ABUSI E COSTUMI – RICORDATE IL 40ENNE BENGALESE ASSOLTO DAI GIUDICI DI BRESCIA DALL’ACCUSA DI MALTRATTAMENTI E VIOLENZA SESSUALE NEI CONFRONTI DELLA MOGLIE PERCHÉ "LA DISPARITÀ TRA L’UOMO E LA DONNA È UN PORTATO DELLA SUA CULTURA”? – PER I GIUDICI "IL FATTO NON SUSSISTE" ANCHE PERCHÉ LA MOGLIE L’AVREBBE TRADITO – IL RICORSO IN APPELLO DELL’AVVOCATO DELLA DONNA...

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Estratto dell’articolo di Rosa Scognamiglio per www.ilgiornale.it

 

VIOLENZA DOMESTICA VIOLENZA DOMESTICA

Il cittadino bengalese accusato di maltrattamenti e violenza sessuale nei confronti della ex moglie, una connazionale di 28 anni, è stato assolto il 17 ottobre scorso dai giudici del Tribunale di Brescia sulla base "di una nuova scriminante, quella dell'adulterio, anche peggio rispetto a quella giuridicamente abominevole opzione paventata dall'accusa di una presunta quanto inesistente scriminante culturale".

 

Lo scrive il difensore della donna, l'avvocato Valentina Guerrisi, nel ricorso in appello contro l'assoluzione dell'imputato e le polemiche scaturite dalla prima richiesta di archiviazione da parte del pubblico ministero che aveva chiamato in causa "l'impianto culturale di origine" della coppia.

violenza domestica 6 violenza domestica 6

 

Stando a quanto riporta l'Agi, il ricorso dell'avvocato Guerrisi contiene alcuni passaggi "molto critici" sulle motivazioni esposte dai giudici bresciani nella sentenza di assoluzione pronunciata in favore 40enne bengalese. Il legale sottolinea come il Tribunale abbia ritenuto di poter assolvere "'perché il fatto non sussiste' in ragione di un giudizio etico e morale (prima ancora che giuridico) sul comportamento presuntamente tenuto dalla vittima senza alcuna valutazione delle condotte dell'imputato".  […]

 

violenza domestica 5 violenza domestica 5

La vicenda risale al 2019, quando la 28enne - nata in Bangladesh ma cresciuta in Italia - ha denunciato l'ex marito per maltrattamenti e violenza sessuale. A settembre del 2023, nell'atto conclusivo del processo, il pm ha chiesto l'assoluzione del 40enne spiegando che "i contegni di compressione delle libertà morali e materiali della parte offesa" da parte dell'imputato erano "il frutto dell’impianto culturale e non della sua coscienza e volontà di annichilire e svilire la coniuge per conseguire la supremazia sulla medesima".

 

violenza domestica 4 violenza domestica 4

Inoltre, secondo il pubblico ministero "le condotte dell’uomo sono maturate in un contesto culturale che sebbene inizialmente accettato dalla parte offesa si è rivelato per costei intollerabile proprio perché cresciuta in Italia e con la consapevolezza dei diritti che le appartengono e che l’ha condotta ad interrompere il matrimonio". […]

violenza domestica 3 violenza domestica 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

BERGOGLIO? UNO DI NOI: TE LO DO IO IL POLITICAMENTE CORRETTO! "NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" E QUINDI I VESCOVI DEVONO SEMPRE, LETTERALMENTE, "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE". PAPALE PAPALE! - LO RIFERISCONO, TRA IL BASITO E L’ALLEGRO, PARECCHI VESCOVI ITALIANI CHE QUESTA SETTIMANA SONO INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMOSESSUALI - BERGOGLIO DEL RESTO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)