'STI PISCHELLI AMMAZZANO COME SE FOSSERO IN UN VIDEOGIOCO - IL 12ENNE CHE HA APERTO IL FUOCO IN UNA SCUOLA IN FINLANDIA, UCCIDENDO UN COETANEO E FERENDONE ALTRI DUE, SI E' PROCURATO L'ARMA RUBANDOLA A UN FAMILIARE. AL MOMENTO DELLA SPARATORIA INDOSSAVA UNA MASCHERA E UN PAIO DI CUFFIE - PER LA POLIZIA L'ATTENTATORE HA SCELTO LE VITTIME A CASO E AL MOMENTO DELL'ARRESTO NON HA SPIEGATO I MOTIVI DIETRO AL SUO GESTO - IL RAGAZZINO NON FINIRA' IN CARCERE PERCHÉ HA MENO DI 15 ANNI… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Alessandro D’Amato per www.open.online

 

arresto del 12enne autore della sparatoria nella scuola in finlandia 2 arresto del 12enne autore della sparatoria nella scuola in finlandia 2

Il ragazzino di 12 anni che ha aperto il fuoco in una scuola in Finlandia uccidendo un coetaneo e ferendone altri due indossava una maschera e un paio di cuffie quando ha cominciato a sparare. Il giovane non finirà in carcere perché ha meno di 15 anni e quindi secondo la legge non può essere ritenuto penalmente responsabile.

 

Secondo le prime investigazioni l’arma era munita di licenza e lui se l’è procurata rubandola a un familiare. Attualmente è in affido ai servizi sociali. Ieri, 2 aprile, il ragazzino ha aperto il fuoco nella scuola Viertolan, che si trova a Vantaa, quarta città del paese per abitanti. Si trova a 20 chilometri da Helsinki ed è frequentata da 800 studenti di età compresa tra i 7 e i 15 anni.

 

[…] L’arresto è avvenuto in modo tranquillo: la polizia ha fatto sapere che il ragazzo non fa parte di gruppi criminali o gang. […] Apparentemente ha scelto le vittime in modo casuale. Era iscritto a quella scuola da appena due mesi.

sparatoria nella scuola finlandia 2 sparatoria nella scuola finlandia 2

 

IL MOVENTE

Secondo i media finlandesi il bambino ha soltanto ammesso di aver sparato, senza fornire spiegazioni per il suo gesto. […] La Finlandia ha vissuto due tragedie simili all’inizio degli anni 2000. Nel 2007 un uomo di 18 anni ha sparato in una scuola a Jokela uccidendo otto persone tra cui un preside, un’infermiera e sei studenti. Poi si è tolto la vita. Nel settembre 2008 a Kauhajoki Matti Juhani Saari, 22 anni, ha ucciso dieci persone e si è suicidato.

sparatoria nella scuola finlandia 3 sparatoria nella scuola finlandia 3

 

LE ARMI IN FINLANDIA

In Finlandia ci sono più di un milione e mezzo di armi da fuoco autorizzate e 430 mila detentori di porto d’armi su un totale di 5,6 milioni di abitanti. Il paese ha inasprito la legislazione sulle armi nel 2010. Introducendo un test attitudinale e innalzando il limite d’età per possederle da 18 a 20 anni.

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

arresto del 12enne autore della sparatoria nella scuola in finlandia 3 arresto del 12enne autore della sparatoria nella scuola in finlandia 3 sparatoria in una scuola in finlandia 3 sparatoria in una scuola in finlandia 3 sparatoria in una scuola in finlandia 2 sparatoria in una scuola in finlandia 2 sparatoria in una scuola in finlandia 1 sparatoria in una scuola in finlandia 1 arresto del 12enne autore della sparatoria nella scuola in finlandia 1 arresto del 12enne autore della sparatoria nella scuola in finlandia 1 sparatoria in una scuola in finlandia 5 sparatoria in una scuola in finlandia 5 sparatoria in una scuola in finlandia 4 sparatoria in una scuola in finlandia 4 sparatoria in una scuola in finlandia 6 sparatoria in una scuola in finlandia 6 sparatoria nella scuola finlandia 1 sparatoria nella scuola finlandia 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…

DAGOREPORT –  PER SALVARE IL "CAMERATA" ROSSI, PROSSIMO A.D. RAI, UNA MELONI INCAZZATISSIMA VUOLE LA TESTA DEL COLPEVOLE DEL CASO SCURATI PRIMA DEL 25 APRILE: OGGI SI DECIDE IL SILURAMENTO DI PAOLO CORSINI, CAPO DELL'APPROFONDIMENTO (DESTINATO AD ESSERE SOSTITUITO DOPO LE EUROPEE DA ANGELA MARIELLA, IN QUOTA LEGA) – SERENA BORTONE AVEVA PROVATO A CONTATTARE CORSINI, VIA TELEFONO E MAIL, MA SENZA RICEVERE RISPOSTA - ROSSI FREME: PIÙ PASSA IL TEMPO E PIU’ SI LOGORA MA LA DUCETTA VUOLE LE NOMINE RAI DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO SICURA DEL CROLLO DELLA LEGA CON SALVINI IN GINOCCHIO…)