori in vista delle riunioni decisive, come gli sherpa nella politica internazionale, ma non lo facevano con dossier e offerte tecniche, bensì con spogliarelli e amplessi.

 

Un metodo che non sarebbe stato utilizzato solo per ottenere commesse dagli apparati militari per lo smaltimento di missili e munizioni, ma anche per blandire i colletti bianchi delle pubbliche amministrazioni civili, in particolare i dirigenti delle municipalizzate incaricate di liberare le città dall’immondizia.

 

UNA DELLE ESCORT RECLUTATE DA ENRICO BENEDETTI UNA DELLE ESCORT RECLUTATE DA ENRICO BENEDETTI

Per questo gli uomini della Guardia di finanza reggiana, coordinati dal colonnello Ivan Bixio, hanno fatto visita a tre aziende: a Verona, a Siena e nel Bresciano. Ma se i media stanno seguendo con attenzione questa vicenda, in pochi sanno che ad Asti è in corso un’altra inchiesta che riguarda sempre l’azienda di Benedetti, la Ecologia soluzione ambiente (Esa), per quanto l’imprenditore non risulti al momento indagato.

 

Gli inquirenti piemontesi guidati dal procuratore Biagio Mazzeo hanno aperto un fascicolo per violazione della legge sul finanziamento ai partiti e ai politici dopo aver ricevuto, a dicembre, un esposto presentato dall’avvocato Alberto Pasta, ex vicesindaco e assessore della città del Palio, e da un consigliere comunale dei 5 stelle, l’ingegner Massimo Cerruti.

 

ENRICO BENEDETTI ENRICO BENEDETTI

Il legale, figlio d’arte (padre avvocato ed ex sindaco), già esponente del Partito liberale, è diventato un cacciatore di corrotti, militando nell’Italia dei valori di Antonio Di Pietro e sposando alcune tesi del Movimento 5 stelle. E proprio su iniziativa del partito di Giuseppe Conte, ha presentato l’esposto in Procura che ha portato all’avvio dell’inchiesta.

 

I due firmatari contestano le erogazioni garantite da 12 imprese (oltre che da tre persone fisiche) al sindaco di Asti, Maurizio Rasero (Forza Italia), in vista delle elezioni comunali del 2022, quando il primo cittadino ha bissato il successo del 2017. «Con riferimento ai contributi ricevuti dalle società, non risulta alcun verbale attestante la volontà societaria di corrispondere il contributo» viene contestato nel documento, «né alcun estratto o copia di bilancio attestante l’iscrizione del contributo stesso».

 

operazione leonida ESCORT DI LUSSO IN CAMBIO DI APPALTI PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI operazione leonida ESCORT DI LUSSO IN CAMBIO DI APPALTI PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI

Tranne che in un caso, in cui l’azienda ha inserito tra le uscite 10.000 euro come atto di liberalità, senza, però, sostiene l’esposto, indicare il beneficiario. Per questo Pasta e Cerruti concludono: «Se quanto sopra descritto corrisponde al vero, si è in presenza di un caso imponente e illegale di finanziamento elettorale pari a 33.500 euro, tale da minare addirittura la regolarità della competizione elettorale».

 

Non sappiamo se questi denari abbiano fatto vincere Rasero, ma di certo la mancata rendicontazione da parte delle società sembra non sia stata sottovalutata negli uffici della Procura, che per questo hanno iscritto il procedimento sul registro delle notizie di reato, con una precisa contestazione (l’illecito finanziamento), ma, per ora, senza indagati.

 

ENRICO BENEDETTI ENRICO BENEDETTI

Gli inquirenti confermano l’esistenza del fascicolo «perché è stato oggetto di conferenza stampa da parte dei denuncianti e perché, ovviamente, la Procura non può esimersi dall’iscrivere una notizia di reato una volta depositata». La Guardia di finanza sta procedendo alle indagini e ha attivato un canale di comunicazione con i colleghi di Reggio Emilia.

 

Infatti, tra le società finanziatrici della campagna elettorale di Rasero c’è l’Esa di cui Benedetti, arrestato per corruzione e favoreggiamento della prostituzione, è presidente. Ad attirare l’attenzione di Pasta e Cerruti sulla società di Bibbiano, prima che la ditta finisse sui giornali per la vicenda reggiana, è stato un contributo di 3.000 euro al primo cittadino.

 

Cerruti spiega come sia nata la denuncia: «Stavamo spulciando tra i finanziamenti della campagna elettorale di Rasero e ci ha colpito che una società di Bibbiano avesse deciso di sostenere il sindaco di Asti. Quindi abbiamo scoperto che, combinazione, questa ditta ha ottenuto appalti da una partecipata, in una fase particolare: nei mesi scorsi l’amministrazione ha cambiato strategia per la raccolta dei rifiuti, che non avviene più porta a porta, ma in isole specifiche. I vecchi cassonetti sono, quindi, stati rimpiazzati e il bando, pubblicato pochi giorni dopo le elezioni, coincidenza, se l’è aggiudicato l’Esa».

 

escort (4) escort (4)

Nella denuncia sono riportati gli importi precisi delle commesse: «Il 25 luglio 2022 l’Asti servizi pubblici (Asp) Spa indiceva una gara all’offerta economicamente più vantaggiosa per “l’affidamento della fornitura di un sistema integrato di raccolta con contenitori con aggancio tipo F90 e apertura controllata con riconoscimento utenti” avente base d’asta per 950.000 euro. Tale gara veniva aggiudicata alla Esa Spa», che era capogruppo di un’associazione temporanea di imprese (Ati) insieme alla Emz tecnologie ambientali di Bolzano.

 

A concorrere c’era solo un’altra Ati. Vincente è stata un’offerta al ribasso da 835.472 euro, rimpinguata con una successiva «integrazione/estensione» dell’accordo del valore di circa 167.000 euro. Un milione tondo tondo complessivo, a cui va aggiunta l’Iva. L’esposto riporta anche un altro affidamento diretto, assegnato il 9 giugno 2023, da parte dell’Asp alla ditta emiliana, per la fornitura di «45 campane per il vetro di colore bianco e servizi ancillari (e qui le escort non c’entrano, ndr)» in cambio di «137.127,20 euro (oltre Iva)».

 

ENRICO BENEDETTI ENRICO BENEDETTI

Gli esponenti a questo punto evidenziano un dettaglio interessante: «È singolare il fatto che una gara con identico oggetto e fornitura sia stata indetta da Asp il 7 dicembre 2021 con base d’asta di 580.000 euro: tale gara era andata deserta». Quella successiva ha, invece, attirato dei candidati ed è stata vinta dall’Esa. Forse perché «nell’intervallo di sette mesi la base d’asta è lievitata del 67 per cento».

 

Nel mirino dei querelanti anche un bando da 11 milioni di euro per la costruzione di una scuola, vinto da una ditta che ha versato al sindaco 10.000 euro per la campagna. Se ci sia qualcosa di anomalo nel finanziamento di Rasero e negli affidamenti degli appalti dovranno stabilirlo gli inquirenti. Ma intanto in tutta Italia non solo gli investigatori, ma anche i cronisti stanno andando alla ricerca di gare vinte da Benedetti e dalla sua Esa.

 

ENRICO BENEDETTI ENRICO BENEDETTI

Per esempio, a Genova due anni fa è stato assegnato un appalto da 28 milioni per il rinnovo dei cassonetti e dei camion per la raccolta differenziata dell’immondizia. Una commessa per cui venne presentata una sola offerta, quella di un raggruppamento temporaneo di quattro imprese, tra cui la Esa.

 

La società di Bibbiano ha una quota del 16 per cento nel sodalizio e si deve occupare della manutenzione dei cassonetti che ha in parte fornito. Le indagini ci diranno se anche in Piemonte e in Liguria sia stata mandata qualche procace escort in avanscoperta.

escort (14) escort (14) escort escort

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”

“QUELLA E' LA TU REGAZZA, O TE C'HANNO VOMMITATO ACCANTO?” – “TE RETTIFICO LA VENA CACATORIA'' - ''SI' TE 'O METTO 'N SPALLA, ALTRO CHE VIA CRUCIS’’ - ‘’ERA COSI' ARRAPATA CHE JO' DOVUTO STRIZZA' LE MUTANDINE – ‘’C'HAI DU' CORNA CHE SE VAI A VEDE 'NA PARTITA DE RAGBI TE FANNO META SUR CRANIO’’ – ‘’OGNI BUCO E' BONO; PURE QUELLO D'OZONO’’ - DAGOSPIA PRESENTA LO ZINGARELLI DELLA COATTERIA ROMANA - UN INDISPENSABILE MANUALE DI CONVERSAZIONE PER COLORO I QUALI DOVESSERO IMBATTERSI, INDIFESI, IN UN DIALOGO CON ''GIORGIA, LA REGINA DI COATTONIA'' – ULTIMA PARTE: APPREZZAMENTI A SFONDO SESSUALE... - VIDEO

‘’TE PIJO A PISELLATE SU'E GENGIVE’’ – ‘’M'HAI SCUCITO LA FODERA DER CAZZO’’ – ‘’TE STRAPPO LE BUDELLA E TE CE 'MPICCO’’ – ‘’’SÒNA 'N MEZZO ALLE COSCE DE TU' MOJE CHE CE STA PIU' TRAFFICO’’ – ‘’SI' TE SGRULLO TE FACCIO CASCA' TUTTI LI TATUAGGI’’ – “- A' COMETECHIAMI” - DAGOSPIA PRESENTA LO ZINGARELLI DELLA COATTERIA ROMANA - UN INDISPENSABILE MANUALE DI CONVERSAZIONE PER COLORO I QUALI DOVESSERO IMBATTERSI, INDIFESI, IN UN DIALOGO CON LA REGINA DI COATTONIA, ALIAS GIORGIA MELONI – SECONDA PARTE: MINACCE E INSULTI - VIDEO