GLI AGRICOLTORI SO’ INCAZZATI E FORSE NON HANNO TUTTI I TORTI - DALL’UE ARRIVANO SOLO LE BRICIOLE AI PICCOLI COLTIVATORI: TRE QUARTI DEI FONDI ALLE GRANDI AZIENDE - L’83% RICEVE APPENA IL 23% DEI FINANZIAMENTI, NON OLTRE 5 MILA EURO A TESTA - IL GROSSO DEI TRE MILIARDI E MEZZO DI EURO DISTRIBUITI NEL 2021 (OLTRE I TRE QUARTI DEI FONDI, IL 77%) E’ ANDATO ALLE AZIENDE MEDIO-GRANDI, CHE RAPPRESENTANO SOLO IL 17% DEL TOTALE – LO 0,03% DELLE AZIENDE HA RICEVUTO IL 14% DEI FINANZIAMENTI: TRA I 250 MILA E I 300 MILA EURO A TESTA. IL CRITERIO PREDOMINANTE È LA QUANTITÀ DI ETTARI DI TERRENO POSSEDUTO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Rosaria Amato per “la Repubblica”

 

PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI

Come è possibile che un comparto che assorbe circa un terzo del bilancio pluriennale europeo sia arrivato a portare i trattori nelle città? Se lo devono essere chiesto in molti in questi giorni, guardando alla tv le immagini delle proteste, in Italia e all’estero. Ma quella dell’agricoltura “sovvenzionata” è un’immagine che bisogna guardare con molta attenzione, da vicino, cercando di capire dove vanno veramente i fondi, e a chi.

 

Sicuramente non ai piccoli coltivatori: da uno studio dell’Associazione Rurale Italiana (Ari) sui pagamenti diretti della Politica Agricola Europea agli agricoltori italiani nel 2021 emerge che il 52,85% prende da zero (sì, neanche un euro) a 1250 euro. L’83% riceve appena il 23% dei finanziamenti, non oltre 5 mila euro a testa.

 

PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI

E allora a chi è andato il grosso dei tre miliardi e mezzo di euro distribuiti nel 2021? Alle aziende medio- grandi, che rappresentano solo il 17% del totale, vanno oltre i tre quarti dei fondi (il 77%). Lo 0,03% delle aziende ha ricevuto il 14% dei finanziamenti: tra i 250 mila e i 300 mila euro a testa. Il criterio predominante è la quantità di ettari di terreno posseduto: il 64% degli agricoltori italiani (e le proporzioni nel resto dell’Europa non sono troppo dissimili) ha meno di cinque ettari di terreno, e quindi ottiene pochissimo da Bruxelles.

 

E non si tratta di anziani che coltivano l’insalata per hobby, ma di persone che lavorano con grande sforzo, tutta la giornata, per un reddito molto basso. Se si contano le aziende che arrivano a 10 ettari si sfiora l’80% degli agricoltori italiani. Si capisce allora perché chi protesta, invadendo le autostrade con i trattori, ce l’ha con le grandi organizzazioni, soprattutto con Coldiretti, la più vicina al governo, in particolare al ministro dell’Agricoltura Francesco Lollobrigida.

PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI PROTESTA DEGLI AGRICOLTORI

 

L’accusa è di aver favorito criteri di distribuzione che privilegiano i grandi produttori, che adesso incassano anche il ritiro della proposta della Commissione Ue sul taglio dei fitosanitari. […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…